HOME - Cronaca
 
 
05 Febbraio 2020

Detraibilità dei pagamenti non tracciabili. Il Governo propone una proroga, ma solo di tre mesi

L’Esecutivo presenta un emendamento al decreto MIlleproghe. L’On. Nevi conferma la presentazione del suo che posticiperebbe, invece, l’entrata in vigore della norma di un anno

Nor. Mac.

Confusione su confusione sul tema della possibilità o meno di beneficiare della detrazione fiscale del 19% per le spese pagate in contanti. Il Governo sarebbe infatti intenzionato a fare un, piccolo, passo indietro sulla norma che dal primo gennaio 2020 obbliga i cittadini a pagare con strumenti tracciabili le spese detraibili, come quelle sanitarie, inserendo un emendamento al Milleproghe che posticiperebbe di tre mesi l’entrata in vigore dell’obbligo, quindi fino al 1 aprile 2020.

A preannunciarlo durante una riunione della maggioranza (secondo il Corriere della Sera) lo stesso Governo. 

Visto che, però la norma è pienamente in vigore da 36 giorni, il dubbio è, in attesa che la proroga si traduca in Legge, come consigliare, ora, i pazienti e soprattutto come fare per la registrazione delle spese sanitarie da inviare al StS, visto che si deve indicare se il pagamento è tracciabile o meno. 

Emendamento governativo che non cambia le intenzioni dell’On Raffele Nevi (FI), che conferma ad Odontoaitria33 la volontà di presentare il proprio emendamento che posticiperebbe di un anno l’entrata in vigore della norma e l’intenzione di dare poi battaglia per la sua abrogazione.

Photo Credit: Governo.it 

Articoli correlati

Un gruppo di autori italiani ha eseguito una revisione della letteratura SARS-CoV-2 e ha illustrato i protocolli di sicurezza in odontoiatria e medicina orale più accettati, proponendo un confronto...

di Lara Figini


Data la gravità del coronavirus 2019, o Covid-19 (SARS-CoV-2), è importante enfatizzare l’uso di adeguate precauzioni per il controllo delle infezioni in ambito odontoiatrico/...

di Lara Figini


I perni endodontici sono ampiamente utilizzati quando vi è una struttura coronale insufficiente per garantire la ritenzione di un restauro adeguato e durevole. I perni possono...

di Lara Figini


Donati a vari ospedali nelle aree più colpite dal virus, test rapidi certificati CE (COVID-19 IgG/IgM Rapid Test) per la rilevazione qualitativa di anticorpi anti COVID-19.


Ufficializzata dalla UE la volontà di posticipare l’entrata in vigore del nuovo Regolamento (UE) 2017/745 sui dispositivi medici


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


Manifestazione virtuale di 23 Ordini professionali (senza medici e dentisti) per dire basta alle discriminazioni nei loro confronti e ribadire al Governo il ruolo economico, sociale e sussidiario


Cosa sono e quali gli esami diagnostici che possono indicare la positività di un paziente al Covid-19 e quali le responsabilità ed i doveri del dentista?


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni