HOME - Cronaca
 
 
07 Febbraio 2020

Presentato l’emendamento per prorogare la prima scadenza ASO, ecco il testo

Lunedì dovrebbe essere discussa l’ammissibilità. Intanto è giallo su quello del Governo sui pagamenti tracciabili, non sarebbe tra quelli presentati

Nor. Mac.

Come anticipato, l’On. Raffaele Nevi insieme ai colleghi di Forza Italia, tra cui il presidente Fofi On. Andrea Mandelli, l’On. Stefania Prestigiacomo, L’On. Francesco Cannizzaro ed altri cinque, hanno presentato il sub emendamento al Decreto Milleproroghe che se approvato posticiperebbe di un anno la prima scadenza prevista da Decreto ovvero l’obbligo, dal 21 aprile 2020, di assumere solo ASO qualificate o con il riconoscimento dell’attività pregressa secondo i termini di legge. 

L’obiettivo dell’On. Nevi è quello di impedire che studi odontoiatrici e lavoratori si trovino in difficoltà ma anche, scrive nella relazione di presentazione del provvedimento, “di consentire agli uffici ministeriali e regionali di poter completare il percorso utile al superamento dei problemi individuati”. 

“Con l'avvento del DPCM del 8 febbraio 2018 ‘Individuazione del profilo professionale dell'Assistente di Studio odontoiatrico’ pubblicato in GU il 6 aprile 2018, almeno 20.000 delle ASO attualmente in attività- si legge nel testo di introduzione- rischiano la perdita del posto di lavoro. Si tratta di persone che svolgono da anni mansioni equivalenti a quelle previste nel DPCM ma sotto diverso inquadramento contrattuale rispetto a quanto indicato nel DPCM, non essendo in precedenza stato mai richiesto in questo settore uno specifico inquadramento di ruolo rispetto alla mansione effettivamente svolta. La questione è ben nota al Ministero della Salute, che sul tema ha già provveduto a convocare la conferenza dei servizi per aggiornare il DPCM, che prevede disposizioni transitorie le cui scadenze sono previste ad aprile 2020”.


Obbligo di tracciabilità dei pagamenti 

Se l’l’emendamento dell’On. Nevi che punta a posticipare l’introduzione dell’obbligo del pagamento con strumenti tracciabili per le spese detraibili, è ancora al vaglio ammissibilità, quello annunciato dal Governo che posticiperebbe l’entrata in vigore della norma di tre mesi, non sembra invece essere stato presentato. Secondo fonti parlamentari, il testo avrebbe ottenuto la ‘bollinatura’, ovvero il via libera da parte degli organi di controllo della copertura amministrativa e finanziaria, ma non sarebbe tra quelli contenuti nel maxi emendamento al Milleproroghe presentato alle commissioni Bilancio e Affari costituzionali della Camera dal Governo.  


Questo il testo del sub emendamento presentato dall’On. Nevi che interessa il profilo ASO 

A.C. 2325SUBEMENDAMENTO ALL’EMENDAMENTO 25.70 DEL RELATORE 

Dopo il comma 4-quater inserire il seguente: 4-quinquies. I termini previsti dalla disposizione transitoria di cui all’articolo 13 commi 1 e 2 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 9 febbraio 2018 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 6 aprile 2018, n. 80 sulla “Individuazione del profilo professionale dell’Assistente di studio odontoiatrico” sono prorogati di ulteriori dodici mesi.  

Articoli correlati

Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Le ordinanze a causa del coronavirus hanno costretto il SIASO e rimandar eil Congresso Nazionale programmato sabato 29 febbraio a Milano


Nessuna norma per l’odontoiatria ma vengono approvati due Ordini del Giorno, quello proposto dall’On. Nevi che impegna il Governo a prorogare la prima scadenza del DPCM sul profilo ASO e quello...


E’ corsa contro il tempo, ma vi sarebbero le condizioni per arrivare a modificare il Decreto prima della scadenza del 21 aprile 2020


I due sindacati odontoiatrici non parlano delle possibili modifiche ma si dicono fiduciosi e plaudono le Istituzioni per aver attivato un confronto per risolvere le criticità


Altri Articoli

Antonio De Falco

De Falco (CIMO): i medici nelle ore che dovrebbero dedicare alla formazione, devono svolgere le funzioni aziendali per sopperire alle carenze di personale


Landi (CAO Lodi): inconcepibile escludere i dentisti dalla distribuzione degli strumenti di protezione, si mette a rischio la loro salute e quella dei pazienti


Lo racconta via Skype Matteo Groppi, odontoiatra titolare di studio a Codogno. Queste le criticità sociali e professionali, ma c'è anche qualche aspetto positivo


Il SIASO rassicura i colleghi: sicure le normali procedure adottate dagli studi per la sicurezza sul lavoro. Ecco i casi in cui ci si può assentare dal lavoro e quelli non consentiti


Ai medici e dentisti sussidio sostitutivo e sospensioni dei contributi previdenziali. Intanto anche il Governo proroga i versamenti per i tributi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Ecco come vive un dentista nella Zona Rossa del Coronavirus