HOME - Cronaca
 
 
17 Febbraio 2020

Ordine del Giorno presentato per tentare di risolvere i problemi dell’ASO

L’On. Raffaele Nevi chiede al Governo di adoperarsi per posticipare la prima scadenza del DPCM dell’ASO per dare al Governo il tempo per approvare le modifiche


Dopo aver visto respinto come inammissibile l’emendamento presentato al Milleproroghe, l’On. Raffaele Nevi continua l’impegno per tentare di posticipare la prima scadenza prevista per il Decreto sul profilo professionale dell’ASO, presentando un Ordine del Giorno al decreto Milleproroghe.  

Se approvato impegnerebbe il Governo ad approfondire la questione della scadenza prevista dal DPCM sull'ASO e "di valutare l’opportunità di adottare ogni iniziativa di competenza finalizzata a prorogare le disposizioni transitorie del DPCM in questione per almeno 12 mesi ulteriori, in modo di consentire agli uffici ministeriali e regionali di poter completare il percorso utile al superamento dei problemi Individuati”.    

“I lavoratori oggi operanti negli studi e nelle strutture odontoiatriche in Italia come ASO sono circa 80.000”, spiega l’On. Nevi nella presentazione del documento.  

“Con l'avvento del DPCM del 8 febbraio 2018 "Individuazione del profilo professionale dell'Assistente di Studio odontoiatrico" pubblicato in GU il 6 aprile 2018 -continua- almeno 20.000 fra costoro rischiano la perdita del posto di lavoro”.

“Si tratta -spiga- di persone che svolgono da anni mansioni equivalenti a quelle previste nel DPCM ma sotto diverso inquadramento contrattuale rispetto a quanto indicato nel DPCM, non essendo in precedenza stato mai richiesto in questo settore uno specifico inquadramento di ruolo rispetto alla mansione effettivamente svolta”.  

“La questione -conclude l’On. Nevi- è ben nota al Ministero della Salute, che sul tema ha già provveduto a convocare la conferenza dei servizi per aggiornare il DPCM, che prevede disposizioni transitorie le cui scadenze sono previste ad aprile 2020”.  

Articoli correlati

Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


La settimana che ha preceduto questa, speriamo, penultima domenica del #iorestoacasaltrimentiilvicinochiamaivigli, è stata connotata da buone notizie (guardando con ottimismo) anche per il settore...

di Norberto Maccagno


Scaduto il termine per assumere ASO non qualificate, AIO si appella al Ministro chiedendo di approvare al più presto le modifiche al profilo già concordate nelle riunioni ministeriali


Abbondanza: l’emergenza pandemia ha di fatto “congelato” anche questa scadenza, “sollecitiamo il Ministero a dare risposte”


Altri Articoli

I ministeri competenti starebbero lavorando ad un Decreto per poter concedere anche ai professionisti il bonus da 600 euro ad aprile, che potrebbe essere esteso a mille a maggio


Disponibile da oggi il manuale: “Le infezioni nello studio odontoiatrico - manuale operativo di prevenzione del contagio per Odontoiatri, Igienisti e ASO”


Si allarga e semplifica il sistema per richiedere i finanziamenti garantiti dalla Stato. Introdotte più garanzie al datore di lavoro in caso di contagio da Covid-19


Queste le raccomandazioni dell’ISS e quanto contenuto nelle Indicazioni operative per l’attività odontoiatrica durante la Fase 2 


Alessandro Baj

Test sierologici fine a se stessi o studi multicentrici di ricerca? Ne abbiamo parlato con il professor Alessandro Baj


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni