HOME - Cronaca
 
 
23 Febbraio 2020

Coronavirus, nella zona rossa resterebbero chiusi anche gli studi odontoiatrici

Per il Prefetto lo studio odontoiatrico sarebbe equiparato alle attività professionali e negli 11 Comuni “focolaio”, gli studi dovranno rimanere chiusi salvo per le emergenze


Sono undici i Comuni in Lombardia e nel Veneto considerati zone rosse: Codogno, Castiglione d’Adda, Casalpusterlengo, Fombio, Maleo, Somaglia, Bertonico, Terranova dei Passerini, Castelgerundo e San Fiorano in Lombardia, Vo’ Euganeo in Veneto.
Secondo il decreto del Governo e delle Autorità locali prevedono oltre ai divieti di spostamento, l’obbligo di “dispositivi di protezione individuale” per l’accesso ai servizi pubblici e agli esercizi commerciali. Ingressi e uscite da questi comuni, che saranno presidiati dalle forze dell’ordine saranno consentiti solo in situazioni di reale necessità valutate caso per caso.  

Per ora la sospensione delle attività è per 7 giorni ma potrebbe essere prorogata per 14 giorni. 

Le attività Libero Professionali, come ad esempio gli studi odontoiatrici, situate all’interno dell’area considerata dall’ordinanza sono state definite dal Prefetto, secondo una nota dell’OMCeO di Lodi, in analogia con le attività produttive oggetto di chiusura, fatto salvo l’atteggiamento responsabile del singolo professionista che potrà rispondere alle emergenze. Ma il tutto è ancora in evoluzione, l’obiettivo, spiegano le Autorità, è quello di ridurre al massimo gli assembramenti.  

A questo link, invece, il decreto-legge del Governo che introduce misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019.  

Photo Credit: Ministero della Salute

Articoli correlati

Lo chiede Emilio Nuzzolese con il fine di studiare le più idonee misure anti-contagio e i DPI da impiegare nello studio odontoiatrico


Per i Medici Cimo Fesmed le misure del Governo non garantiscano la salute degli operatori. Pamich (UNIDI): oggi raccogliamo i frutti del puntare sulla delocalizzazione e la produzione a basso costo 


Decreto “Cura Italia”: gli operatori sanitari che operano a meno di un metro del paziente, possono lavorare solo se utilizzano DPI. Poca chiarezza su quali siano quelli idonei


In un video il presidente SIdP Luca Landi indica le procedure da adottare per la gestione del paziente nello studio odontoiatrico e quelle per prevenire il rischio di contagio per gli operatori ed i...


Nasce il MOOSS, un Gruppo di Medici Odontoiatri Operatori Sanitari e Socio Sanitari con l'obiettivo di raccogliere DPI inutilizzati e donarli a chi ne ha necessità e non li trova


Altri Articoli

Il presidente Fiorile scrive a Conte ed ai ministeri vigilanti: “congiuntura grave impedisce voto sereno” 


Corso online in diretta con il prof. Marco Esposito suddiviso in tre giornate. Si parte il 30 marzo, ancora disponibili dei posti


Sarà possibile richiedere fino al 15% della pensione annua. Come per il contributo dei mille euro, si dovrà attendere il via libera dei Ministeri vigilanti


Statement delle organizzazioni europee delle professioni sanitarie in cui si chiede all’Europa di tutelare chi è è in prima linea contro Covid-19


La comunicazione ai convenzionati: ‘’definito un piano di azione congiunto finalizzato a garantire il completo riallineamento dei pagamenti degli Estratti Conto Previmedical’’


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP