HOME - Cronaca
 
 
02 Marzo 2020

Roma denunciata finta dentista che “lavorava” in casa

Originaria dell’Ecuador pubblicizzava lo studio allestito nell’appartamento dove viveva. Scoperta dalla Polizia


Sono stati gli agenti della Polizia di Stato a denunciare una signora di 61 anni originaria dell’Ecuador che esercitava la professione di dentista. Secondo la stampa locale, gli agenti l'avrebbero scoperta “attraverso pedinamenti ed appostamenti nelle vicinanze dell’appartamento, hanno capito che la casa, tra l’altro pubblicizzata anche su una nota piattaforma social come studio dentistico, era frequentata da un gran numero di pazienti”.

Agenti che, entrati nell’abitazione, hanno scoperto in una parte dell’appartamento un vero e proprio studio odontoiatrico con riunito ed altre attrezzature necessarie alla cura dei pazienti.

Oltre alla denuncia per abusivismo professionale nei confronti della finta dentista, la parte dell’appartamento destinata a studio odontoiatrico e l’attrezzatura rinvenuta, è stata sottoposta a sequestro. 

Articoli correlati

Prima applicazione della nuova norma sull’abusivismo sanitario. D’Agostino (CAO): Legge Lorenzin si dimostra strumento efficacie


Sotto la lente del NAS l’attività svolta in una Srl odontoiatrica. Attrezzatura sequestrata e attività sospesa 


Finto dentista multato anche per non aver rispettato le norma anti Covid, ora al vaglio la situazione fiscale


Lo studio nei Quartieri Spagnoli era in pessime condizioni igienico sanitarie, denunciato il finto dentista


Sorpreso dai NAS mentre eseguiva prestazioni odontoiatriche. Nei guai anche lo studio dove operava


Altri Articoli

Nella restaurativa abbiamo visto tutto e il suo contrario, nella protesi pure. Il tema affrontato dal prof. Massimo Gagliani è quello dei perni

di Massimo Gagliani


Berrutti (UNIDI): Lo spostamento di Expodental Meeting a giugno tiene conto del mutato calendario fieristico e della volontà di espositori e visitatori di incontrarsi nuovamente


La Regione: quelli che svolgono tirocinio sono da considerare a tutti gli effetti operatori sanitari ai fini della normativa in materia di profilassi vaccinale


L’Associazione chiede di inserire nel Milleproroghe l’esenzione IVA su tutti i DPI finché non sia definitivamente superato lo stallo delle vaccinazioni e superato lo stato di emergenza


Assessore Lopalco: Ci vuole un po’ di pazienza, ma nel giro di qualche settimana riusciremo a vaccinare tutti gli operatori sanitari, odontoiatri compresi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale