HOME - Cronaca
 
 
16 Marzo 2020

Coronavirus, dona i DPI a chi ne ha bisogno

Nasce il MOOSS, un Gruppo di Medici Odontoiatri Operatori Sanitari e Socio Sanitari con l'obiettivo di raccogliere DPI inutilizzati e donarli a chi ne ha necessità e non li trova


Tra le tante emergenze, quella della carenza di DPI è forse una delle più sentite, soprattutto per chi è in prima linea nel tutelare la nostra salute, ma anche per i tanti operatori che stanno in questi giorni garantendo la nostra sicurezza ed i servizi essenziali. 

La stampa locale ci racconta di varie iniziative in tutta Italia per cercare di consentire di reperirli e tra queste anche gli odontoiatri si stanno rendendo protagonisti cedendo, a chi ne ha necessità, le scorte inutilizzate dei propri studi. 

Tra queste quella promossa dall’odontoiatra di Saronno Tommaso Mascarello (nella foto) odontoiatra di Saronno.“L’idea è nata leggendo i messaggi che arrivavano dal gruppo dei medici di medicina genarle nel gruppo dell’Ordine di Varese, già i primi giorni di emergenza in Lombardia, che lamentavano l’impossibilità di trovare DPI per loro stessi. Allora ho pensato: ma che me ne faccio delle scorte di guanti e mascherine, visto che lo studio è di fatto chiuso, ed ho cominciato a portarle ai colleghi medici e sparso la voce tra i dentisti della mia zona invitandoli a fare lo stesso”. 

Così il passa parola anche virtuale, e le telefonate del dott. Mascarello ai colleghi, ha “scatenato” la solidarietà dei medici de dentisti che sono corsi in studio per prendere gli strumenti di protezione inutilizzati e regalarli a i colleghi di medicina generale, ai farmacisti ma anche agli infermieri nelle case di accoglienza per anziani, ai Carabinieri e Poliziotti ed a tutti quelli che ne hanno necessità indispensabile per continuare a svolgere l loro opera di assistenza in sicurezza. 

Ora, l’iniziativa del dott. Mascarello, che ha già permesso di donare migliaia di DPI in provincia, si sta strutturando coinvolgendo anche altre categorie di medici e sanitari, che hanno ridotto l’attività, è supportata dalle Istituzioni locali e dall’Ordine.  

Anche grazie all’aiuto del dott. Alberto Ciatti, consigliere CAO Varese, si tenta ora di esportare l’iniziativa in altre provincie e regioni, cercando di coordinare gli aiuti. Per questo è nato il comitato "Medici Odontoiatri Operatori Sanitari e Socio Sanitari uniti contro il Covid-19 ", con il motto "Diamoci una M.O.O.S.S.S!!". 

"Sfruttando le potenzialità dei social network e i rapporti di vicinato- spiegano i promotori- stiamo cercando di aiutare i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta che attualmente hanno difficoltà a reperire, dall'Agenzia di Tutela della Salute di Varese, alcune tipologie di DPI, in attesa che il sistema di approvvigionamento torni alla normalità. 

Vorremmo estendere l'iniziativa a tutta Italia, così da non trovarci impreparati se la carenza di DPI dovesse verificarsi anche altrove, come sta già accadendo. Per questa ragione serve l'aiuto di tutti". 

La dotazione ideale da consegnare a ciascun medico di medicina generale, spiegano, è di 1 occhiali protettivi, 4 mascherine, 4 camici,4 copriscarpe, 4 cuffiette, 1 confezione salviette igienizzanti, 1 confezione di guanti.  

L’appello a chi ha queste dotazioni in magazzino, inutilizzate, di contattare il Gruppo che si farà carico di ritirare e distribuirli nelle strutture e verso gli operatori che ne hanno la necessità. 

Questi i contatti: 

Mail: mceocontrocovid19@gmail.com 

Pagina Facebook per Varese a questo link.

Pagina Facebook Nazionale a questo link.

Articoli correlati

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Altri Articoli

La disparità di trattamento, in tema di aiuti causa pandemia, tra attività gestite da un iscritto ad un Albo professionale e quella da un cittadino munito di partita iva è...

di Norberto Maccagno


Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni