HOME - Cronaca
 
 
22 Aprile 2020

Assistenti di studio, AIO scrive al Ministro Speranza: approvate correttivi già concordati

Scaduto il termine per assumere ASO non qualificate, AIO si appella al Ministro chiedendo di approvare al più presto le modifiche al profilo già concordate nelle riunioni ministeriali


Scaduta la possibilità per gli studi odontoiatrici di assumerne ASO non qualificate (si veda nostro approfondimento), AIO scrive al Ministro della Salute Roberto Speranza chiedendo di “applicare le modifiche al DPCM 9 febbraio 2018 (“Individuazione del profilo professionale dell’Assistente di Studio Odontoiatrico”) concordate lo scorso febbraio tra Sindacati Odontoiatrici in qualità di datori di lavoro e Associazioni degli Assistenti di Studio in qualità di dipendenti per uniformare formazione e qualifica del nuovo profilo ASO”. 

AIO ricorda la Ministro Speranza che la possibilità, oggi scaduta, di assumere un ASO non qualificata per poi formarla era “un termine prezioso per sanare posizioni ancora più preziose per il team odontoiatrico”. “Una scadenza –spiega il presidente Fausto Fiorile nella nota inviata- che purtroppo è stata posta in secondo piano dall’emergenza coronavirus. Ma nel frattempo i termini sono rimasti quelli del DPCM precedente, sono scaduti e siamo nel limbo”.  Ecco perché AIO invita il Ministro ad emanare al più presto i correttivi concordati nella riunione di due mesi fa, “quando si era trovato un accordo su tempistiche ragionevoli e molte altre questioni”, ricorda. 

“Sin dall’uscita del DPCM – ricorda il segretario nazionale Danilo Savini – AIO ha sollevato alcune problematiche sulla possibilità di allineare contratto e formazione del personale di studio e le ha poste all’attenzione di Ministero e Regioni. Si era raggiunto un compromesso al termine di una riunione proficua, ma adesso il percorso si è arenato, dal Ministero nulla si muove”. 

“A chance omogenee di lavoro sono interessate decine di migliaia di lavoratrici – ricorda il presidente Fiorile – e il nodo è delicato anche in vista della ripartenza dei nostri studi dopo l’emergenza Covid-19, una ripresa che auspichiamo a breve. L’esortazione al Ministero della Salute è di non aggiungere problemi a problemi, si introducano le modifiche al DPCM, si approvino e si risolva questa situazione di stallo”. 

A questo link la lettera inviata da AIO al Ministro Roberto Speranza.

_______________________________________________________________________ 

EDRA spa (editore di Odontoiatria33), per favorire l’informazione in questo momento particolare anche per il settore, ha deciso di lasciare fruibili a tutti i contenuti prodotti. Se volete comunque sostenere la qualità dell’informazione di Odontoiatria33 

Articoli correlati

Sicurezza sul lavoro, rinnovo del contratto scaduto ad aprile 2018 e maggiore considerazione del Sindacato tra le richieste avanzate 


L’ipotesi: remunerare i costi della prestazione attraverso forme di defiscalizzazione. Le anticipazioni dal presidente Ghirlanda in una intervista a “Il commento politico”.


Parere positivo dalla Conferenza Stato Regioni all’accordo di proroga di 12 mesi per assumerne ASO non qualificate


Domani potrebbe arrivare il primo via libera necessario per prorogare di un anno le scadenze previste dal nuovo profilo ASO su assunzioni


La settimana che ha preceduto questa, speriamo, penultima domenica del #iorestoacasaltrimentiilvicinochiamaivigli, è stata connotata da buone notizie (guardando con ottimismo) anche per il settore...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Il presidente Alessandro Nisio con alcune riflessioni su numero programmato, odontoiatria pubblica, futuro e gli sbocchi professionali dei giovani odontoiatri, apre il dibattito sulle riforme da...


Per il prof. Gagliani si guarda al problema come meri sostenitori dei propri interessi mentre manca non solo una programmazione ma anche una visione futura “delle professioni” di odontoiatra


Dentisti, igienisti dentali ed odontotecnici li tengono sotto “pressione” per l’intera giornata. I consigli degli esperti per prendersene cura


Ridurre i laureati in Italia aumenterebbe quelli all’estero. Queste le iniziative dell’Università italiane per garantire una formazione anche pratica di alto livello


Il dott. Calderoli ci aiuta a ricordare la nascita del Corso di Laurea in Odontoiatria e le reticenze e polemiche del tempo, già “caratterizzato” dalla pletora odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION