HOME - Cronaca
 
 
12 Maggio 2020

COVID-19: in Francia mascherine gratis agli operatori sanitari

Anche i dentisti ricevono, gratuitamente le mascherine necessarie con lo scopo di limitare il più possibile la diffusione del virus e supportare la ripresa dell’attività. Consegnate anche ai loro pazienti

Lorena Origo

Dall’inizio dell’epidemia di COVID-19, il Ministero della salute francese ha organizzato la distribuzione di mascherine FFP2 ai professionisti del settore sanitario, dentisti liberi professionisti inclusi, con l’obiettivo prioritario di proteggerli e di preservare, così, la capacità di risposta del sistema sanitario.

Nella fase di allentamento delle misure di contenimento, le distribuzioni continuano, con lo scopo di limitare il più possibile la diffusione del virus e supportare la ripresa dell’attività.

La strategia prevede la distribuzione di 100 milioni di mascherine ogni settimana, cifra modulabile a fronte della reale capacità di approvvigionamento.

In questo modo, i professionisti dei settori sanitari vedono la loro dotazione complessiva aumentare e nuovi settori della sanità potranno anch’essi beneficiare delle dotazioni statali. Le dotazioni saranno calcolate per persona, in base alla necessità valutata per giorno e per settimana.

I professionisti più esposti nelle cure del COVID-19 riceveranno 24 mascherine a settimana; tra questi i medici, gli odontoiatri, i biologi, le ostetriche le infermiere, i professionisti responsabili dei tamponi rino-faringei.

Inoltre, i medici riceveranno una scatola di 50 mascherine alla settimana riservate ai pazienti ai quali verrà prescritto il test di ricerca del SARS-CoV-2.

Oltre a quelli già citati, l’elenco delle professioni che rientreranno nel progetto di fornitura di mascherine, in quantità differenti e modulate in base al rischio, comprende anche: farmacisti, massaggiatori-fisioterapisti, operatori di radiologia medica, preparatori di farmaci, tecnici di laboratori di biologia, audioprotesisti, dietologi, ottici, ortotticci, logopedisti, podologi, operatori psicomotori, ortoprotesisti, osteopati, psicologi.

In Francia l'igienista dentale non è una figura sanitaria regolamentata.

Avranno altresì diritto alla fornitura di mascherine gli operatori di assistenza domiciliare privati, i malati di COVID-19 e i loro familiari, i soggetti ad alto rischio, per esempio gli immunodepressi, i distributori di materiali e dispositivi sanitari.

_______________________________________________________________________ 

EDRA spa (editore di Odontoiatria33), per favorire l’informazione in questo momento particolare anche per il settore, ha deciso di lasciare fruibili a tutti i contenuti prodotti. Se volete comunque sostenere la qualità dell’informazione di Odontoiatria33 

Articoli correlati

In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


Per diagnosticare i casi Covid-19 i test antigenici rapidi di ultima generazione sono una valida alternativa al test molecolare con tampone. Le indicazioni del Ministero della Salute


Il prof. Roberto Burioni tranquillizza e spiga quanto siano efficaci i protocolli di sicurezza adottati negli studi 


didomenica     27 Dicembre 2020

2020: un anno perso

Per l’odontoiatria poteva andare peggio, nonostante gli aiuti non si siano quasi visti 

di Norberto Maccagno


Una ricerca dell'Università di Ferrara e di Milano ha valutato l’efficacia di differenti DPI e di una soluzione a base di perossido di idrogeno nel contrastare la diffusione mediante aerosol di...

di Lara Figini


Altri Articoli

Partendo da una ricerca italiana il prof. Gagliani pone alcune riflessioni sul ruolo centrale dell’odontoiatra nel “monitoraggio della salute del cittadino e quello della...

di Massimo Gagliani


Il presidente Filippo Anelli: vaccinare subito contro il Covid-19 tutti i medici libero professionisti e soprattutto anche gli odontoiatri


Una riforma da sempre richiesta dal settore odontoiatrico per evitare le attuali differenti regole normative tra Regioni su temi come autorizzazioni sanitarie e ASO


Sono giovani, prevalentemente donne che esercitano al Nord. Lombardia, Lazio, Veneto le regioni con il maggior numero di iscritti


In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La professoressa Antonella Polimeni si racconta