HOME - Cronaca
 
 
28 Maggio 2020

Veneto, tamponi anche per gli odontoiatri

L’Azienda Zero informa di includere anche gli odontoiatri tra le categorie professionali sottoposte a tampone. La soddisfazione del presidente Nicolin


Dopo le proteste dei presidenti CAO, la Regione Veneto ha deciso effettuare i tamponi anche gli odontoiatri. Da darne notizie è la CAO di Venezia informando come l’Azienda Zero abbia deciso di includere gli odontoiatri, “come spiega un’informativa arrivata ieri mattina dalla Direzione UOC Screening e Valutazione di Impatto Sanitario”, si legge sul sito OMCeO Venezia, “nel piano di sanità pubblica contenuto nella Delibera della Giunta Regionale n. 344 del 17 marzo 2020, sottolineando l’importanza di far arrivare la comunicazione, attraverso le CAO locali, a quanti più colleghi possibile”.

“Questa dei tamponi – sottolinea sul sito OMCeO di Venezia il presidente CAO Giuliano Nicolin – è di sicuro una buona notizia! Era davvero inconcepibile che noi, a differenza di medici e infermieri, ma anche delle cassiere, non rientrassimo nelle categorie sottoposte a tampone. Siamo stati e continuiamo a essere in contatto diretto con pazienti potenzialmente infetti”.


Photo Credit: OMCeO Venezia

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


INAIL attiva un’applicazione web per richiedere la sorveglianza sanitaria e gestire tutte le fasi della richiesta


Governo presenta emendamento che annullerebbe la tassazione del Bonus ENPAM, intanto sarà possibile richiederlo anche per pensionati e chi è in ritardo sui pagamenti dei contributi


Da un gruppo di ricercatori italiani l’ipotesi della correlazione tra parodontite e evoluzione clinica da Covid-19

di Lara Figini


Un’indagine SIdP rileva che un italiano su 5 tra i 35 e i 70 anni teme che non potrà permettersi le cure odontoiatriche e vede a rischio le sue condizioni di salute orale


Altri Articoli

Il presidente Alessandro Nisio con alcune riflessioni su numero programmato, odontoiatria pubblica, futuro e gli sbocchi professionali dei giovani odontoiatri, apre il dibattito sulle riforme da...


Per il prof. Gagliani si guarda al problema come meri sostenitori dei propri interessi mentre manca non solo una programmazione ma anche una visione futura “delle professioni” di odontoiatra


Dentisti, igienisti dentali ed odontotecnici li tengono sotto “pressione” per l’intera giornata. I consigli degli esperti per prendersene cura


Ridurre i laureati in Italia aumenterebbe quelli all’estero. Queste le iniziative dell’Università italiane per garantire una formazione anche pratica di alto livello


Il dott. Calderoli ci aiuta a ricordare la nascita del Corso di Laurea in Odontoiatria e le reticenze e polemiche del tempo, già “caratterizzato” dalla pletora odontoiatrica


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION