HOME - Cronaca
 
 
12 Giugno 2020

SIdP SU WebTv: Successo del Corso organizzato a distanza

Oltre mille odontoiatri ed igienisti dentali “incollati” allo schermo per una sicura ripartenza della Parodontologia Italiana


Due giorni di alta formazione nell’ innovativo stile Web Tv SIdP in occasione del Corso di Aggiornamento del 5 e 6 di giugno. Al Corso, organizzato dalla Società con l’aiuto degli sponsor e dei Partners informatici, hanno partecipato da remoto almeno 1100 fra Odontoiatri ed Igienisti dentali, un successo non sempre prevedibile quando si tratta di eventi così corposi interamente su piattaforma online. 

Sono intervenuti i professori Girardi e Pregliasco aggiornandoci sui  dati  epidemiologici incoraggianti; il contenimento della patologia è risultato efficace anche in ambito odontoiatrico, le linee guida sono state quindi ben recepite. Il professor Giorgio Buonanno, fisico alla Queensland University di Brisbane ha tenuto una relazione sul ruolo dell’aerosol come rischio per l’area operativa; l’ingegnere ha fornito una disamina sulle modalità di trasmissione sulla base di studi recenti eseguiti nei suoi laboratori e di conseguenza sulle strategie necessarie: limitazione della sorgente emissiva, riduzione dell’agente infettante dall’ambiente, istruzione della popolazione e del personale impegnato nell’assistenza ed utilizzo corretto dei DPI. Dalle sue ricerche in uno studio odontoiatrico una persona infetta che rimane per 30 minuti determina un rischio di contagio di 0,8 che si riduce con l’utilizzo dei filtranti facciali a 0,35 e con l’utilizzo di sistemi a ventilazione controllata fino a 0,1: secondo il fisico la ventilazione meccanica controllata costituirebbe la soluzione migliore per gli ambienti odontoiatrici, seguita dalla scelta di utilizzo di purificatori di aria con filtri Hepa.

La prima giornata si è conclusa con il dott. Roberto Rosso, esperto in comunicazione e strategia d’impresa presidente di Key-Stone. “Non prendete decisioni affrettate di natura strutturale nel breve termine” ha aggiunto consigliando di recuperare la fiducia dei pazienti attraverso la valorizzazione del know-how del team, l’organizzazione dello studio odontoiatrico e la gestione oculata e programmata del patrimonio economico. Da un’indagine effettuata con SIDP, emerge che durante il lockdown circa il 30 % della popolazione ha avuto problemi dentali o gengivali ma per paura solo 1 paziente su 3 ha deciso di chiamare il dentista. Dopo questo periodo lo stato di salute orale per 3 milioni di italiani sembra essere notevolmente peggiorato, il 20% degli intervistati ha ancora timori di contagiarsi sottoponendosi alle cure dentistiche mentre un altro 20% preferisce rimandare la spesa odontoiatrica.

“Non eravamo pronti alla emergenza” ci ricorda il prof. Maurizio Tonetti da Honk Hong ma il SARS COV-2 ci sta aiutando ad affinare il controllo dell’aspetto respiratorio di trasmissione di un contagio in ambito odontoiatrico. Sì perché siamo ancor a in una fase in cui dover tener conto della probabilità di operare su Paziente asintomatico positivo nonostante i dati di incidenza nazionale siano via via più incoraggianti, al 2 giugno di 1 caso su 100.000 abitanti. Il prof. Oteri ha voluto dare un messaggio di prudenza volto ad auspicare che nessun centro odontoiatrico pubblico o privato divenga ora o in futuro un focolaio COVID-19 in caso di nuovo picco epidemico. Il livello attuale di allerta ci ha permesso di non avere ad oggi operatori positivi al virus in tutti i centri ospedalieri odontoiatrici che hanno continuato ad operare nella fase di emergenza come ci dice riportando i dati di una sua recente indagine.

Segue il dott. Marco Scarpelli portavoce della medicina legale; dice Scarpelli: “la prevedibilità sta via via aumentando, rimane invece ancora incerta la prevenibilità”. Un consiglio, “ il locale più a rischio è quello in cui ci si cambia” e un messaggio finale incoraggiante relativo al fatto che in questo momento ci sia valutazione solo della colpa grave e che sussista il cosiddetto “onere della prova”. Filippo Graziani e Mario Roccuzzo hanno chiuso questo evento.

Ricorda il Prof Graziani che abbiamo vissuto un periodo di grande stress paragonabile a quello vissuto in tempi bellici o durante  terremoti e tsunami e che questi momenti possono influire sull’organismo accentuando i processi infiammatori quindi anche le patologie parodontali.

Anche il dott. Roccuzzo ha espresso fermezza rispetto alla necessità di tornare a dare attenzione ai pazienti affetti da malattia peri-implantare. Secondo quanto illustrato dai due relatori, prevenire e trattare sia la parodontite che le patologie perimplantari è indispensabile anche se i dispositivi più moderni per tale trattamento spesso producono una abbondante quantità di aerosol potenzialmente infettante: i sistemi di aspirazione e  gli adeguati dispositivi di protezione unitamente all’oculata scelta del tipo di strumentazione utilizzata rappresentano i sistemi per poter agire in sicurezza anche in questa fase II di ripartenza.

Ambedue i relatori e la SIdP tutta sono concordi sulla necessità di tornare al fianco dei propri pazienti per legittimare il rapporto di collaborazione stretto tra paziente ed operatore dando importanza alla comunicazione se possibile senza “filtri” o “schermi” faciali.  Ben venga invece attraverso lo schermo digitale di computer, tablet e smartphone. Grande plauso all’organizzazione dell’evento che ha visto interagire con innumerevoli domande i partecipanti. La famiglia Sidp dà appuntamento ad ottobre!  

A cura di: Ufficio Stampa SIdP

Tag

Articoli correlati

In occasione della Giornata Mondiale della Salute 2021 che si celebra oggi 7 aprile, pubblichiamo un video incontro attraverso il quale abbiamo cercato di fare un focus sul disagio sociale dei...


Fondazione SIdP Onlus con la Società San Vincenzo De Paoli, lanciano il progetto ‘Il dentista solidale’, dedicato agli italiani in difficoltà e bisognosi di cure odontoiatriche. Ecco come...


Indagine SIdP conferma: i protocolli adottati anti Covid sono efficaci, meno dell’1% il tasso di contagio. L’odontoiatra informato si sente più sicuro sul luogo di lavoro


Lo spiega a Dica33 il presidente SIdP in una video intervista che può essere condivisa con i propri pazienti per sensibilizzarli sulla necessità di mantenere in salute non solo i denti naturali ma...


Pubblicati sul Journal of Clinical Periodontologyi dati del primo studio SIdP sugli effetti della parodontite nei pazienti con Covid-19: l’infiammazione gengivale aggrava gli esiti del contagio


Altri Articoli

Sinergia Associazione Italiana Odontoiatri-Tokuyama: i soci riceveranno un "Welcome kit" fino al 30 aprile


Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


L’Ordinanza del Generale Figliulo con le nuove priorità di vaccinazione potrebbe coinvolgere anche tutte le figure presenti in studio. Per l’ANTLO, anche gli odontotecnici  


Il mercato chiederà meno vendita diretta e più assistenza e consulenza, ipotizza Maurizio Quaranta (ADDE) evidenziando la difficoltà per i depositi di trovare un ricambio generazionale qualificato


Definiti tutti i presidenti delle Commissioni Albo Odontoiatri provinciali: 24 quelli che hanno cambiato la guida, 6 le donne


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente