HOME - Cronaca
 
 
24 Giugno 2020

Allo studio un progetto ANDI per fare accedere alle cure chi ne è oggi escluso

L’ipotesi: remunerare i costi della prestazione attraverso forme di defiscalizzazione. Le anticipazioni dal presidente Ghirlanda in una intervista a “Il commento politico”.

Nor. Mac.

Dopo l’auspicio del presidente nazionale CAO Raffaele Iandolo di qualche settimana fa, anche ANDI vede nel MES (Meccanismo Europeo di Stabilità) un possibile strumento per poter finanziare progetti a sostegno dell’odontoiatria. Sempre che la politica decida di richiedere i fondi messi a disposizione della UE agli Stati membri che dovranno destinarli agli investimenti in tema di sanità. 

L’occasione per parlare di MES ed odontoiatria è stata una intervista al presidente Carlo Ghirlanda (nella foto) di Maurizio Troiani per il sito online “Il commento politico”, intervista su vari temi che toccano l’attività di ANDI, l’odontoiatria in generale e la difficile ripresa dopo il lockdown. A questo link il testo integrale. 

E proprio per rispondere al quesito che evidenza le difficolta dei pazienti di accedere alle cure e interroga su quali potrebbero essere gli incentivi, anche con forme diverse oltre la classica defiscalizzazione dei costi della prestazione per il paziente, il presidente Ghirlanda dice. 

Purtroppo ogni forma di defiscalizzazione grava sul bilancio dello Stato, tanto più in un periodo come l’attuale. Come ANDI abbiamo rivolto da qualche tempo la nostra attenzione alla cosiddetta 'sanità integrativa', quella derivante dalle varie forme di mutualizzazione dei costi (assicurazioni, fondi sanitari, eccetera) così come dalla sanità integrativa presente nei CCNL (Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro) e nella contrattazione aziendale. In tal senso abbiamo avviato rapporti con i responsabili welfare di CGIL e CISL”. 

Ma per le persone che rimangono escluse, ovvero coloro che non possono permettersi forme assicurative, né sono destinatari di contratti di lavoro -ad esempio i ceti meno abbienti della popolazione come i pensionati a pensione sociale o quanti rientrano nei parametri ISEE più bassi- si pensa a delle forme di aiuto? viene chiesto al presidente Ghirlanda.

ANDI –risponde- sta anche pensando a queste fasce di cittadinanza che sicuramente più di altre necessitano di interventi per avere un adeguato livello di salute orale. Stiamo elaborando un progetto che consenta a queste persone di accedere alle cure odontoiatriche e agli operatori di vedere remunerati i costi della prestazione, con forme di defiscalizzazione definita e concordata per quest’ultimi. Un progetto cui teniamo molto come ANDI proprio per il suo alto valore sociale. Proprio su questi campi di intervento che si riverberano positivamente sull’intera filiera, si potrebbe misurare la consapevolezza dell’importanza di 'fare sistema' dell’intero comparto. Speriamo di poter ritagliare una qualche fetta dal MES – sempre che l’Italia, come spero, acceda a questa forma di finanziamento comunitario - per l’odontoiatria”.

 

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Ricerca UniSalute: tra le preoccupazioni degli italiani i costi delle cure dentistiche. Un terzo di chi acquisterebbe una polizza sanitaria chiede che contemplino anche le cure odontoiatriche


Il fondo sanitario del settore metalmeccanico punta alla gestione diretta delle prestazioni sanitarie rese ai propri iscritti lasciando Rbm


Il Progetto del Prof. Pietro Ichino ha raccolto il sostegno di alcune CAO e dei principali sindacati, Società Scientifiche, Associazioni del settore odontoiatrico.


Per un certo periodo, quello dell’equo compenso per i liberi professionisti è stato un tema in agenda anche dai Sindacati odontoiatrici ed Ordine.L’obiettivo era quello di poter...

di Norberto Maccagno


Fondi sanitari, su convenzioni dirette possibile svolta Antitrust. E un parere cristallino della Commissione deontologica OMCeO Udine. I commenti del presidente Fiorile e del segretario Savini


Altri Articoli

Oltre il 59% della popolazione spagnola tra i 35 e i 44 anni necessita di un qualche tipo di protesi dentale


Come verificare se le certificazioni dei Dispositivi medici sono corrette, quali le responsabilità se non lo fossero ed in caso di “incedente” come ci si deve comportare? I consigli...


Firmato il protocollo di intesa tra Governo, Regioni e Province Autonome e FNO TRSM PSTRP per la somministrazione dei vaccini da parte di tutti i professionisti sanitari, compresi gli igienisti...


Iandolo (Cao): “Abbiamo di fronte quattro anni di lavoro a tutela della salute. Prima sfida, le vaccinazioni: adesione massiva ed entusiasta degli Odontoiatri”


Vengono ricordati i doveri dell’iscritto che non comunica il proprio indirizzo ma anche quelle per l’Ordine che non sanziona 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente