HOME - Cronaca
 
 
29 Giugno 2020

ANDI diffida le Camere di Commercio del Lazio ad iscrivere società odontoiatriche che non siano STP

Dopo la circolare della Regione Lazio su STP, chiesta anche una revisione dell’attribuzione dei codici ATECO per le società odontoiatriche 


Una vera e propria pietra miliare per quanto riguarda le autorizzazioni sanitarie in Italia” definisce ANDI la circolare emanata dalla Regione Lazio con i chiarimenti e le indicazioni in merito a Società tra Professionisti ed autorizzazione sanitaria. Si veda il nostro approfondimento.

In una nota pubblicata sul sito dell’Associazione, ANDI evidenza come “in particolare nella circolare viene ben evidenziato” il fondamentale ruolo ‘dell’intuitu personae’ per il quale, recita la circolare “lo strumento societario non sia tale da vanificare i requisiti della personalità e della professionalità del soggetto esercente” la prestazione. Per questo motivo la STP si definisce come lo strumento societario che comprende le maggiori garanzie nei confronti del cittadino paziente”.

La circolare richiama quanto già indicato dal MISE nel 2017 le Società possono essere iscritte con il codice ATECO 86.23.00, per le attività degli studi odontoiatrici, o 86.22.00 per le attività degli studi medici specialistici sono se le società sono coctituite come STP.

Immediatamente -informa la nota dell’Associazione- ANDI Nazionale ha quindi inviato una specifica diffida alle Camere di Commercio della Regione Lazio, richiedendo l’adozione del provvedimento amministrativo regionale e la revisione della attribuzione dei codici ATECO 86.23.00 e 86.22.00, da limitare alle sole STP, contemporaneamente invitando gli Enti a provvedere alla revisione attributiva dei codici ATECO attraverso l’annullamento dell’iscrizione delle società ‘aventi per oggetto attività imprenditoriali e commerciali’ e contestualmente esercenti aventi ad oggetto sociale attività non esclusive classificabili ed identificabili sotto il codice 86.23.00”.

Parimenti -continua la nota- sono state invitate le Camere di Commercio della Regione Lazio a rigettare le istanze di iscrizione presentate con codice ATECO 86.23.00 da società che non rispettino la duplice condizione di avere ad oggetto sociale esclusivo l’esercizio dell’attività professionale protetta di odontoiatria e di non essere strutturate in forma di STP”.

Sul rigetto dell’iscrizione con le medesime motivazioni segnalate da ANDI, anni fa aveva suscitato dibattito la decisione dell’Ufficio del Registro di Trento e della Valle D’Aosta, di non iscrivere le società odontoiatriche se non STP.

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

ABBONANDOTI

Articoli correlati

In accordo con l’Ordine di Roma, la Regione Lazio fornisce chiarimenti sul quadro normativo: consentito l’esclusivo esercizio delle professioni mediche e odontoiatriche in forma di STP


Anche i Gruppi associati ad ANCOD sono alle prese con la riorganizzazione per attivare le nuove procedure, ecco come la stanno gestendo. Cohen: nessun rischio di chiusura per i Gruppi...


Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Malagnino: "un giusto principio che va a compensare, in parte, quanto sottratto alla professione. Ora lavoreremo per sollecitare i controlli verso chi non ha versato"  


Quella della presentazione dell’emendamento del Senatore Giovanni Endrizzi che, se approvato, consentirà l’esercizio della professione odontoiatrica in forma societaria solo alle StP, è di...

di Norberto Maccagno


Altri Articoli

Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


Ad anticiparlo il Premier Conte motivando la decisione con la necessità di emanare provvedimenti di urgenza per tenere sotto controllo il virus


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION