HOME - Cronaca
 
 
04 Settembre 2020

Dopo i Test a medicina ed odontoiatria, scatta l’ora dei ricorsi

Oltre alle “solite motivazioni", quest’anno si aggiunge la questione dei candidati che si trovavano in quarantena. Il Ministro Manfredi: “valuteremo i casi”

Nor. Mac.

Sono da poche ore terminati i test per accedere a medicina o odontoiatria (poco più di 66mila candidati per 13mila posti ovvero uno su 5 riuscirà ad entrare), che già scatta la corsa ai ricorsi con un’incognita in più rispetto agli anni precedenti: coloro che a causa del Covid non hanno potuto sostenere il test.

Si tratta di chi si trovava confinato in quarantena forzata perché positivo o in attesa dell’esito o di effettuare il tampone dopo essere tornato dalle zone a rischio. 

Che fare? 

Non si sa, al Ministero questa ipotesi non era stata considerata e così il rischio di vedere piovere ricorsi al Tar con conseguente iscrizione d’ufficio, è più che mai concreto.  

Valuteremo queste situazioni particolari”, ha promesso il ministro dell’Università Gaetano Manfredi, “facendo capire –scrive il Corriere della Sera- che, una volta finite tutte le prove per le facoltà a numero chiuso (anche Veterinaria, Architettura, Professioni sanitarie, Scienze della formazione primaria), un accomodamento si troverà”.  

Sulla questione dell'accesso si poteva fare di più “, dice l’onorevole Manuel Tuzi (M5S, VII Commissione Cultura Scienza ed Istruzione) medico specialista. “Intanto abbiamo perso l'occasione per evitare ricorsi anche quest'anno. Centinaia di aspiranti medici impossibilitati a fare il test perché affetti da Covid o in quarantena faranno ricorso al Tar che li riammetterà, ravvisando la "perdita di chance".  

Ma oltre alla questione ricorsi, come ogni anno dopo i test e le polemiche sul numero chiuso ecco le promesse/proposte per abolirlo o modificarlo. Per l’On. Tuzi, “è giusto ed educativo riaprire in presenza per le scuole, ma i giovani dopo le superiori hanno dimestichezza con l'e-learning e quest'anno si sarebbe potuta più che mai sfruttare la didattica a distanza introducendo la sperimentazione proposta da noi come Movimento 5 Stelle: ammissione di tutti gli aspiranti medici al primo anno, lezioni online per un anno e selezione finale. Si poteva e si potrà provare, tanto più che gli atenei sono sempre più attrezzati per questo tipo di formazione”. 

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


Una piattaforma web multitarget, capace di diventare il punto di riferimento principale per l’aggiornamento scientifico nell’odontoiatria. Già online video, corsi, FAD ECM e molto altro


Laurea abilitante, scuole di specializzazione, qualità formativa ed ovviamente numero chiuso, tra gli argomenti toccati dal prof. Roberto Di Lenarda


Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Il dott. Campolongo ripercorre i commenti al DiDomenica sulla programmazione dei posti ad odontoiatria e porta il suo tentativo di sintesi che passa, anche, dal potenziamento dell’odontoiatria...


Altri Articoli

Disponibile la registrazione completa del webinar live dal titolo “Covid-19: ci si può organizzare per una prevenzione più “strutturale” e meno invasiva?”


Due le possibilità per gli iscritti, una applicabile da subito, l’atra solo se i Ministeri vigilanti daranno parere favorevole. Ecco le indicazioni di ENPAM


Il 68,3% ha superato la soglia minima di 20 punti. Dal 25 settembre i candidati potranno conoscere la posizione in graduatoria e capire se rientreranno tra i 1.103 studenti che potranno iscriversi...


In pieno svolgimento il 27° Congresso Nazionale del Collegio dei Docenti Universitari online. Caricati i video di nuovi simposi ed approfondimenti


L’uso prolungato delle mascherine comporterebbe, indirettamente, problemi a gengive e denti. Ecco cosa spiegare ai propri pazienti per rimediare


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio