HOME - Cronaca
 
 
14 Settembre 2020

AIO e ANDI al Governo. Insufficiente l’intervento su Bonus sanificazione

I sindacati bocciano la decisione di rimborsare solo il 15% delle spese per sanificazione e DPI e sollecitano modifiche in Parlamento

Nor. Mac.

Sindacati odontoiatrici uniti nel bocciare la decisione dell’Agenzia delle Entrate di ridurre al 15%  delle spese effettuate per la sanificazione e l’acquisto di Dpi e strumenti per prevenire il contagio dal Covid-19, l’importo del credito d’imposta previsto dal Decreto Rilancio. 

Il Governo sapeva che per il credito d’imposta sarebbe arrivato un ammontare di richieste molto superiore ai 200 milioni di euro messi a disposizione dei professionisti e imprese contribuenti”, dice attraverso un comunicato il presidente AIO Fausto Fiorile.

Quello che ci era stato anticipato come “bonus” in grado di tamponare una spesa sostenuta in evidenti condizioni di difficoltà economica, per noi Odontoiatri e in altre categorie, si rivela per quel che è, una toppa peggio che deludente, irrisoria. La nostra categoria è vitale per l’Italia, un Paese che altrimenti con il Servizio sanitario erogherebbe 0,6 visite annue per abitante, un terzo del resto dell’Europa avanzata (fonte, Allegato 4C al Dpcm sui Livelli essenziali di assistenza). Ma siccome questo Governo non lo sa, serve uno sforzo della categoria, una presa di posizione compatta di noi sindacati, oltre che della Professione, per ricordarlo tutti insieme”. 

Sulla stessa linea il presidente ANDI Carlo Ghirlanda che sul sito dell’Associaione giudica “insufficiente” quanto disposto dal Governo.“E’ indispensabile –si legge nella nota ANDI- che per noi Odontoiatri e per tutti i professionisti sanitari impediti al distanziamento per motivi legati alle terapie da eseguire il governo provveda ad emanare una immediata nuova misura di legge mirata specificamente a queste categorie per sostenere le spese alle quali dobbiamo autonomamente provvedere per lavorare in sicurezza”. 

Decine di migliaia di Medici, Odontoiatri e professionisti sanitari non possono essere considerati in un mucchio onnicomprensivo”, continua la nota. “Noi rischiamo la nostra salute per mantenere quella dei cittadini italiani”, dichiara il presidente ANDI. “Abbiamo immediato bisogno di misure governative dedicate e di incentivi economici ulteriori e costanti, che ci consentano di provvedere alle terapie di nostra competenza con sicurezza per ognuno di noi. Richiederemo subito questo intervento, già nella conversione in legge del DL Agosto”. “Non ricevere ascolto da parte del Governo e del Parlamento –conclude la nota- sarebbe un pessimo segnale per quelle categorie che solo pochi mesi orsono erano considerate esempio di eroismo e abnegazione”.

_______________________________________________________________________

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 


Articoli correlati

Savini (AIO): il frutto di un lavoro di condivisione tra le associazioni degli odontoiatri, delle ASO, le Regioni ed il Ministero della Salute. Tenteremo di farlo entrare in vigore entro il 24 aprile


Savini (AIO): L’acquisto di un bene a tutela della salute non deve più subire imposizioni elevate. Il Governo deve premiare chi usa più DPI non penalizzarlo


E’ la prima donna a presidente l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica. Insediato il nuovo Consiglio direttivo


aziende     28 Dicembre 2020

Physiological Regulating Dentistry

Nuovi strumenti per una moderna medicina orale


Il Progetto del Prof. Pietro Ichino ha raccolto il sostegno di alcune CAO e dei principali sindacati, Società Scientifiche, Associazioni del settore odontoiatrico.


Altri Articoli

Rimangono in vigore sia le indicazioni operative che quelle per prevenire la legionella nei riuniti. Fino al 6 aprile stretta sulla scuola, si attendono interventi sui congedi parentali anche per i...


UNID Lazio: siamo operatori sanitari ma dimenticati dal piano vaccinale anti Covid-19 della Regione 


Per la Corte europea la direttiva 2005/36/CE, come modificata dalla direttiva 2013/55/UE, non osta a una normativa che ammette la possibilità di un accesso parziale ad una delle professioni...


Il Ministero ha indicato le date di svolgimento dei test d’ingresso alle facoltà con numero programmato. Ecco il quadro completo, compresi gli atenei privati


Con una lettera al Ministero vengono offerti ambulatori e personale per far fronte all’emergenza sanitaria in corso e viene chiesto di autorizzare gli odontoiatri a somministrare le dosi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP