HOME - Cronaca
 
 
16 Settembre 2020

INAIL cerca studi odontoiatrici da convenzionare in Piemonte

Pubblicato un avviso per la sottoscrizione di convenzioni per adesione per l’erogazione di prestazioni specialistiche odontoiatriche. Domande entro il 12 ottobre


La Direzione regionale INAIL Piemonte intende sottoscrivere convenzioni per l’erogazione, con oneri a carico INAIL, di prestazioni odontoiatriche agli infortunati sul lavoro

Si tratta, viene chiarito, di un elenco aperto aggiornato trimestralmente di studi che hanno presentato domanda e che rispettano i requisiti previsti (tra i quali esercizio dell’attività da almeno 5 anni, rispetto della normativa ECM e che abbiano una serie di dotazioni di apparecchiature elencate nel bando). Possono aderire strutture attive sul territorio piemontese siano esse sanitarie pubbliche, studi professionali privati, strutture private e di strutture private accreditate con il Servizio sanitario regionale. 

Modalità di erogazione delle prestazioni 

Lo studio odontoiatrico sarà liberamente scelto dall’assicurato tra quelli presenti nell’elenco, le prestazioni da erogare saranno prescritte dall’odontoiatra e potranno essere eseguite successivamente all’approvazione da parte dell’INAIL del progetto riabilitativo protesico e del relativo preventivo di spesa collegato.

La convenzione prevede dei tempi entro i quali si devono eseguire le cure e penali per chi non li rispetta. Il tariffario delle prestazioni è indicato da INAIL (si veda al link). I manufatti e i materiali utilizzati, viene specificato, dovranno essere corredati di dichiarazione di conformità ai sensi della normativa vigente. La prestazione odontoiatrica deve rispondere a criteri di durata ritenuti congrui per la tipologia di manufatti in ambito medico-legale. 

Gli studi che sono interessati ad attivare la convenzione ed entrare nell’elenco che verrà predisposto da INAIL, dovranno presentare domanda entro il 12 ottobre 2020.

A questo link il bando e le informazioni necessarie. 

_______________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

AIO e ANOMeC sostengono progetto del senatore Ichino per modificare le norme sull’equo compenso, per garantire agli assicurati le cure del professionista di loro scelta


Il dott. Usoni si è fatto i calcoli di quanto costa trattare un paziente proveniente da un fondo. Calcoli alla mano lui, sembra, non starci dentro. Questo il suo racconto 


Sotto di tutti i limiti di un sistema che va profondamente riformato e che non ha trovato l’attenzione della Politica. I perché del dott. Damilano


La fotografia della sanità integrativa per le cure odontoiatriche attraverso i numeri e le criticità per pazienti e dentisti e la proposta di spostare i 4 miliardi di defiscalizzazione per...


Per l’Associazione sarebbe chiara la violazione delle norme sulla concorrenza da parte delle società che gestiscono il welfare aziendale che offre servizi odontoiatrici


Altri Articoli

Alcune considerazioni di Maurizio Quaranta sul tema dell’Iva sui riuniti odontoiatrici nate da incomprensioni sulla lettura del Dl 34/2000 


Le cure odontoiatriche dovrebbero essere considerate cure sanitarie essenziali e non dovrebbero essere posticipate. Pensare alle conseguenze per gli operatori dell'applicazione dei protocolli anti...


Anelli: “In questa seconda ondata della pandemia, la violenza ha assunto forme più subdole, ma non meno gravi”. Disponibile Online il Convegno organizzato da ANDI


Celebrata una Professione ed una Associazione in continua evoluzione che bene si interseca con il concetto dinamico della salute


Concorso per esami con prova scritta ed orale. Le domande solo online entro il 17 dicembre 2020, questi i requisiti necessari per candidarsi


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Sileri: serve un restyling della professione ponendola come branca nobile della medicina