HOME - Cronaca
 
 
12 Ottobre 2020

Test negli studi odontoiatrici, le precisazioni di AIO

Il Segretario AIO Danilo Savini ricorda che sei mesi fa l'Associazione aveva già inviato una proposta in tal senso al Ministro Speranza 


Caro Direttore, 

Apprezzo molto il Suo ultimo “Di Domenica” e concordo sui fatti da Lei descritti: i test Covid si potrebbero fare nello studio dell’Odontoiatra oltre che dal Medico di Famiglia. Gli Odontoiatri, da sempre e di sicuro ora, sono una “medicina di base della bocca” più che una specialità: per numeri, percentuale di presa in carico della popolazione e, soprattutto, per frequenza di chiamata in causa nella vita di un cittadino/paziente.
Anche la necessità di accreditarsi e farsi riconoscere con questa qualifica presso i “decisori” mi trova d’accordo, così come l’idea di porci su base volontaria come somministratori professionali dei test all’ampia e statisticamente significativa fetta di popolazione che accede ai nostri studi. 

Ricordo a me stesso come proprio Associazione Italiana Odontoiatri abbia proposto il 14 aprile scorso lo screening negli studi dentistici al Ministero della Salute e al Governo (a questo link la notizia dell'iniziativa AIO data da Odontoiatria33). Questo stranamente Lei non lo ha ricordato.

Ci siamo candidati a trasformare in “tracciatura” sistematica utile per il Paese e il Servizio sanitario un’attività che potrebbe diventare consuetudinaria per chi come noi affronta il tema del rischio infettivo utilizzando le massime precauzioni. Aggiungerei, come ha sottolineato lo stesso Segretario Fimmg nel Congresso da Lei citato, che tamponi e sierologici vanno eseguiti in sicurezza dal Professionista.
In proposito, AIO ha dato seguito in questi giorni alla richiesta di protezione dei Soci spuntando –lo scrive anche Odontoiatria33– prezzi più che concorrenziali per mascherine chirurgiche e FfP2, e non è finita.

Penso che quanto a Lei già noto avrebbe potuto e dovuto esserLe da spunto per il Suo editoriale. Giusto per completezza d’informazione. 

Dott. Danilo Savini, Segretario Nazionale AIO

Articoli correlati

Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Sulla pandemia, quanto tutto sarà passato e sedimentato, credo che un ragionamento sull’informazione la si dovrà fare. L’eccezionalità e drammaticità della situazione ha portato...

di Norberto Maccagno


E’ successo in provincia di Reggio Calabria. I carabinieri lo hanno trovato in studio a lavorare nonostante il provvedimento dell’ASL


Uno studio francese ha indagato l’efficacia di quelli contenente ß-ciclodestrina e ingredienti a base di acidi organici e bioflavonoidi


Altri Articoli

Verificate quasi 5 mila posizioni. Chi sorpreso a lavorare è stato denunciato per l’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Ecco tutti i casi odontoiatrici segnalati


“Prendersi cura dell’uomo per curare l’organismo, gestire la complessità con la sapiente applicazione di scienza, clinica, professionalità e umanità.”Con questo take home message si è...


Da lunedì le nuove norme su green pass e obbligo vaccinale anche per il personale non sanitario che opera negli ambulatori pubblici e privati. Ma la vera scadenza è quella del 15 dicembre


Un studio pubblicato sul British Medical Journalha osservato un graduale aumento del rischio di infezione nelle persone che avevano ricevuto la seconda dose di vaccino(Pfizer-BioNTech) da almeno 90...


Respinto il ricorso di un medico sospeso. Anelli: una sentenza che richiama il dovere deontologico legato al fatto di essere medici


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi