HOME - Cronaca
 
 
01 Dicembre 2020

L’OMCeO di Firenze chiede alla Regione di coinvolgere anche i dentisti nel sistema regionale anti COVID

Con tale misura sarà possibile effettuare test antigenici rapidi come ausilio diagnostico sui pazienti che arrivano negli studi peraltro già sottoposti a triage. Peirano (CAO): gli odontoiatri devono essere parte integrante del Sistema Salute nazionale 


“In considerazione dell’attuale situazione di emergenza e degli obiettivi comuni di una maggior tracciabilità dell’epidemia COVID-19, insieme alla maggior tutela possibile degli operatori medico-odontoiatri che operano anche in regime di libera professione, l'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Firenze, chiede che anche questa categoria di operatori sanitari venga inserita nel gruppo cui è consentito accedere alla banca dati regionale per eventuale segnalazione di positività di test diagnostici per SARS-CoV-2. A tale fine dovrebbe essere consentita ai medici-odontoiatri liberi professionisti l’effettuazione di tamponi naso-faringei rapidi nei loro studi al solo scopo di ausilio diagnostico nel corso di visite o terapie. Gli stessi professionisti potrebbero inoltre rendersi disponibili per eventuali necessità del Servizio Sanitario Regionale ad effettuare tamponi presso le strutture abilitate”.

E’ questa la richiesta che Ordine dei medici insieme alla CAO di Firenze ha inviato all’Assessore alla Salute della Regione Toscana al fine di inserire anche gli odontoiatri tra gli operatori sanitari coinvolti nel sistema di tracciamento anti Covid.

Regione che ha accolto favorevolmente la disponibilità degli odontoiatri e sta valutando la fattibilità dal punto di vista pratico organizzativo.Il progetto prevede di coinvolgere gli odontoiatri volontari nell’effettuare uno screening per individuare gli asintomatici positivi effettuando tamponi antigenici rapidi, fortini dalla Regione, ai pazienti che si renderanno disponibili a farli. I pazienti che risulteranno positivi saranno segnalati all’Asl e verranno indirizzati ad effettuare tamponi molecolare per confermare la positività. Test che potranno essere effettuati anche ai collaboratori dello studio in modo di mantenere sempre monitorata la loro salute da Covid.

Oltre l’esigenza sociale e di sanità pubblica legate alla pandemia –spiega ad Odontoiatria33 il presidente CAO Firenze Alexander Peirano (nella foto)-  la richiesta ha lo scopo di ribadire che gli odontoiatri fanno parte integrante del Sistema Sanitario Regionale e ne possono essere un pilastro importante in molte questioni di salute pubblica”. 

La possibilità di dotare gli odontoiatri di un ausilio diagnostico aggiuntivo come il test rapido ne rafforzerebbe la sicurezza degli studi già peraltro molto alta. I test effettuati con appropriatezza a chi, nel corso di visita o terapia odontoiatrica viene considerato dal professionista a maggior rischio”.

Questa procedura mirata –spiega Peirano-, ha lo scopo di contribuire al tracciamento della epidemia, soprattutto perchè sarà rivolta verso gli asintomatici più a rischio”.

Oggi –continua- gli odontoiatri potranno occuparsi di tamponi, domani magari di vaccini, oppure di aiuto per una campagna di prevenzione per tumori del cavo orale, dell’Epatite C, o per invitare la popolazione  al controllo della glicemia, o dell'ipertensione. Ovviamente questo è un primo passo e tutti gli altri dovranno essere discussi con la professione”.Ma non solo, conclude il presidente Peirano, “l’essere coinvolti a pieno titolo nel sistema di monitoraggio territoriale della sanità regionale consentirà anche di rafforzare nei nostri pazienti la consapevolezza che i nostri studi sono luoghi sicuri dove si eseguono atti medici”. 

Articoli correlati

L’annuncio dell’Assessore Moratti in Commissione Regionale Sanità indica l’inizio delle vaccinazioni per odontoiatri e medici liberi professionisti il 5 marzo, salvo ulteriori ritardi nella...


AIO Roma dedica il programma culturale 2021 al Sommo Poeta. Ecco gli appuntamenti programmati, si comincia sabato 30 gennaio


Il Consejo General de Dentistas ribadisce la sua offerta di collaborazione al Ministero della Salute, affinché gli stessi dentisti possano vaccinare le persone


Lo chiede una interrogazione parlamentare. Pollifrone (CAO Roma): una iniziativa utile per il Paese in difesa della salute dei cittadini, che vedrebbe legittimata la nostra dignità professionale...


Iscrizioni ai test per Medicina, Odontoiatria, Laurea triennali in Professioni Sanitarie entro il 14 febbraio 2021


Altri Articoli

L’annuncio dell’Assessore Moratti in Commissione Regionale Sanità indica l’inizio delle vaccinazioni per odontoiatri e medici liberi professionisti il 5 marzo, salvo ulteriori ritardi nella...


AIO Roma dedica il programma culturale 2021 al Sommo Poeta. Ecco gli appuntamenti programmati, si comincia sabato 30 gennaio


Il Consejo General de Dentistas ribadisce la sua offerta di collaborazione al Ministero della Salute, affinché gli stessi dentisti possano vaccinare le persone


Il Rischio è che nel 2022 non ci sia un numero sufficiente di odontoiatri iscritti nelle graduatorie. AIO propone una soluzione ed intanto consiglia di presentare comunque la domanda


Lo chiede una interrogazione parlamentare. Pollifrone (CAO Roma): una iniziativa utile per il Paese in difesa della salute dei cittadini, che vedrebbe legittimata la nostra dignità professionale...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale