HOME - Cronaca
 
 
22 Dicembre 2020

La Medicina Estetica non è per tutti

AGORA’ “allerta” le Istituzioni sulle proposte di estensione della competenza Odontoiatrica in ambito di Medicina Estetica


Agorà, con il Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica composto da Sies e Sime, ha portato all'attenzione delle istituzioni una possibile e significativa problematica.

A seguito infatti di alcuni emendamenti presentati nella Legge di Bilancio e annunciati nel decreto Milleproroghe tesi ad estendere ai laureati in odontoiatria trattamenti di medicina estetica in aree anatomiche al di fuori di quelli di loro competenza, oltre che la previsione di uno stanziamento economico a spese della collettività per la loro formazione, a seguito di una approfondita disamina legale abbiamo trasmesso al Governo, al Ministero, al Consiglio Superiore di sanità ed a tutti i membri delle Commissioni Parlamentari Bilancio e Affari Sociali una specifica comunicazione istituzionale urgente. 

In anni recenti, nel 2014 e nel 2019, il Consiglio Superiore di Sanità si era già espresso, sentito il parere delle società scientifiche del settore Odontoiatrico e quelle della Medicina Estetica - fra cui il Collegio Italiano delle Società Scientifiche di Medicina Estetica (Agorà, Sies, Sime) sul tema delle attività di Medicina Estetica attuabili dall'odontoiatra ravvisando in questo limiti specifici:

  • Non possono essere effettuati dagli Odontoiatri trattamenti di Medicina Estetica ad hoc, ma soltanto quale completamento all’interno di protocolli odontoiatrici ampi e completi.
  • Non possono essere impiegati dagli Odontoiatri farmaci e medical devices che non siano stati immessi in commercio per l’impiego nell’area Odontoiatrica di competenza e per il trattamento di aree anatomiche di esclusiva competenza medica.
  • Sono stabiliti i limiti dell’area anatomica di competenza Odontoiatrica, anche se viene valutata oltre alla zona perilabile anche la zona dei mascellari inferiori e superiori fino all’area sottozigomatica.

·       Viene esplicitata inoltre una chiara esplicitazione della differente formazione tra il Medico e quella dell’Odontoiatra. 

Oggi, abbiamo ritenuto doveroso e necessario allertare le istituzioni, su possibili provvedimenti, inseriti anche in contesti a nostro avviso fuorvianti di interventi più ampi e dedicati a finalità legislative di tutt'altra natura (Legge di bilancio o Decreto Milleproroghe) a tutela della salute pubblica dei pazienti e del rispetto delle peculiarità e differenziazioni delle due professioni.

Da anni il Collegio di Medicina Estetica lavora per una reale e corretta sinergia fra Medicina Estetica ed Odontoiatria. Il Medico effettua le prestazioni di Medicina Estetica e l'Odontoiatra quelle di cura e riabilitazione odontoiatrica ottenendo così il miglior risultato, in sicurezza per i pazienti. 

Auspicando una rinnovata ma sempre corretta sinergia tra i due ambiti Agorà, Sies, Sime grazie alle attività del Collegio Italiano delle Società di Medicina Estetica continueranno a vigilare sugli sviluppi legislativi ed attiveranno numerose  iniziative a tutela della salute e sicurezza dei pazienti per il rispetto dei limiti sanciti dal Consiglio Superiore di Sanità in merito alle attività di Medicina Estetica da parte dell'Odontoiatra, sia di carattere pratico che di ambiti formativi, ove ravvisabili delle violazioni. 

A cura di: Ufficio Stampa  Agorà - Società Scientifica Italiana di Medicina ad Indirizzo Estetico 

Articoli correlati

Ogni anno la Legge di Bilancio ed il Decreto Mille Proroghe diventano gli strumenti per inserire norme che non sempre hanno un nesso con la finalità del provvedimento legislativo, ma a...

di Norberto Maccagno


Un regolamento, in fase di realizzazione, definirà le regole per iscriversi. Pollifrone (CAO Roma): “l’obiettivo è quello di tutelare sempre la salute dei cittadini”


Quelle odontoiatriche seguono lo stesso principio. Di Gioia (POIESIS): anche in caso di prestazioni rese nell’ambito anatomico di competenza extra orale


Con il presidente SIMEO proviamo a fare il punto sulle applicazioni pratiche del parere fornito al Ministero dal Consiglio Superiore della Sanità


Il dott. Francesco Spatafora ripercorre i passaggi normativi e non che hanno preceduto il parere del CSS e avanza considerazioni e dubi


Altri Articoli

Il prof. Gagliani pone l'attenzione su di una ricerca che evidenza come la scienza dei materiali e l’intelligenza artificiale possa contribuire a rendere l’ambiente poco ospitale per i virus

di Massimo Gagliani


Che fosse nato male il D.L. 44/21 lo avevo già sottolineato nello scorso DiDomenica, ma non avrei immaginato che venisse sconfessato dopo neppure una settimana dalla sua...

di Norberto Maccagno


In attesa del Decreto con modalità operative, l’ENPAM ha dato il via libera alla procedura online per individuare i medici e gli odontoiatri potenzialmente beneficiari dell’esonero 


Si avvicina (nuovamente) la scadenza che obbligherà gli studi ad avere solo ASO qualificati. Ecco gli scenari per i già assunti, chi potrà essere assunto fino al 20 aprile e chi dopo


Sono stati pubblicati in Gazzetta Ufficiali i Decreti firmati dal Ministro della Salute Roberto Speranza attraverso i quali assegna le deleghe al sottosegretario alla...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente