HOME - Cronaca
 
 
19 Gennaio 2021

Metasalute punta alla gestione diretta degli iscritti

Il fondo sanitario del settore metalmeccanico punta alla gestione diretta delle prestazioni sanitarie rese ai propri iscritti lasciando Rbm

Nor. Mac.

A dirlo al sito Fortune Italia è Simone Bettini, presidente di Metasalute, informando che si tratta di una decisione in prospettiva. “Ci diamo due anni di tempo”, dice Bettini a Fortune Italia. “Infatti abbiamo rinnovato il contratto con Rbm per altri 24 mesi, al termine dei quali contiamo di essere pronti a erogare direttamente le prestazioni. Una grande sfida, che oggi ci sentiamo di affrontare, nell’obiettivo di essere sempre più ritagliati sulla misura delle esigenze dei nostri iscritti”. 

Una decisione di lasciare Rbm che sembrerebbe puramente "organizzativa".

Tre anni fa è stata una scelta obbligata – spiega il presidente di Metasalute, il fondo sanitario di categoria – per far fronte ai volumi che ci siamo trovati a gestire. L’efficienza di una compagnia specializzata ci rassicurava. E scegliemmo Rbm. Oggi ancora di più, da quando Rbm, un anno fa, è entrata nell’orbita del Gruppo Intesa Sanpaolo. E siamo soddisfatti della scelta che abbiamo fatto allora. Però oggi ci sentiamo pronti a una sfida nuova: l’erogazione diretta delle prestazioni”.  

Il nostro primo obiettivo –continua- è quello di elevare la qualità di vita dei nostri iscritti, offrendo un servizio sempre più personalizzato, integrando e non sostituendo le garanzie offerte dal Sistema sanitario nazionale (Ssn)”. 

Ed i dati di Metasalute, riportati nell’articolo su Fortune Italia, sono decisamente importanti: circa 1,2 milioni di lavoratori (in rappresentanza di oltre 38 mila aziende), che sommati ai 600mila familiari inclusi gratuitamente nella copertura del dipendente e circa 17.000 familiari fiscalmente non a carico, con inclusione a pagamento, porta il totale degli aderenti oltre 1,8 milioni di individui

Nel corso del 2019 Metasalute ha erogato circa 2,3 milioni di prestazioni sanitarie a fronte di un totale pagato di oltre 167 milioni di euro. In particolare, da una ripartizione dei dati per tipologia di assicurati, nel 2019 sono state erogate oltre 1,5 milioni di prestazioni sanitarie per i lavoratori dipendenti e circa 775 mila per i familiari. Al call center del Fondo arrivano 40mila telefonate al giorno.  


____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Il Progetto del Prof. Pietro Ichino ha raccolto il sostegno di alcune CAO e dei principali sindacati, Società Scientifiche, Associazioni del settore odontoiatrico.


Per un certo periodo, quello dell’equo compenso per i liberi professionisti è stato un tema in agenda anche dai Sindacati odontoiatrici ed Ordine.L’obiettivo era quello di poter...

di Norberto Maccagno


Fondi sanitari, su convenzioni dirette possibile svolta Antitrust. E un parere cristallino della Commissione deontologica OMCeO Udine. I commenti del presidente Fiorile e del segretario Savini


Il dott. Nick Sandro Miranda informa delle criticità indicate dall’OMCeO di Udine spiegandone alcuni passaggi 


Sotto la lente dell’Autority presunte pratiche commerciali scorrette nell’offerta di servizi assicurativi, pratiche evidenziate anche nell’esposto ANOMEC


Altri Articoli

Il Consigliere ligure sostituisce l’On. Sandra Zampa che raccoglie il grazie della FNOMCeO. Nel segno della continuità la conferma di Sileri


Superato lo scoglio del percorso di studio per accedere ai corsi, ecco cosa dovrebbe cambiare dopo il passaggio in Stato Regione e la successiva approvazione in Consiglio dei Ministri


Savini (AIO): il frutto di un lavoro di condivisione tra le associazioni degli odontoiatri, delle ASO, le Regioni ed il Ministero della Salute. Tenteremo di farlo entrare in vigore entro il 24 aprile


Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP