HOME - Cronaca
 
 
18 Gennaio 2021

Covid-19 e viaggi, si fa strada idea di un passaporto europeo sui vaccini

In Europa si fa strada l'idea di un certificato europeo, una sorta di passaporto dei vaccini, per tornare a viaggiare nei prossimi mesi 


Lo sollecita una missiva del premier greco Kyriakos Mitsotakis, alla presidente Ursula von der Leyen che sottolinea cole la questione della mobilità sia da risolvere "in modo imperativo prima dell'estate per Paesi" che "come la Grecia dipendono dal turismo". Nella missiva, il leader ellenico ha indicato le vaccinazioni come "cruciali" per gettare le basi per tornare a una qualche "normalità economica e sociale". "Ristabilire la libertà di movimento" tra i 27 e il resto del mondo, è una priorità fondamentale", ha evidenziato Mitsotakis, invitando a "raggiungere un'intesa su un certificato di vaccinazione comune". 

Un'idea che ha trovato il sostegno del capogruppo del Ppe al Pe, Manfred Weber, e del giornale tedesco Bild. L'ipotesi è stata brevemente discussa anche alla videoconferenza dei ministri della Salute dell'Ue, con l'apprezzamento di alcuni Paesi - tra questi Malta e Lituania -. Ma sul tema, spiegano fonti diplomatiche europee, il lavoro è già in corso a livello tecnico e ne dovrebbero parlare anche i capi di Stato e di governo nel loro appuntamento del 21 gennaio.

Non mancano però le criticità, perché ancora non è chiaro se una persona vaccinata resti contagiosa, o quale sia la durata della copertura, senza parlare delle questioni legate alla privacy. Per questo sono allo studio più opzioni. 
La riunione dei ministri, la prima sotto presidenza di turno portoghese, è stata anche l'occasione per fare il punto sulla situazione delle vaccinazioni.

La commissaria alla Salute, la cipriota Stella Kyriakides, ha esortato gli Stati "a riferire almeno due volte a settimana" sull'avanzamento delle proprie campagne al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), che dalla settimana prossima attiverà un modulo nel Sistema europeo di sorveglianza, pubblicando probabilmente i dati anche sul suo sito on-line. "Dobbiamo urgentemente stabilire le priorità ed accelerare - ha incitato Kyriakides -. Siamo all'inizio di questo percorso e, come previsto, la fornitura delle dosi nei primi mesi è limitata", ma da aprile le consegne saranno più abbondanti. Guai però alla tentazione di chiudere accordi bilaterali con le case farmaceutiche, ha avvertito la cipriota, perché questo "minerebbe l'approccio europeo". 
"Negoziare in modo congiunto ci ha permesso di raggiungere intese e condizioni migliori" ha messo in guardia Kyriakides ricordando che l'accordo siglato dai 27 prescrive di "non avviare procedure individuali".

E mentre si attende, a fine mese, il via libera dell'Agenzia europea del farmaco al siero di AstraZeneca, le buone notizie sono che Pfizer-Biontech - ha annunciato l'ad Albert Bourla - aumenterà la produzione a due miliardi di dosi nel 2021, e il vaccino ha un'elevata efficacia contro la variante britannica e sudafricana, che già stanno mettendo alla prova vari Paesi dell'Unione.  

Articoli correlati

Durante il periodo di lockdown da pandemia da Covid-19 i dentisti, in qualità di operatori sanitari, hanno continuato a esercitare garantendo però il trattamento esclusivamente...

di Lara Figini


Pubblicato il fact-sheet INAIL. Il documento illustra nel dettaglio le caratteristiche, le tipologie e le modalità di utilizzo di questi dispositivi


In occasione della prima Giornata nazionale dedicata al personale sanitario. Sarà possibile assistere online 


Una ricerca californiana ha studiato la prevalenza e le dinamiche di crescita di questa variante con conseguenze devastanti sulla mortalità


Dal Ministero della Salute nuova circolare sui test antigenici. Consigliato confermare la positività con test molecolare o altre test antigenico differente


Altri Articoli

Il Consigliere ligure sostituisce l’On. Sandra Zampa che raccoglie il grazie della FNOMCeO. Nel segno della continuità la conferma di Sileri


Superato lo scoglio del percorso di studio per accedere ai corsi, ecco cosa dovrebbe cambiare dopo il passaggio in Stato Regione e la successiva approvazione in Consiglio dei Ministri


Savini (AIO): il frutto di un lavoro di condivisione tra le associazioni degli odontoiatri, delle ASO, le Regioni ed il Ministero della Salute. Tenteremo di farlo entrare in vigore entro il 24 aprile


Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP