HOME - Cronaca
 
 
24 Marzo 2021

Odontoiatri senza specialità nel servizio pubblico: in arrivo una soluzione

Il nuovo ACN potrebbe aver trovato una formula che garantisce la possibilità di erogare le cure, i diritti acquisiti, gli odontoiatri con specialità ma anche chi non ha la specialità


Dovrebbe arrivare martedì 30 marzo 2021 la firma del nuovo Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con gli specialisti ambulatoriali interni, veterinari ed altre professionalità sanitarie (biologi, chimici, psicologi) ambulatoriali ai sensi dell’art. 8 del d.lgs. n. 502 del 1992 e successive modificazioni. 

Accordo che sostituisce quello firmato nel 2019 che aveva scatenato polemiche soprattutto per la rigida applicazione della norma sull’obbligo di diploma di specialità (odontoiatri inclusi), come aveva spiegato ad Odontoiatria33 Pio Attanasi referente per l'area odontoiatrica del Sindacato Unico Medicina Ambulatoriale Italiana (SUMAI).  

Secondo la bozza di accordo inviato ai sindacati referenti (SUMAI, FEDERAZIONE CISL MEDICI, FESPA, UIL FPL) che Odontoiatria33 ha potuto leggere, sulla questione laureati in odontoiatria che vogliono partecipare ai concorsi pubblici per specialisti ambulatoriali odontoiatri, sembra sia stato trovato un compromesso, in particolare mirato ad evitare il rischio che con il pensionamento degli attuali specialisti odontoiatri, non si riescano a trovare sostituti per garantire l’erogazione delle prestazioni, “tenendo conto dell’esiguo numero di medici ed odontoiatri in possesso del titolo di specializzazione”, viene spiegato nell’ACN. 

Secondo la bozza di Accordo, rimarrebbe necessario anche per gli odontoiatri il diploma di specializzazione per l’assegnazione di incarichi di specialista odontoiatra, “nel caso in cui sia stata accertata l’indisponibilità di specialisti iscritti nella graduatoria regionale o in possesso dei requisiti” -la laurea specialistica della classe corrispondente- “è consentita l’assegnazione di incarichi di specialista odontoiatra a tempo indeterminato e determinato ai laureati in odontoiatria e protesi dentaria e ai laureati in medicina e chirurgia, iscritti all’albo degli odontoiatri che abbiano svolto almeno tre anni di attivitàconvenzionale ai sensi del presente Accordo.

Nel caso di indisponibilità di questi soggetti “le Aziende possono assegnare gli incarichi disponibili ai laureati in odontoiatria e protesi dentaria e ai laureati in medicina e chirurgia, iscritti all’albo degli odontoiatri”. Viene anche specificato che “gli aspiranti sono in ogni caso graduati secondo l’anzianità di incarico di odontoiatra a tempo determinato, incarico provvisorio o affidamento di sostituzione ai sensi del presente Accordo; in caso di pari anzianità prevale la minore età, l’anzianità di laurea e infine il voto di laurea”. 

Se l’ACN dovesse essere firmato senza modifiche, dovrebbe rendersi necessario riaprire i termini di presentazione delle domande per entrare in graduatoria nel 2022, scaduti a gennaio, essendo cambiate le regole. 

____________________________________________________________________ 

Se hai trovato utile questo articolo e non sei ancora abbonato ad Odontoiatria33, sostieni la qualità della nostra informazione 

Articoli correlati

Il prof. Leonardo Trombelli è il nuovo Direttore del Dipartimento di Cure Primarie dell'Azienda USL di Ferrara


Disco verde dalle Regioni alle modifiche dell’Accordo sulla specialistica ambulatoriale. Passano anche le aperture agli odontoiatri non specialisti


Firmato il nuovo ACN che introduce la possibilità per gli odontoiatri senza il diploma di specialità di assumente incarichi a tempo indeterminato, ma la priorità sarà per gli “specialisti”


L’adesione sarà su base volontaria e potrà essere svolta durante l’orario di lavoro oppure prevedere ore extra. Definite anche le condizioni economiche


Andreolli (AIDIpro): il SSN, se vuole adempiere al proprio ruolo di tutela della salute orale del cittadino, non può prescindere dallo sviluppo dell’odontoiatria pubblica e dal ruolo...


Altri Articoli

Acquistare dispositivi di protezione individuale e prodotti monouso in modo semplice e a prezzi concorrenziali


Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


Il bonus pubblicità 2021 sarà concesso nella misura unica del 50% degli investimenti pubblicitari effettuati al netto delle risorse disponibili. Entro fine mese le domande


Più di 100.000 adulti metteranno l’apparecchio nel 2021 ed è un vero boom di allineatori trasparenti,con una spesa di oltre 300 milioni, secondo le stime Key-Stone


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio