HOME - Cronaca
 
 
31 Marzo 2021

Dentisti USA oggetto di violenze da parte dei propri pazienti

Sia fisiche che verbali, una ricerca dell’ADA ha sondato i dentisti della Grande Mela evidenziando copertamente aggressivi dei propri pazienti 

Davis Cussotto

I dati emergono da uno studio  condotto alla New York University e pubblicato sul Journal of the American Dental Association che prende in esame un campione di 98 odontoiatri dell’area metropolitana di news York interpellati attraverso un sondaggio web per valutare se avevano sperimentato uno dei 21 tipi specifici di comportamenti aggressivi da parte dei loro pazienti. 

Le aggressioni rilevate  dal survey sono state suddivise in tre gruppi:

  • Fisiche
  • Verbali
  • Attacchi alla reputazione sul web 

I periodi di riferimento presi in considerazione sono  sono due: l’anno 2020; l’arco della carriera professionale degli intervistati.  

Aggressioni  accadute nel 2020arco della carriera
Fisiche22%46%
Verbali55%74%
Alla reputazione44%69%

Tra gli attacchi alla reputazione del professionista  spiccano le "minacce di azioni legali" e "pubblicazione di commenti sgradevoli sui social media". 

Gli autori rilevano inoltre che i tassi di aggressività non differivano per sesso, razza, etnia, specializzazione del professionista, età, anni di pratica o numero medio di pazienti trattati al giorno dall’operatore. Anche se il campione è ridotto, lo studio è interessante poiché è il primo che si occupa  di aggressioni agli odontoiatri. 

 Sul web è infatti frequente imbattersi in esternatori particolarmente agguerriti denominati con il termine inglese di hater. La parola deriva dal verbo to hate (odiare) fa riferimento all’odio che diffondono verso altri individui attraverso le reti locali.

Nella  carriera professionale capita prima o poi di imbattersi nell’aggressività verbale. Più è elevata la popolarità dello studio sul territorio e più aumenta la probabilità: è il prezzo che si paga per il successo.   

Spesso alla base dell’attacco c’è una insoddisfazione di un paziente per le cure o il servizio ricevuto.Per cercare di contrastare il problema leggi le regole di netiquette pubblicate in questo approfondimento.

Articoli correlati

Sondaggio JADA ha valutato la disponibilità degli studenti di medicina e di odontoiatria a sottoporsi al vaccino Covid-19

di Lara Figini


Studio USA indica che riduce notevolmente il numero di casi di sanitari positivi da Covid-19 nelle strutture mediche


FDA: possono essere utili per stimare i livelli di ossigeno nel sangue, ma hanno dei limiti che possono portare a letture imprecise


Un sondaggio della US Occupational Safety and Health Administration fatto negli Stati Uniti evidenzia come protocolli e DPI hanno contenuto il contagio pandemico tra gli...


Riflessioni della prof.ssa Maria Grazia Piancino: abbiamo il dovere di osservare e capire gli errori commessi per non aver rispettato le regole della Medicina


Altri Articoli

Verificate quasi 5 mila posizioni. Chi sorpreso a lavorare è stato denunciato per l’ipotesi di reato di esercizio abusivo della professione sanitaria. Ecco tutti i casi odontoiatrici segnalati


La versatile soluzione di radiologia extraorale 3D/2D di Dentsply Sirona è stata premiata principalmente per la sua forma e funzionalità


Scende nuovamente il limite per i pagamenti in contanti tra soggetti diversi. Cosa può essere utile sapere e ricordare


Le considerazioni e motivazioni della dott.ssa Rossetti, supportate dalla giurisprudenzaE dalla risposta interlocutoria dell’Istituto Nazionale del Lavoro 


Il volume “Estetica e funzione in protesi totale - Prospettive digitali” fornisce le nozioni di base e illustra le tecniche e le tecnologie adottate per progettare e produrre...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi