HOME - Cronaca
 
 
08 Settembre 2021

Anche a Firenze le prime sospensioni di medici no-vax

Peirano: non è una battaglia contro i medici ma conto la pandemia. Serve uniformità di comportamenti tra i vari Ordini


A breve scatteranno le prime sospensioni di operatori sanitari fiorentini che non si sono voluti vaccinare
, l'Ordine dei Medici della provincia di Firenze comunica d’aver ricevuto nove nominativi 
dalla ASL Centro al termine della istruttoria effettuata dall’Azienda secondo le disposizioni legislative. “Comunque i numeri che riguardano i medici e gli odontoiatri sono molto bassi a testimonianza di una sensibilità diffusa nel mondo medico-odontoiatrico fiorentino verso la problematica dei vaccini”, spiega ad Odontoiatria33 il presidente CAO Alexander Peirano (nella foto). 

Consapevole che questa non è una battaglia contro gli iscritti ma è una battaglia contro la pandemia, l’Ordine di Firenze ha deciso di non limitarsi alla mera formalizzazione della comunicazione di sospensione per il professionista

Su questa linea anche la CAO fiorentina, partendo dalle considerazioni fatte da Raffaele Iandolo nell'incontro di Caserta che ha dato il proprio contributo alla discussione forte della considerazione della unicità della professione medica che accomuna nei doveri e nelle responsabilità medici ed odontoiatri, spiega Peirano. 

Questa –dice- è una fase di ricerca che sarà importante spostare anche a livello nazionale per una uniformità dei comportamenti tale da non creare la sensazione di tanti piccoli centri interpretativi inadeguati soprattutto in questo momento, che risente degli effetti di una legislatura emergenziale che nella complessità giuridica ed istituzionale del nostro paese contribuisce fare emergere le diverse sensibilità in materia”. 

L'idea che guida l'azione della CAO Fiorentina parte dalla valorizzazione dei compiti dell'Ordine ed in particolare attraverso la lente del Codice Deontologico. 

Due sono i compiti dell’Ordine dei Medici Odontoiatri”, ricorda il presidente CAO Firenze: “il primo è la tenuta e l’aggiornamento dell’Albo, 
il secondo il governo della Deontologia degli iscritti”. 
Per quanto riguarda l’aspetto deontologico –dice Peirano- ritengo che, in una fase seconda rispetto a quella della trasmissione del provvedimento dell’ASL, ci potranno essere in casi particolari, successive azioni delle Commissioni Albo qualora si individuassero problematiche di comportamento inosservante ad esempio degli art. 3/13/14 del codice deontologico da parte degli iscritti non favorevoli alla vaccinazione o no-vax”. Per quanto attiene invece l’aggiornamento dell’Albo, ricorda Peirano, “il compito di organo sussidiario dello Stato, proprio degli Ordini (legge 3 -2018) , prevede la tutela dell’interesse pubblico che si ha anche con il controllo dei titoli di idoneità e di capacità del sanitario iscritto. Pertanto qualora l’istruttoria dell’Asl verifichi la non osservanza dell’obbligo vaccinale e lo comunichi all’Ordine, noi non potremmo semplicemente fare da postini “inoltrando” la comunicazione all’interessato - azione che per altro abbiamo l’obbligo di fare “immediatamente”-, ma ne dovremmo prendere giusta nota nell’Albo, forti della norma legislativa che considera il non vaccinarsi causa di incompatibilità con l'esercizio della professione stabilendone l'assoluta obbligatorietà”. 

Ovviamente tale annotazione sparirà nel momento in cui avverrà la vaccinazione o comunque al 31 dicembre prossimo, quando decade l’obbligo vaccinale per legge, se non verrà prorogato.

Ne più ne meno –chiarisce il presidente CAO Firenze- che quando ci viene data notizia che un nostro iscritto è stato ristretto in carcere. Solo dopo che tale impedimento all’esercizio viene annotato nell’albo ne possono decorrere gli effetti amministrativi, economici, professionali”. 

La discussione –conclude- deve aver anche il compito di far crescere l’orgoglio di appartenenza a una Istituzione che tutti noi abbiamo il dovere di onorare con il nostro impegno”.


Articoli correlati

Entrando nel merito di un medico (famoso) sospeso dall’Ordine di Torino, il Ministero ribadisce la necessità di indicare la sospensione ma non il motivo. Parere che mette in difficoltà i liberi...


La norma sul Green pass che da venerdì 15 ottobre obbligherà, di fatto, tutti i lavoratori anche autonomi ad essere vaccinati o effettuare un tampone ogni 48-72 ore, tocca ovviamente anche il...

di Norberto Maccagno


L’OMCeO milanese chiarisce la procedura da seguire e ribadisce: l’Ordine non può esercitare nessun parere valutativo


Chi vorrà potrà fare la terza dose non appena sarà completato il richiamo agli over ’80 e gli ospiti delle RSA. Ad affermarlo è il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della...


Anelli: i sanitari a rischio sono tutti, non si faccia il 'tu sì tu no. La terza dose va estesa a tutti perché «garantisce la riduzione del rischio e aiuta la categoria a continuare a lavorare in...


Altri Articoli

Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio