HOME - Cronaca
 
 
14 Settembre 2021

Ordine Torino ratifica sospensione per 24 iscritti all’Albo odontoiatri e 72 medici

La sospensione non è disciplinare ma ha finalità cautelare e non disciplinare, avendo l’unico scopo di prevenire la diffusione del contagio e di proteggere i pazienti


Il Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici di Torino ha ratificato ieri sera la sospensione dei primi 95 iscritti per l’inosservanza dell’obbligo vaccinale prevista dalla legge per il personale sanitario: 71 fanno parte dell’Albo dei Medici, 12 dell’Albo degli Odontoiatri, 12 sono appartenenti ad entrambi gli albi.

Prima della seduta, il Consiglio ha incontrato il professor Vittorio Barosio e i suoi collaboratori, che hanno svolto un’ampia disamina della Legge 76/2021 nei suoi risvolti costituzionali, amministrativi e deontologici e ha successivamente acquisito e fatto proprio il parere formale dell’avvocato Roberto Longhin, in merito alla natura giuridica della sospensione disposta dalla legge sull’obbligo vaccinale.

Tutti i legali intervenuti hanno confermato la validità dell’orientamento fino ad ora adottato dall’Ordine nei confronti dei propri iscritti.In dettaglio: la misura prevista non è una sanzione disciplinare emanata a conclusione di un procedimento di tipo deontologico, ma è un doveroso provvedimento di sospensione adottato stante la parziale inidoneità alle funzioni, in applicazione dell’art. 4 del Dl 44, che prevede che i professionisti che non abbiano assolto all’obbligo vaccinale non possano “svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da SARS-CoV-2” fino al 31 dicembre 2021.La sospensione prevista dalla legge ha quindi finalità cautelare e non disciplinare, avendo l’unico scopo di prevenire la diffusione del contagio e di proteggere i pazienti.

Nell’ambito della propria funzione disciplinare, l’Ordine di Torino ha convocato un’apposita seduta di Consiglio direttivo per valutare se e quali implicanze deontologiche comporti la violazione dell’obbligo vaccinale da parte dei propri iscritti, destinatari dell’accertamento dell’Asl.

Dal punto di vista disciplinare – spiega il presidente Guido Giustetto – si potrebbe configurare la violazione di almeno 6 diversi articoli del codice di deontologia medica, per cui stiamo considerando di attivare per ciascun iscritto coinvolto gli approfondimenti del caso. Prenderemo una decisione la prossima settimana”. 

Le sanzioni disciplinari previste dalla legge professionale vanno dall’avvertimento, alla censura, alla sospensione, fino alla radiazione dall’Albo. 

A cura di: Ufficio Stampa OMCeO Torino

Articoli correlati

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Pur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevano differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


Da gennaio sono decadute le tutele previste: non sempre la quarantena ora viene considerata malattia, dipende da vari fattori. Le considerazioni di SIASO


Assolto l’obbligo previsto dalla Legge la sospensione è stata annullata, ma restano le denunce penali e le possibili sanzioni disciplinari per il comportamento adottato


Altri Articoli

La lettura, ironica, data da alcuni lettori su Facebook della sentenza del Tar Lombardia che ha accolto il ricorso di un dentista sospeso dall’ATS perché non vaccinato, consentendo di...

di Norberto Maccagno


Non cambia la sede, sempre Bologna, le iscrizioni (gratuite) entro il 25 marzo. Queste le nuove scadenze per invio abstract e poster


Firmato il DPCM sulle attività essenziali, non servirà il Green pass per accedere a cure e visite neppure per gli accompagnatori, fermo restando il rispetto delle regole sul triage


Il 7,2% di medici ed odontoiatri che, sulla piattaforma del Green pass, risultano ‘inadempienti’ e da verificare. Anelli: “si tratta di un dato grezzo che non fotografa la situazione reale”


ANSOC scrive al Ministero chiedendo un incontro insieme alle altre Associazioni di riferimento. Di Fulvio: “Inspiegabile ed assurda la riduzione di rimborso da somme già insufficienti a coprire i...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi