HOME - Cronaca
 
 
22 Settembre 2021

Respinto emendamento sull’esercizio dell’attività odontoiatrica come STP

La Commissione politiche dell’Unione Europea giudica respinge l’emendamento che avrebbe consentito l’esercizio dell’attività odontoiatrica in forma societaria solo alle StP. I commenti di ANCOD e ANDI


Dopo averlo accantonato più volte, la Commissione Politiche dell'Unione europea del Senato ha deciso di respingere l’emendamento a firma dell’On Pietro Lorefice che se approvato avrebbe, per le nuove società, consentito l’esercizio dell’attività odontoiatrica solo a quelle costituite come StP. 

Un emendamento che fin dalla sua presentazione aveva riparto lo scontro tra il sindacato che rappresenta l’odontoiatria organizzata, l’ANCOD, e ANDI ed AIO. 

"Dopo la Legge di Concorrenza del 2017 –commenta il presidente ANCOD Mirko Pucciodopo la sentenza del Consiglio di Stato, dopo l'ennesima bocciatura di una proposta emendativa unilaterale e spinta esplicitamente da una parte del settore contro un'altra, ancora una volta viene ribadita dalle istituzioni la legittimità dell'odontoiatria organizzata nel panorama sanitario italiano. Uno sviluppo che ha offerto enormi vantaggi a pazienti, cittadini e consumatori che possono curare la loro salute orale in modo più accessibile e con la sicurezza di un'alta qualità. Questo ennesimo episodio parlamentare ha dimostrato che né la politica né la giurisprudenza vogliono far tornare indietro il Paese e provocare un danno a centinaia di migliaia di italiani che godono dei servizi delle società odontoiatriche e più di 20.000 persone che grazie a queste lavorano. All'interno dei centri odontoiatrici, come quelli rappresentati da ANCOD, prestano infatti servizio odontoiatri professionisti e ASO di altissimo livello che hanno cura del paziente esattamente nello stesso modo in cui avviene nei classici studi individuali. Quello che cambia è semplicemente modalità organizzativa ed efficienza, e quindi i servizi che possono essere dati ai cittadini. Ora speriamo che i sindacati e le associazioni che rappresentano i dentisti possano davvero voler collaborare per il bene della categoria, rappresentandola tutta e non solo chi ha la fortuna di avere uno studio di proprietà, e per offrire soluzioni reali al Paese invece che esclusivamente a interessi corporativi".  

Sindacati che, invece, dichiarano di voler continuare a cercare di fare approvare una norma che consente l’esercizio dell’attività in forma societaria alle sole STP in quanto, scrive ANDI sul proprio sito, consentirebbe di chiudere “così il capitolo delle conseguenze nefaste che tanti episodi di cronaca hanno segnalato e che hanno visto i cittadini vittime, sia dal punto di vista clinico che economico, dell’esercizio della odontoiatria in forma societaria non STP”. 

La politica ha ritenuto che la salute possa essere sottomessa agli interessi delle lobby del capitale, bocciando una modifica che avrebbe evitato il ripetersi di tali situazioni”, commenta ANDI. 

Sul non accoglimento dell’emendamento, il presidente ANDI Carlo Ghirlanda dichiara in una nota sul sito dell’Associazione che “La nostra è una battaglia che continuerà. Siamo convinti di poter ripresentare nuovamente e in altri ambiti legislativi questa doverosa richiesta di dignità e rispetto per il cittadino, e siamo convinti che saremo finalmente ascoltati”. “

Ringraziamo -si conclude la nota- i Senatori Lorefice e Giannuzzi, insieme ai Senatori che hanno votato a favore di questa riforma, per avere sostenuto fino in fondo questa battaglia perché convinti della legittimità delle nostre sollecitazioni rispetto alla gravità denunciata dai tanti fatti di cronaca nel settore della odontoiatria commerciale. Proveremo alle forze politiche che si sono opposte all’emendamento che la loro è stata una scelta miope, perché siamo convinti che la salute del cittadino non possa essere lasciata nelle mani di coloro i quali antepongono l’interesse economico alla salute dell’individuo”. 

Articoli correlati

Approvata in via definitiva la Legge europea 2019-2020. Ecco come cambiano gli adempimenti per il direttore sanitario


Principi e adempimenti normativi, vantaggi e rischi, le opportunità fiscali e le agevolazioni in tema di investimenti. Guarda la relazione tratta dal Congresso CAO di Catanzaro


Cambio al vertice di ANCOD, la scelta è di affidare la presidenza dell’Associazione ad un professionista esterno ai Marchi associati 


Quella dell’”overtreatment”, ovvero le cure prescritte ma non necessarie con l’unico fine di trarne profitto è indubbiamente la truffa più meschina che un professionista sanitario...

di Norberto Maccagno


Quello sull’esercizio in forma societaria per le sole StP non passa per 8 volti. Giudicato inammissibile quello che avrebbe modificato le norme sulla pubblicità sanitaria


Altri Articoli

Immagine d'archivio

Operava direttamente sui pazienti, denunciato e sequestrato il laboratorio. Utilizzava anche personale in nero. Garda il video della perquisizione


Pur legittimando l’obbligo vaccinale, i Giudici rilevano differenti trattamenti tra chi svolge l’attività come autonomo e chi come dipendente. Dubbi anche sulla sospensione dall’Albo


La pandemia ha ampliato gli adempimenti burocratici per lo studio odontoaitrico, per il dott. Cirulli la morte da burocrazia si evita con strategia mirate ed efficaci


L’odontoiatria digitale vista dal prof. Stefano Patroni, uno dei protagonisti del prossimo Congresso della Digital Dental Academy


Il 22 febbraio è possibile aggiudicarsi i 115 beni delle cliniche di Perugia e Foligno. Possibile partecipare a distanza così come visionare i beni online


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Crediti ECM: come odontoiatri ed igienisti dentali possono gestirli dalla piattaforma CoGeAPS

 
 
 
 
chiudi