HOME - Cronaca
 
 
23 Settembre 2021

Esercizio odontoiatria in forma societaria: il tema potrebbe essere affrontato nel Ddl Concorrenza

E’ quanto emerge dal dibattito in Commissione che lo ha respinto per un solo voto. Sottosegretario Amendola: un tema importante da approfondire nel prossimo Ddl Concorrenza


All’indomani della bocciatura dell’emendamento Lorfice sulle società odontoiatriche e grazie alla pubblicazione degli atti della seduta della 14ª Commissione Politiche dell'Unione europea del Sentato si delineano, meglio, le motivazioni che hanno portato al respingimento, per un solo voto (8 i favorevoli, 7 i contrari stando a quanto raccolto da Odontoiatria33).

Discussione che parte con il parere contrario del Governo portato dal Sottosegretario agli Affari Europei Vincenzo Amendola motivato con il fatto che “l’esclusione delle società di capitali dalla possibilità di esercitare l'attività odontoiatrica, come ora consentito dall'articolo 1, comma 153, della legge 24 luglio 1985 n. 409, si introdurrebbe una limitazione non giustificata alla concorrenza e al principio di libertà di stabilimento di cui all'articolo 49 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea, con conseguente rischio di apertura di una procedura di infrazione”.

A ribadire la bontà del fine dell’emendamento è il Senatore Pietro Lorefice (M5S), primo firmatario, evidenziando “che la finalità è quella della tutela del consumatore, in linea con la costante attenzione del Movimento 5 Stelle a mantenere il settore della salute il più possibile libero da logiche di profitto”, ricordando poi che, “in tema di salute, gli Stati membri non sono limitati dal diritto dell’Unione”.

Sulla necessità di tutelare sia la concorrenza ma anche l’occupazione è il Senatore del PD Tommaso Nannicini che informa, “qualora l'emendamento fosse approvato”, la volontà del suo Gruppo di farsi promotore “di una norma transitoria, volta a salvaguardare l’esistente situazione occupazionale delle società di capitali che attualmente esercitano l’attività odontoiatrica in forma societaria”. Sen. Nannicini che ritiene che il tema “potrebbe essere affrontato in modo complessivo e compiuto nell’ambito del prossimo provvedimento sulla concorrenza”.

Sulla stessa linea, quella di portare il tema nel prossimo Ddl Concorrenza, ma di votare a favore l’emendamento “per mettere una sorta di paletto”, anche quella della Senatrice (M5S) Lisa Pirro che ricorda come la problematica sia analoga a quella di altre professioni, che invece hanno già queste forme di tutela.

Capendo le ragioni poste dal Sentare Lorefice, il Sottosegretario Amendola, “ritenendolo un tema importante da approfondire” ribadisce, tuttavia, “che il suo mandato è quello di evitare l’aggravarsi della situazione italiana rispetto alle procedure di infrazione con l’Unione europea”. Sottosegretario che condivide che “la sede più idonea per trattare il tema sia quella del prossimo provvedimento sulla concorrenza”.

Terminata la votazione, stando a quanto riporta il sito ANDI, i Senatori M5S Pietro Lorefice, capogruppo in Commissione Politiche europee di Palazzo Madama, e le senatrici Elisa Pirro e Maria Domenica Castellone, capogruppo e membro della Commissione Sanita hanno rilasciato questa dichiarazione all’agenzia ANSA: “La salute del cittadino non può essere lasciata nelle mani di lobby e multinazionali che antepongono l’interesse economico alla salute dell’individuo. Per questo ritengo gravissima la bocciatura avvenuta oggi in Senato dell’emendamento Cinquestelle a mia prima firma da parte di quelle forze politiche che evidentemente preferiscono stare dalla parte del profitto dei grandi gruppi odontoiatrici invece che dalla parte dei cittadini. Continueremo, a fianco dell’Associazione Nazionale Dentisti Italiani, la nostra battaglia politica per impedire lo svolgimento dell’attività odontoatrica a società commerciali diverse da quelle professionali: un business che lucra senza scrupoli sulla salute delle persone e che va urgentemente contrastato”.  

Articoli correlati

Da sx: Pollifrone;Tuzio;Pelillo;Dili.

Le STP cominciano ad interessare sempre più studi professionali. Abbiamo sentito gli esperti su natura del reddito societario e le regole per consulenti e collaboratori


Sulla pubblicità viene modificata la norma Boldi non consentendo comunicazioni con offerte, sconti e promozioni che possano determinare il ricorso improprio a trattamenti sanitari


Il presidente Damilano (CAO Cuneo) avanza una proposta per superare la spinosa questione del rispetto dei principi deontologici da parte delle società di capitale 


Il presidente CAO: la concorrenza vale se le regole sono uguali per tutti. Oggi non è così, i professionisti sono penalizzati così come i pazienti 


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


Altri Articoli

La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


Il Decreto-Legge 21 settembre 2021, n. 127  (DL Green Pass Lavoro) recante Misure urgenti per assicurare lo svolgimento in sicurezza del lavoro pubblico e privato mediante l’estensione...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio