HOME - Cronaca
 
 
23 Settembre 2021

AIO su bocciatura emendamento società odontoiatriche

Disappunto per la decisione di non approvare l’emendamento. Fiorile: StP deve essere unico modello societario possibile in odontoiatria 


Associazione Italiana Odontoiatri apprende con disappunto della bocciatura dell'emenamento alla Legge di delegazione europea a firma di Pietro Lorefice che ammetteva all’esercizio dell’odontoiatria, tra le società, solo quelle tra professionisti (StP) previste dal decreto 34 dell’8 febbraio 2013.

Per la Commissione, si introdurrebbe una limitazione non giustificata alla concorrenza e al principio di libertà di stabilimento con conseguente rischio di apertura di una procedura di infrazione.

"Coincidenza vuole che proprio nelle stesse ore l’Autorità Garante per la Concorrenza, su ricorso di Federconsumatori sanzionava per un milione di euro la catena Dentix, fallita durante il lock-down portandosi dietro 57 ambulatori, per aver prospettato la propria offerta ai pazienti in modo “ingannevole, carente e non trasparente”. Pensiamo che le sollecitazioni poste da Federconsumatori, che ricordiamo non è certo una associazione di Dentisti, vadano colte con attenzione dalla parte politica quando viene evidenziato chiaramente come sia urgente una modifica del quadro normativo per far crescere le tutele reali dei pazienti verso catene dentali non riconducibili a professionisti legati alla deontologia", afferma il Presidente nazionale AIO Fausto Fiorile (nella foto).

"In una lettera al Premier Mario Draghi –continua Fiorile - avevamo spiegato come l’affidamento dell’esercizio di una professione sanitaria ad una società iscritta all’Albo Medici ed Odontoiatri non solo non violi la concorrenza, ma tuteli di più il paziente che intraprenda cure dentali spesso impegnative dal punto di vista clinico ed economico, e non intacchi il principio della libera concorrenza. Ricordiamo che una modifica nel senso auspicato non causerebbe alcun danno occupazionale o economico alle Catene esistenti se si pensasse, come noi riteniamo, ad una sorta di salvaguardia delle realtà esistenti ad una certa data, stabilendo il principio del cambiamento in prospettiva. Il dato positivo è comunque che il Sottosegretario alla presidenza del Consiglio Vincenzo Amendola considera ancora aperto l’argomento ritenendo che la sede più idonea per una prossima discussione sul tema sia il prossimo provvedimento da approvare alle camere sulla concorrenza. Lì e in tutte le sedi possibili AIO continuerà a sostenere il modello StP come unico vero erogatore di cure sanitarie in forma organizzata.

Ricordiamo che riservare la possibilità di esercizio dell’Odontoiatria alle sole StP significherebbe:

  • Maggior controllo deontologico da parte dell’Ordine di competenza;
  • Controllo della professione da parte del professionista e non del Capitale che spesso ha sede addirittura Oltreoceano;
  • Versamento nelle casse dell’Ente di previdenza dei medici, l’Enpam, dei contributi previdenziali per il futuro dei giovani professionisti;-       Irpef e Irap versate sul territorio italiano e non all’estero".

Fiorile ringrazia i senatori Pietro Lorefice e Silvana Giannuzzi del Movimento 5 Stelle per aver sostenuto e per continuare a sostenere «le posizioni di tantissimi italiani, Medici, Odontoiatri e Pazienti".  

A cura di: Ufficio Stampa AIO

Articoli correlati

Da sx: Pollifrone;Tuzio;Pelillo;Dili.

Le STP cominciano ad interessare sempre più studi professionali. Abbiamo sentito gli esperti su natura del reddito societario e le regole per consulenti e collaboratori


Sulla pubblicità viene modificata la norma Boldi non consentendo comunicazioni con offerte, sconti e promozioni che possano determinare il ricorso improprio a trattamenti sanitari


Il presidente Damilano (CAO Cuneo) avanza una proposta per superare la spinosa questione del rispetto dei principi deontologici da parte delle società di capitale 


Il presidente CAO: la concorrenza vale se le regole sono uguali per tutti. Oggi non è così, i professionisti sono penalizzati così come i pazienti 


Le STP sono escluse ma non tutte. Oltre 5 milioni di euro quanto incassato da ENPAM ma lo scorso anno solo il 50% delle società lo ha versato. Le sanzioni per gli inadempienti


Altri Articoli

Poca letteratura si occupa dell’efficacia dei metodi di comunicazione in questo settore, sottolinea il prof. GaglianiIndicando come diafano l’atteggiamento che il dentista generico ha nei...

di Massimo Gagliani


La cronaca ci ha nuovamente regalato l’occasione per commentare, ancora una volta, un progetto legislativo dal punto di vista semantico. Che poi è la vera questione di tutte le Leggi che per...

di Norberto Maccagno


Elite Computer Italia, una delle aziende leader nello sviluppo di software e servizi informatici per il settore dentale, parte di Henry Schein One, presenta le ultime soluzioni nel...


Riguarda il Webinar con Daniele Cardaropoli per approfondire e confrontarsi sulle più attuali in tema di chirurgia parodontale.


Più sicuro se abbinato ad una registrazione analogica. L’esperienza di Costanza Micarelli: la tecnologia è un enorme aiuto ma solo se abbinata ad esperienza e conoscenze del clinico e del tecnico


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

ECM: abbiamo fatto il punto con Alessandro Nisio