HOME - Cronaca
 
 
30 Marzo 2006

Assistenti di studio e sindacato

di G.C. Leghissa


Sul numero di novembre 2005 di Prevenzione & assistenza dentale è stato pubblicato un editoriale del Presidente dell’AIASO (Associazione Italiana Assistenti di Studio Odontoiatrico, ndr), Annamaria Girardi, che è indicativo della situazione della categoria. La signora Girardi (che io stimo moltissimo, come è giusto stimare tutti coloro che invece di starsene a casa in pantofole fanno sacrifici e si impegnano per migliorare il mondo) fa alcune affermazioni rivelatrici:
1) “… l’AIASO, ente privo di finalità lucrative e apolitico…”. Come fa un’associazione che si occupa dei diritti e dei doveri di una categoria professionale a essere apolitica? Lavorare per raggiungere regole, norme, quadri professionali, cioè situazioni pubbliche che sul pubblico intervengono, non è fare politica? Perché si ha paura della politica? Perché è sporca? Così come il danaro? Smettiamola con le facezie a assumiamoci con dignità e coraggio il ruolo che spetta a chiunque si occupi, in qualunque modo, della cosa pubblica: facciamo politica.
2) “… per quale motivo le associazioni che rappresentano gli assistenti non vengono quasi mai coinvolte… in occasione dei più importanti dibattiti ufficiali?”. Non sarà perché non hanno peso, visto che il numero di assistenti iscritti alle associazioni è quasi insignificante? Ma soprattutto: non sarà che le proposte delle associazioni sul piano sindacale sono praticamente inesistenti? Fate sforzi importanti e lodevoli per dare aggiornamenti culturali, ma a quale scopo? A cosa serve insegnare tutto sulla sterilità se poi nello studio non ci sono le autoclavi o non vengono fatti i controlli biologici? Se l’assistente che si cambia i guanti quando tocca il telefono viene guardata male? Se il tempo per il riordino e la decontaminazione è così compresso che è impossibile realizzarli compiutamente? Allora il vero problema è: cosa ci sta a fare un’associazione sindacale che non fa battaglie sindacali?
3) "… perché si pretende di voler dirigere, sempre dall’alto, le ‘crociate’ che gli assistenti vogliono intraprendere da soli, al fine di vedersi riconosciuti professionalità e diritti?”. Forse perché, in realtà, le crociate non le fa nessuno. Provate a organizzare una mobilitazione nazionale degli assistenti davanti al Parlamento per consegnare la richiesta di una legge sulla figura professionale e vedrete che… nessuno vorrà venire a dirigere dall’alto, anzi, vedrete che i dentisti ben si guarderanno dal partecipare. Ma la verità vera, amara, dura da digerire è che anche gli assistenti si guarderebbero bene dal partecipare, perché il senso di categoria, l’orgoglio professionale, la solidarietà di lavoratori sono bassi e flebili.
Sono pessimista? Lo spero. E se sono pessimista vuol dire che la realtà sarà migliore di quanto temo e che presto vedremo nascere serie iniziative sindacali da parte delle associazioni degli assistenti, vedremo la ricerca di unità delle associazioni, vedremo…

Italian Dental Economist 2006; 2

Articoli correlati

Leonardi: trasformare il distanziamento sociale in socializzazione a distanza, oggi è possibile. Questi alcuni consigli


Possono utilizzarlo non solo le aziende ma anche i singoli professionisti, esclusi gli investimenti su radio e televisione


Una video intervista con gli autori per approfondire i temi contenuti nel Manuale di Dental Management nell'era post Covid-19


Il timore di contagio o la non conoscenza delle norme, possono convincere i pazienti a disdire l’appuntamento. I consigli sulle azioni da mettere in campo per evitarlo


Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


Altri Articoli

Richiesta laurea e diploma di specialità. Le domande dovranno pervenire entro il 10 marzo


La CAO segnala, “la dimenticanza” all’ISS chiedendo di intervenire al fine di non precludere agli odontoiatri la possibilità di essere somministratori


Su Nature si ipotizza che la trasmissione attraverso le superfici non sia più un rischio significativo come ad inizio pandemia


Chiarello: alla luce delle scarse scorte di vaccini inconcepibile pensare di voler nuovamente posticipare la somministrazione agli odontoiatri


Intanto cresce il malcontento tra medici ed odontoiatri ancora da vaccinare e che si vedranno somministrare il vaccino ritenuto meno efficace  


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

L’odontoiatria protesica oggi: il punto di vista della neo presidente AIOP