HOME - Cronaca
 
 
07 Luglio 2008

Per la musica in studio non si paga

di Norberto Maccagno


Nello studio dentistico la riproduzione musicale non è effettuata a scopo di lucro e il titolare non deve versare nulla alla Scf, la Società consortile fonografi che gestisce il “diritto connesso al diritto d’autore”, ovvero le somme riconosciute ai produttori di compact disc e supporti musicali.
Si chiude, speriamo definitivamente, una querelle che dura da molti anni e che ha coinvolto non pochi studi odontoiatrici che si sono visti recapitare una sanzione per non aver pagato i diritti d’autore ritenendo che lo studio dentistico, al pari di ogni altro luogo pubblico in cui viene trasmessa musica, deve provvedere al pagamento. A sancirlo è una recente sentenza del Tribunale di Torino - depositata il 21 marzo 2008 - in merito al ricorso presentato dal dottor Marco Del Corso e sostenuto dall’Andi.
La vicenda giudiziaria comincia quando la Scf cita in giudizio il titolare, dottor Del Corso, per violazione della legge 633/1941 sul diritto d’autore, chiedendo la condanna al pagamento del compenso per ogni cd o disco in vinile trasmesso nello studio negli ultimi dieci anni: 25mila euro la richiesta. Con la sentenza il tribunale non accoglie la richiesta della Scf, in quanto l’articolo 73bis della legge sul diritto d’autore, che prevede un compenso per autori e produttori “anche quando l’utilizzazione è effettuata a scopo non di lucro” , non è applicabile perché lo studio dentistico non è un luogo pubblico o aperto al pubblico. Motivando che i pazienti “non costituiscono un pubblico indifferenziato, ma sono singolarmente individuati e hanno diritto ad accedere normalmente previo appuntamento o su consenso del medico nei soli casi particolari (per le visite urgenti)”.
“Il termine pubblico - motiva il Tribunale - viene infatti definito come accessibile e aperto a tutti, non circoscritto a determinate persone o comunque relativo a un ambito collettivo”. “La Scf - spiega il segretario sindacale Andi Gianfranco Prada - nello stesso procedimento, aveva cercato, senza riuscirci, di far sottoporre al vaglio della Corte di giustizia europea alcuni profili dubbi in ordine all’ampiezza delle nozioni di comunicazione al pubblico e di messa a disposizione del pubblico e se essi fossero tali da estendersi anche alle attività di uno studio professionale medico che diffonde musica nei locali, ricevendo via etere un segnale radiofonico, oppure utilizzando un supporto di suono e il relativo lettore”. Sottolineando che la sentenza influenzerà positivamente l’esito di altre cause pilota contro Scf, il segretario sindacale dell’Andi anticipa che in accordo con l’ufficio legale dell’associazione analizzeranno le possibili ricadute della sentenza “sia in ambito delle procedure autorizzative degli studi odontoiatrici, sia per altri aspetti relativi a pagamenti di tributi”.

GdO 2008; 10

Articoli correlati

Il sito web dello studio dentistico, affinchè diventi uno strumento di comunicazione efficace che attragga potenziali pazienti, occorre nutrirlo con contenuti nuovi e originali (blog) che...


La burocrazia nasce per guidare l'attività di più soggetti secondo un criterio di razionalità, pur restando uno strumento valido all'interno di una organizzazione complessa come...


Negli ultimi anni, il rapporto tra paziente e medico odontoiatra non è più così indissolubile e fedele: i pazienti infatti sono diventati "clienti osservatori", nel senso che si...


Nel 1990 Ultradent ha sviluppato i primi gel sbiancanti e da allora innumerevoli pazienti sono stati trattati con i prodotti Opalescence e moltissimi studi continuano a testimoniare la metodica...


Oltre 13mila euro di risarcimento per una protesi riuscita male. E' questa la somma che un pensionato di 80 anni di Mestre ha ottenuto da uno studio dentistico mestrino, reo di aver sbagliato...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni