HOME - Cronaca
 
 
30 Settembre 2006

Il mal di schiena e l’ergonomia

di C. Guastamacchia


Tutti i dentisti (igienisti, assistenti) senza eccezione, sono destinati al mal di schiena. Differente per epoca di insorgenza, tollerabilità, continuità, gravità, terapie più o meno efficaci, il mal di schiena non risparmia nessuno. Il mal di schiena parte da una disarmonia fondamentale del nostro lavoro riguardante la postura, in piedi o seduta che sia. La nostra postura ha due difetti: il lavoro monolaterale e la grande frequenza di condizione asimmetrica. Il primo difetto è, ovviamente, ineliminabile, il secondo, teoricamente (astrattamente?) eliminabile, è tuttavia costituito dal disassamento quasi fatale di tre linee: la bitemporale, la bis-acromiale e la bi-spinoiliaca.
Fiumi di consigli si sono susseguiti per suggerire e insegnare la “postura” migliore, ma la verità vera è che la “postura migliore” non esiste. Esiste (eccome se esiste!) la “postura peggiore”, che ha un nome e un cognome: si chiama postura statica prolungata. Se ne accorse oltre 25 anni fa Riessner (Riessner FE. Die Dinamiche Sitzweise. Quintessenz 12, 1979) quando suggerì ciò che, in seguito, è stato troppo trascurato anche da molti ergonomi, oltre che dal legislatore: infatti di questo suggerimento nulla si trova nella famosa “626”.
Cosa suggerì Riessner? Una cosa molto semplice: che ogni 8-10 minuti il dentista e la sua assistente cambiassero, anche di pochissimo, postura. Questo perché il vero guaio, da cui ha origine il mal di schiena, è quello della postura statica prolungata. Oggi, alla luce di quanto si è potuto constatare, (anche inserendo nei nostri principi ergonomici quanto proviene da altri campi), i consigli più pratici e operativi, sono i seguenti:
1. cambiare postura, anche di poco, ogni 8-10 minuti;
2. tra i cambiamenti includere anche momenti di postura all’impiedi;
3. non effettuare il lavoro seduto sempre con lo stesso seggiolino (non esistono seggiolini “perfetti”), ma alternarlo con almeno tre modelli durante il giorno e/o durante la settimana;
4. fare, almeno tre volte la settimana, sedute per esercizi di rinforzo della muscolatura addominale, con almeno 150-200 ripetizioni per seduta; una tonica muscolatura addominale, sia dei retti che degli obliqui, è la difesa fondamentale per i dischi intervertebrali e per tutta la colonna.
Naturalmente ognuno potrà perfezionare quanto suggerito, con trainer personali o studiando libri ad hoc sull’argomento, ma la sostanza del discorso è tutta nei quattro punti citati sopra. Questi valgono molto ma molto di più di un nuovo riunito o di un nuovo seggiolino… senza la postura dinamica. Riflettiamoci: l’ergonomia può davvero aiutarci più di qualunque diavoleria tecnologica o di qualunque rozza e semplicistica “626”. Ancora una volta sta a noi prevenire: prevenire, ovviamente, anziché dover, dopo, dolorosamente curare.



Tag

Articoli correlati

Uno studio inglese indaga il suo “potere distrattivo” durante le sedute

di Lara Figini


Il paziente vuole essere "trattato bene" e un atto professionale prestato in maniera integrata all'interno di un team costituito da dentista, assistente e igienista, la cura della squadra e...


Oene Hokwerda, illustre insegnante universitario olandese di ergonomia odontoiatrica, ha presentato al Congresso europeo di Cracovia (ESDE 30 maggio 2009) uno schema di addestramento per odontoiatri,...


Il Giornale dell’Odontoiatra compie 25 anni: in questi anni molto è cambiato nella professione odontoiatrica, in tutti i settori, molte discipline si sono affermate con sempre maggiore evidenza e...


Nella I parte di questo lavoro sono presi in esame i principi ergonomici che consentono all’odontoiatra di operare in tutta sicurezza, fatte salve le possibilità e i limiti fisiologici elaborati a...


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi