HOME - Cronaca
 
 
27 Marzo 2012

Lotta all'evasione, le misure del Governo Monti

Il Salva Italia e il decreto Semplificazioni

di Andrea Telara


MontiMonti

Due decreti approvati in tempi da record, a distanza di pochi mesi l'uno dall'altro. Sono queste le disposizioni di legge con cui il governo guidato da Mario Monti ha deciso di dichiarare guerra all'evasione fiscale che ogni hanno, secondo le stime più diffuse, sottrae alle casse dello Stato circa 120 miliardi di euro. E' una montagna di soldi, che ora il fisco deve necessariamente recuperare, almeno in parte, per mettere in sicurezza i conti pubblici.
Fine del segreto bancario, maggiori sanzioni contro chi trasferisce illegalmente capitali all'estero e agevolazioni per chi rispetta i parametri degli studi di settore: sono questi alcune delle misure messe in cantiere dall'esecutivo tra la fine del dicembre 2011 e gli inizi del marzo di quest'anno, per incentivare i cittadini a pagare con regolarità le tasse. Molti provvedimenti riguardano il mondo del lavoro autonomo e i liberi professionisti (odontoiatri compresi). Di seguito,vengono passati in rassegna i cambiamenti che si profilano all'orizzonte.

Le misure del decreto Salva-Italia.
Prima di analizzare nel dettaglio le leggi anti-evasione più recenti, messe in cantiere dal governo nelle ultime settimane, va ricordato che già il Decreto Salva-Italia, cioè la manovra economica straordinaria approvata nel dicembre scorso per mettere in sicurezza i conti pubblici, ha introdotto alcune misure per migliorare il rapporto tra il fisco e i cittadini e per stanare chi non paga tutte le tasse dovute (si vedano le tabelle in pagina, che riassumono i provvedimenti del decreto). Innanzitutto, è stato vietato l'uso del denaro contante per qualsiasi pagamento superiore ai mille euro. Ogni transazione che oltrepassa questo valore, dovrà essere effettuata tramite strumenti tracciabili come le carte di credito, la carta bancomat o gli assegni, che sono facilmente controllabili dall'amministrazione finanziaria.

Inoltre, sono state approvate alcune misure per migliorare il rapporto tra fisco e cittadini: chi risulta in linea con gli studi di settore, per esempio, avrà una minore probabilità di subire controlli (compresi quelli effettuati con il redditometro), che potranno svolgersi in un arco di tempo più breve di quello previsto oggi dalla legge, cioè entro 3 anni e non più in 4 anni.
Altre agevolazioni sono previste per i lavoratori autonomi e le aziende che risultano trasparenti col fisco, cioè comunicano periodicamente all'amministrazione finanziaria tutte le movimentazioni effettuate con i clienti e i fornitori.
Chi si comporta così, otterrà in cambio una riduzione dei tempi necessari per ottenere i rimborsi delle tasse e potrà anche avvalersi di un servizio di assistenza fiscale erogato dalle autorità pubbliche.

Le misure più significative contro l'evasione del Decreto Salva-Italia riguardano però il segreto bancario che ormai, di fatto, non esiste più. Gli istituti di credito dovranno infatti comunicare periodicamente al fisco tutti i movimenti registrati sui conti dei clienti, che verranno conservati dall'amministrazione finanziaria e potranno essere utilizzati per effettuare futuri controlli. I conti in possesso di ogni contribuente non avranno dunque più misteri.

Ai provvedimenti approvati nel dicembre scorso con Decreto Salva Italia, si sono aggiunti da poche settimane quelli del Decreto sulle Semplificazioni Fiscali con cui il governo Monti, oltre a combattere l'evasione, ha approvato alcune misure per migliorare il dialogo tra i cittadini e il fisco.

Articoli correlati

Un nostro approfondimento per capire come comportarsi quando si incassa, si preleva ma anche come gestire acconti, pagamenti rateali ed i rapporti con i fornitori


Ecco cosa sapere e come ci si può comportare con gli acconti. In vigore anche il credito d’imposta sulle commissioni per i pagamenti con strumenti tracciabili


Lo possono richiedere entro il 13 agosto odontoiatri ed odontotecnici ma solo se organizzati in Società di capitale, di persone o StP. Non chiara la possibilità per gli studi associati. Fiorile...


Il Ministero dell’Economia e delle Finanze anticipa lo slittamento di 20 giorni della scadenza per versare il saldo 2019 delle tasse


Esclusi oltre i dentisti anche gli odontotecnici iscritti come artigiani. Per riceverli bisogna presentare una nuova domanda


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION