HOME - Cronaca
 
 
10 Aprile 2012

Cura degli anziani: come deve evolvere lo studio?

Cambiamenti strutturali e organizzativi

di Debora Bellinzani


studiostudio

Lo studio odontoiatrico dovrà essere adattato alle esigenze degli anziani e ai problemi che potrebbero incontrare nell'accedervi, prevedendo per esempio la presenza di ascensori per raggiungerlo o di porte più larghe del normale per consentire un accesso comodo alle persone che utilizzano strumenti che aiutano la deambulazione oppure alle carrozzelle e alle sedie da trasporto.
Parola di Daniel Kandelman, direttore dell'International Center of Prevention of Dental Diseases for Specific Need Populations e professore presso la facoltà di Odontoiatria dell'Università di Montréal in Canada, intervistato dal Giornale dell'Odontoiatra sul tema.
"Anche gli arredi che compongono lo studio dovrebbero essere modificati, scegliendo per esempio poltrone adatte e sedie comode nella sala d'attesa.
L'odontoiatra e il suo team, inoltre, dovrebbero ricevere una preparazione che li porti a essere molto pazienti con le persone anziane, a parlare lentamente con un tono di voce alto in modo che possano comprendere e a riservare del tempo per affrontare le loro difficoltà; le persone anziane infatti hanno bisogno di maggiore comprensione e pazienza rispetto agli adulti più giovani".

Le cure domiciliari
"Gli odontoiatri che desiderano curare pazienti che non si possono muovere, e che si trovano a casa o negli istituti di cura, dovranno attrezzarsi con strumenti e macchinari odontoiatrici trasportabili e imparare a trattare persone che devono rimanere sdraiate nel letto.
Si tenga presente, a questo proposito, che circa il 10% della popolazione con più di 75 anni è costituito da persone che non possono uscire di casa o che sono ricoverate in istituti di cura".


Il professionista dove potrà acquisire le competenze necessarie?
"Per poter preparare gli odontoiatri ad affrontare tutte queste nuove esigenze è molto importante includere lezioni di odontoiatria geriatrica nella fase iniziale del percorso di studi della laurea in Odontoiatria. Le materie che dovranno essere approfondite sono lo screening del cancro orale, l'implantologia e il mantenimento degli impianti, la farmacologia, il trattamento dei pazienti che non possono raggiungere lo studio, il trattamento della carie radicolare con tecniche basate sull'uso di vetroionomero, la pulizia e il mantenimento delle protesi e le cure palliative per i pazienti con xerostomia grave.
Le materie di questo elenco, non esaustivo, dovrebbero essere integrate nel curriculum accademico dei primissimi anni di studio degli studenti di Odontoiatria che, in un futuro molto vicino, si troveranno a trattare sempre più pazienti anziani nel loro studio.
Gli odontoiatri che poi scegliessero di specializzarsi in Odontoiatria geriatrica dovrebbero, secondo il mio punto di vista, essere formati in corsi post-laurea che li mettano in condizione di spendere gran parte del loro tempo collaborando con le autorità sanitarie nei programmi di Odontoiatria di comunità e nelle attività cliniche rivolte principalmente ai pazienti che non possono raggiungere i luoghi di cura".


Leggi la prima parte dell'intervista a Daniel Kandelman

GdO 2012;4:6-7

Articoli correlati

I liberi professionisti devono indicare il reddito annuo conseguito nel 2019. Le Società devono versare lo 0,5% del fatturato, oltre 4milioni di euro quanto versato lo scorso anno


Aprire un dialogo con Istituzioni di settore e non, per definire un modello di odontoiatria che possa realmente tutelare il paziente tra gli obiettivi della nuova presidenza


Il dibattito tra FNOMCeO e Regioni sull’uso della Telemedicina, può essere d’indirizzo per l’applicazione odontoiatrica di un servizio comunque utile in questa fase post Covid


Per l’Associazione degli studi convenzionati sono altre le misure da attivare per tutelare il paziente, queste quelle proposte


Laurea abilitante, scuole di specializzazione, qualità formativa ed ovviamente numero chiuso, tra gli argomenti toccati dal prof. Roberto Di Lenarda


Altri Articoli

Riferito ai 4 mesi di pandemia è a disposizione di imprese e attività professionali con alcune limitazioni. Possibile decidere di “cederlo” 


Lo rivela uno studio pubblicato su Frontiers in Public Health. Secondo i ricercatori serve però tempo


Aggiornamento dell’Elenco delle società scientifiche e delle associazioni tecnico-scientifiche delle professioni sanitarie. Entro fine ottobre le domande


Una ricerca su JADA è lo spunto per le considerazioni del prof. Gagliani nella sua Agorà del Lunedì. L’argomento è la comunicazione della prevenzione, ma anche il valore delle revisioni...

di Massimo Gagliani


L'EFP lancia una nuova campagna internazionale per spiegare la relazione tra malattie cardiovascolari e salute delle gengive sulla base delle più recenti prove scientifiche e del contributo...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

I u201ctrucchiu201d per convivere con il rischio Covid in studio