HOME - Cronaca
 
 
24 Aprile 2012

Una guida per gestire i pagamenti della clientela

Investire nello studio

di Andrea Telara


igienistaigienista
Gestire bene i pagamenti della clientela e investire per accrescere le attività dello studio. Sono buone pratiche quotidiane per qualsiasi odontoiatra italiano ma che, purtroppo, oggi diventano sempre più difficili, con la crisi economica che sembra ancora  lontana dal capolinea. Lo sa bene chi ha letto i risultati dell'ultima indagine annuale pubblicata dall'Andi (l'Associazione Nazionale dei Dentisti Italiani) e riportata anche nei precedenti numeri di Gdo: secondo le statistiche, infatti, il 45% degli odontoiatri oggi dichiara di aver subito un calo del giro d'affari, mentre più del 40% dei giovani dentisti riesce ad aprire un proprio studio professionale non prima di 5 anni dall'inizio dell'attività o dal conseguimento della laurea. Eppure, nonostante i problemi legati alla recessione economica, oltre il 64% degli odontoiatri di tutta la Penisola si dichiara ancora disponibile a fare investimenti in impianti, attrezzature e risorse umane (cioè in nuovi dipendenti o collaboratori) per accrescere il proprio fatturato.
Facile a dirsi, molto più difficile è passare invece dalle parole ai fatti.  Se un dentista ha a disposizione un bel "gruzzoletto" che gli consente di affrontare le spese straordinarie, ovviamente non può scartare l'idea di pagare in contanti, almeno in parte, le nuove attrezzature che intende acquistare, senza correre il rischio di indebitarsi troppo.  Peccato, però, che non molte persone oggi possano permettersi questo lusso.
Inoltre,  per fare investimenti occorrono spesso molti soldi, che  soltanto il sistema bancario è in grado di fornire alle piccole imprese e ai professionisti. Scegliere il finanziamento giusto è dunque una tappa obbligata per tutti i lavoratori autonomi italiani (odontoiatri compresi). Come possono riuscirci?
Su questo fronte, i prodotti creditizi a disposizione dei dentisti sono davvero molti: dal prestito personale senza garanzie, all'apertura di credito sul conto corrente. Un po' meno utilizzati sono invece altri strumenti di finanziamento come l'anticipo delle fatture o il factoring, attraverso  cui un'azienda o un lavoratore autonomo cede alla banca i propri crediti vantati verso i clienti e riceve in cambio una somma di denaro liquido (si vedano le tabelle in pagina).

I prodotti per i liberi professionisti
Per l'acquisto di beni durevoli, invece, i due prodotti più gettonati tra i liberi professionisti sono senza dubbio il mutuo o il leasing. Il primo, come è ben noto, viene utilizzato di solito per l'acquisto di immobili, cioè di case, terreni e fabbricati. Il leasing, invece, serve di solito per avere la disponibilità di un bene strumentale all'esercizio della professione (per esempio un'automobile o un macchinario), benché questa forma di finanziamento esista anche nel settore immobiliare (si vedano  ancora  le tabelle in pagina).
La scelta di un prodotto creditizio, com'è ovvio, dipende innanzitutto dai tassi d'interesse applicati dalle banche e dalle finanziarie che erogano i soldi. Per capire se un contratto di mutuo o di leasing sono poco o molto costosi,  è bene tenere come bussola i tassi medi di mercato registrati ogni trimestre dalla Banca d'Italia (si vedano ancora le tabelle in pagina). Se il tasso di un prodotto supera abbondantemente la media, è bene  declinare l'offerta della banca e rivolgersi altrove.
Oggi, per esempio, la quota di interessi media che grava sui finanziamenti in leasing venduti nel nostro paese è compresa tra il 6,8 e il 9,3% su base annua (a seconda della tipologia di bene acquistato). Molto più contenuti sono invece i tassi dei mutui immobiliari che, tuttavia, costano meno rispetto agli altri prodotti creditizi per una ragione fondamentale: di solito, la banca chiede al mutuatario di offrire una garanzia maggiore (rappresentata dall'ipoteca sul fabbricato).

I tassi bancari
Abbastanza alti sono invece i tassi che gli istituti bancari richiedono ai clienti quando concedono uno scoperto di conto corrente: tra il 9,5 e il 10,8% circa, a seconda dell'importo del fido concesso. Va detto, però, che questa apertura di credito è spesso priva di garanzie: proprio per tale ragione, i costi dello scoperto di conto sono più elevati.
I dentisti che vogliono indebitarsi, hanno a disposizione anche alcune offerte agevolate di prodotti creditizi (mutui prestiti e, in alcuni casi, anche il leasing) offerti da alcune banche agli iscritti all'Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri). Si tratta di 4 istituti attivi a livello nazionale come il Monte dei Paschi di Siena, IntesaSanpaolo e Bnl Gruppo Bnp Paribas oppure presenti soprattutto nel centro-nord come la Banca Popolare di Sondrio.

GdO 2012;5:4-5

Articoli correlati

La legge di stabilità 2016 innalza da mille a tremila euro il limite per l'uso del contante. Da gennaio di quest'anno medici e dentisti possono accettare pagamenti da pazienti, o effettuarne...


Sappiamo come i "controlli bancari" sui conti correnti degli studi odontoiatrici o quelli personali dei professionisti (o dei loro familiari) siano uno principali metodi di accertamento e di verifica...


Le indagini finanziarie anche dette "controlli bancari" sono una delle principali metodologie di accertamento e di verifica che l'Agenzia delle Entrate e, più in generale il Fisco, utilizza...


Il caso del dentista astigiano denunciato per una presunta evasione di 3,8 milioni di euro ha riportato all'attenzione del settore la questione dei controlli bancari. Infatti, secondo la stampa...


L'addebito diretto sul conto corrente taglia le file allo sportello bancario e fa scattare la rateizzazione. I medici e gli odontoiatri hanno però tempo fino al 15 settembre prossimo - rende...


Altri Articoli

Dopo il DiDomenica della scorsa settimana in cui chiedevo una mano per fare alcune riflessioni sul primo passo per diventare dentisti, iscriversi al Corso di laurea, in questo affrontiamo...

di Norberto Maccagno


Cronaca     10 Luglio 2020

Abusivo denunciato a Roma

Immagine di archivio

Scoperto a seguito delle segnalazioni di alcuni pazienti. Posto sotto sequestro anche lo studio


Un webinar organizzato dalla CAO di Varese ha analizzato il periodo di pandemia attraverso sondaggi effettuati su dentisti europei, lombardi e della provincia di Trento. Riguarda l’intero evento


Disposizione contenuta nel Decreto Semplificazioni. Sanzioni anche per gli Ordini che non vigileranno o non comunicheranno gli elenchi  


Scarica il capitolo tratto dal libro “Approccio sistematico alla terapia ortodontica con allineatori”, manuale che analizza l’approccio basato sull’uso di allineatori senza perdere di vista...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION