HOME - Cronaca
 
 
16 Maggio 2012

Come diventare professionisti che adottano l'approccio della medicina narrativa

L'approfondimento: un nuovo rapporto con il paziente

di Debora Bellinzani


pazientepaziente

La lettura degli studi e delle esperienze esistenti e la conoscenza di esempi come quello di Clelia Mazza dimostrano che adottare l'approccio della medicina narrativa è una scelta possibile.
"È necessario però adottare un atteggiamento mentale nuovo: non bisogna infatti pensare che il vissuto del paziente sia un elemento di disturbo, ma piuttosto una risorsa da utilizzare proprio per individuare e prestare le cure più appropriate; per fare questo, è necessario che il professionista sviluppi sia la capacità di comprendere sia la sensibilità per poter dare al racconto del paziente senso e valore."

La domanda a questo punto è d'obbligo: è necessario allora prevedere tempi più lunghi per le visite ai pazienti?
"In realtà il tempo effettivamente necessario può non essere molto e sicuramente viene recuperato quando la cura dà buoni risultati: spesso, per quanto riguarda la mia esperienza, è sufficiente concedere 10-15 minuti nella fase iniziale della relazione con il paziente per poter avviare un rapporto paritario e di fiducia che lo motiva all'aderenza e che grazie ai buoni risultati ottenuti consente, negli incontri successivi, di dedicare un tempo inferiore alla terapia vera e propria.
Il cambiamento importante è quello che permette di abbandonare un atteggiamento paternalistico medico-paziente e di entrare così nell'ottica di una relazione d'aiuto in cui si esamina insieme al paziente quale può essere la strada verso la guarigione ottenendo così, allo stesso tempo, maggiore motivazione e una terapia più individualizzata. Per poter ottenere questi risultati, però, il professionista deve essere preparato".

Leggi anche:
- Storie da ascoltare: recuperare l'umanità attraverso la medicina narrativa

GdO 2012:5:2-3

Articoli correlati

"Le persone malate hanno bisogno di medici in grado di capire la loro patologia, trattare i loro problemi e accompagnarli attraverso le loro malattie. Una medicina scientificamente competente non...


Che cosa accade quando il paziente ha una patologia grave e un pesante carico di sofferenza? A chi è portato a pensare che un approccio che dia spazio al carico emotivo del paziente sia...


"Mi fa male tutta la gengiva, prioprio qui, in basso a destra". Quante volte è capitato che, dopo queste prime poche parole del paziente, si risponde: "D'accordo, ora mi faccia vedere"?È...


Dopo aver letto l'intervista alla dottoressa Clelia Mazza sulla medicina narrativa in cui esalta i benefici della medicina narrativa, la prima cosa che ho pensato è stata: sì, è...


In Italia esistono alcune realtà che promuovono la medicina narrativa come la Società italiana di Medicina narrativa (www.medicinanarrativa.it), che esiste dal 2009, o l'associazione...


Altri Articoli

Le vicende di alcune Catene spagnole, ed italiane, confermano che il vero problema per pazienti e non solo si chiama "finanza creativa" e non cure. Qualche settimane fa ricevo una mail da parte di un...

di Norberto Maccagno


Fiorile: scelta grave che non frena l’evasione fiscale e crea una situazione paradossale tra che si rivolge al pubblico e i pazienti che si rivolgono ad un dentista privato


Per Dentix Italia sono solo indiscrezioni di stampa ed assicura che non ci sono problemi per pazienti e collaboratori 


I problemi potrebbero nascere per coloro che sono esentate in Italia dal conseguire l’attestato di qualifica. Il Ministero intanto ha definito le modalità di riconoscimento per i titoli conseguiti...


Cronaca     14 Febbraio 2020

Medici e dentisti: è corsa al POS

La possibilità di detrarre le spese sanitarie solo se pagate con strumenti tracciabili ha costretto medici e dentisti a dotarsi del POS. 400% l’aumento di rischiste nell’ultimo mese


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove norme su Direttore sanitario e Autorizzazioni