HOME - Cronaca
 
 
16 Maggio 2012

Come diventare professionisti che adottano l'approccio della medicina narrativa

L'approfondimento: un nuovo rapporto con il paziente

di Debora Bellinzani


pazientepaziente

La lettura degli studi e delle esperienze esistenti e la conoscenza di esempi come quello di Clelia Mazza dimostrano che adottare l'approccio della medicina narrativa è una scelta possibile.
"È necessario però adottare un atteggiamento mentale nuovo: non bisogna infatti pensare che il vissuto del paziente sia un elemento di disturbo, ma piuttosto una risorsa da utilizzare proprio per individuare e prestare le cure più appropriate; per fare questo, è necessario che il professionista sviluppi sia la capacità di comprendere sia la sensibilità per poter dare al racconto del paziente senso e valore."

La domanda a questo punto è d'obbligo: è necessario allora prevedere tempi più lunghi per le visite ai pazienti?
"In realtà il tempo effettivamente necessario può non essere molto e sicuramente viene recuperato quando la cura dà buoni risultati: spesso, per quanto riguarda la mia esperienza, è sufficiente concedere 10-15 minuti nella fase iniziale della relazione con il paziente per poter avviare un rapporto paritario e di fiducia che lo motiva all'aderenza e che grazie ai buoni risultati ottenuti consente, negli incontri successivi, di dedicare un tempo inferiore alla terapia vera e propria.
Il cambiamento importante è quello che permette di abbandonare un atteggiamento paternalistico medico-paziente e di entrare così nell'ottica di una relazione d'aiuto in cui si esamina insieme al paziente quale può essere la strada verso la guarigione ottenendo così, allo stesso tempo, maggiore motivazione e una terapia più individualizzata. Per poter ottenere questi risultati, però, il professionista deve essere preparato".

Leggi anche:
- Storie da ascoltare: recuperare l'umanità attraverso la medicina narrativa

GdO 2012:5:2-3

Articoli correlati

"Le persone malate hanno bisogno di medici in grado di capire la loro patologia, trattare i loro problemi e accompagnarli attraverso le loro malattie. Una medicina scientificamente competente non...


Che cosa accade quando il paziente ha una patologia grave e un pesante carico di sofferenza? A chi è portato a pensare che un approccio che dia spazio al carico emotivo del paziente sia...


"Mi fa male tutta la gengiva, prioprio qui, in basso a destra". Quante volte è capitato che, dopo queste prime poche parole del paziente, si risponde: "D'accordo, ora mi faccia vedere"?È...


Dopo aver letto l'intervista alla dottoressa Clelia Mazza sulla medicina narrativa in cui esalta i benefici della medicina narrativa, la prima cosa che ho pensato è stata: sì, è...


In Italia esistono alcune realtà che promuovono la medicina narrativa come la Società italiana di Medicina narrativa (www.medicinanarrativa.it), che esiste dal 2009, o l'associazione...


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi