HOME - Cronaca
 
 
05 Novembre 2012

Sidp: prevenire e trattare le complicanze e gli insuccessi

Si è concluso il corso di aggiornamento sul trattamento parodontale del paziente che pone vincoli

di Alberto Fonzar


FonzarFonzar

Il 19 e 20 ottobre si è tenuto a Firenze il Corso di aggiornamento della Società Italiana di Parodontologia sul tema "Il trattamento parodontale del paziente che pone vincoli: come coniugare estetica e funzione, come prevenire e trattare le complicanze e gli insuccessi".
Il corso si inseriva nel programma annuale che la Società ha strutturato con l'obiettivo di affrontare e discutere il trattamento migliore per il soggetto paziente, nel rispetto delle sue esigenze individuali, siano esse legate a vincoli temporali, biologici, culturali ed economici.

Il Dott. Roberto Rotundo ha coordinato le presentazioni dei relatori.

Il Prof. Leonardo Trombelli ha svolto un'accurata analisi delle variabili decisionali che il parodontologo deve prendere in considerazione durante il processo diagnostico. L'accuratezza della raccolta anamnestica, dell'esame obiettivo e radiografico devono essere associate necessariamente all'interpretazione della volontà e delle aspettative dell'interlocutore. Il piano di trattamento che scaturisce dal dialogo tra operatore e paziente deve essere orientato costantemente all'affidabilità prognostica di ogni procedura clinica, a maggior ragione qualora questa sia chirurgica. Il piano di trattamento non può ritenersi completo ed adeguato se non sostenuto da una terapia di supporto a lungo termine che contempli le variabili individuali del paziente e garantisca affidabilità nel tempo delle terapie svolte.

Il Dott. Cristiano Tommasi ha quindi svolto una dettagliata e accurata disamina delle potenzialità della terapia parodontale non chirurgica, avvalorandone l'efficacia qualora condotta con tecniche, strumenti e timing adeguati. Attraverso un'accurata review della letteratura più recente, è stato dimostrato come la terapia non chirurgica e la prevenzione siano in grado di garantire il controllo della malattia parodontale e delle sue recidive nel tempo in una consistente percentuale di pazienti affetti da forme croniche di parodontite. Altresì, il relatore ha sottolineato come il trattamento delle forme aggressive non possa prescindere da una diagnosi intercettiva che permetta di arrestarne la progressione, ridurne le complicanze e minimizzare l'invasività dei passaggi terapeutici. Un trattamento preventivo ed un'appropriata terapai di supporto costituiscono la base per la prevenzione delle complicanze e degli insuccessi in ambito parodontale, siano essi consistenti in riduzione di sostegno progressiva che di perdita di elementi dentali nel tempo.

Il Dott. Giulio Rasperini nella sua presentazione ha proposto un'attenta analisi dei parametri clinici ed operativi in chirurgia parodontale. Soffermandosi specificamente sulle potenzialità dell'approccio chirurgico ricostruttivo, mediante una successione di casi esemplificativi sono stati descritti differenti scenari clinici nei quali l'operatore si trova ad agire. Sono stati proposti processi decisionali per ottimizzare la prognosi a lungo termine e ridurre l'invasività del trattamento.
Nella giornata di sabato è stato spazio ad una visione interdisciplinare del trattamento  di come l'interazione fra specialisti può offrire soluzioni al piano di trattamento che riducano l'invasività biologica, temporale e finanziaria del trattamento.

Il Dott. Marino Musilli ha esposto i risultati della propria esperienza clinica nel trattamento del paziente con o senza storia di malattia parodontale sottolineando come la diagnosi ortodontica non possa prescindere da un'accurata diagnosi delle condizioni paradontali del paziente, intendendo così, non solo il controllo della progressione della malattia parodontale, ma anche e soprattutto la prevenzione di esiti indesiderati di un incongruo trattamento ortodontico. Sono viceversa state presentate diverse soluzioni mediante cui l'ortodonzia può agevolare il piano di trattamento integrato, anche complesso, e facilitando l'accettazione da parte del paziente.

Infine il Dott. Lorenzo Vanini ha presentato i risultati della sua lunga esperienza clinica soffermandosi sulle interrelazioni perio-restaurative nel trattamento delle lesioni cariose e traumatiche dell'area cervicale. Ha descritto le potenzialità del trattamento mediante restauri diretti con resine composite avvalorandone i vantaggi di minima invasività biologica e biocompatibilità ed economici.

Leggi anche la notizia sul corso di maggio:
- Sidp: nozioni pratiche sulle procedure per il trattamento implantare

Articoli correlati

Attualmente l’implantologia dentale è una terapia di routine eseguita su pazienti giovani ma anche su soggetti più anziani, con o senza problematiche sistemiche.Nonostante...

di Lara Figini


La mucosite perimplantare (PiM) è definita come un’infiammazione gengivale con sanguinamento al sondaggio (BOP) e aumento della profondità di sondaggio (PD), senza però...

di Lara Figini


La stabilità primaria implantare è stata definita come assenza di mobilità nel letto osseo dopo il posizionamento dell’impianto, determinata principalmente dalle proprietà...

di Lara Figini


La rimozione dei terzi molari mandibolari impattati è una comune procedura dento-alveolare eseguita in chirurgia orale e maxillo-facciale, con diversi livelli di difficoltà...

di Lara Figini


Le aspettativa di vita tendono sempre di più a prolungarsi e la popolazione con oltre 65 anni aumenta costantemente e, con essa, il tasso di incidenza di edentulismo...

di Lara Figini


Altri Articoli

Una ricerca tutta italiana ha messo a confronto alcuni strumenti che possono ridurre il rischio di contagio da Covid-19 attraverso l’aerosol


Landi: uno scambio di vedute che ha permesso di modificare un documento che avrebbe potuto comportare problemi per la gestione della post pandemia per gli studi odontoiatri europei


Un nuovo approccio clinico basato sulla medicina dei sistemi, per la cura della malattia parodontale, che in Italia colpisce il 60% della popolazione


Cronaca     03 Luglio 2020

ENPAM: completato il CDA

Eletti i tre consiglieri delle consulte. Quella della Quota “B” sarà rappresentata dall’odontoiatra Gaetano Ciancio


L’85% dei titoli sono conseguiti da cittadini italiani. Stabile anche il numero dei riconoscimenti dei titoli di residenti stranieri 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Nuove tecnologie in studio? Le omaggia IDI EVOLUTION