HOME - Cronaca
 
 
23 Maggio 2013

Sono diecimila i falsi dentisti in Italia

Conferenza Stampa con i dati dell'Eures

Ma siamo certi che a curare le nostre carie, o ad applicare gli apparecchi ortodontici ai nostri figli siano sempre e solo Odontoiatri con tutti i titoli in regola?
No: in Italia, a circolare sono diecimila falsi dentisti.

E non causano soltanto danni alla nostra salute. Ammonta infatti a settantacinque milioni di euro la perdita per le casse dello Stato. E parliamo esclusivamente dei mancati incassi Irpef.
Sono questi alcuni dati che emergono dallo Studio svolto dall'Eures - l'Istituto di Ricerche Economiche e Sociali - in collaborazione con la  Commissione Albo Odontoiatri e con l'egida di tutto il Comitato Centrale della Fnomceo che, per la prima, volta ha dato "numeri certi" sull'abusivismo medico e odontoiatrico nel nostro paese e a livello europeo.
I risultati completi saranno illustrati alla stampa domani, 24 maggio, alle 12, presso la Sede della Fnomceo (Piazza Cola Di Rienzo 80 A) dal Presidente dell'Eures, Fabio Piacenti, e dal presidente nazionale della Cao, Giuseppe Renzo.

         
"Sono cifre da punto esclamativo - commenta Renzo -, che gridano ancor più vendetta in un contesto di crisi che pare senza fine e nel quale lo Stato annaspa nella ricerca di nuove entrate, per rispondere a bisogni sociali non più dilazionabili".
Crisi economica che non lascia immuni gli Odontoiatri, soprattutto i giovani.
"La situazione sta diventando drammatica - conferma Renzo -. Siamo abituati a pensare a quella odontoiatrica come a una professione subito remunerativa e con sbocchi sicuri. In realtà, il tasso di disoccupazione è almeno del 20%. I giovani non trovano lavoro se non dopo tre anni (per aprire un proprio studio ne occorrono da sei a dieci), finendo facile preda di strutture di dubbia certificazione che li sottopagano e li sottopongono a ritmi di lavoro massacranti."
"Secondo la nostra indagine - aggiunge Fabio Piacenti - proprio queste strutture, nelle quali è più difficile per il paziente riconoscere la figura professionale addetta alla cura odontoiatrica, costituirebbero le nuove incubatrici di abusivismo e prestanomismo, andando gradualmente a sostituire gli studi, più o meno nascosti, gestiti da falsi dentisti che si spacciano per laureati."

Tra le altre cause di abusivismo, il traffico di lauree false o il riconoscimento di titoli conseguiti all'estero, pur in assenza di garanzie sulla qualità formativa, accanto a un atteggiamento scarsamente collaborativo dei cittadini nel denunciare gli abusivi e soprattutto a un quadro sanzionatorio del  tutto inadeguato a disincentivare i comportamenti illegali.
L'abusivo esercizio di una professione, infatti, disciplinato dall'articolo 348 del Codice Penale, è oggi punito con una multa irrisoria che va da 103 a 516 euro o con la reclusione sino a sei mesi.
"Ci auguriamo che questa ricerca possa sensibilizzare i cittadini a smascherare i casi di abusivismo - auspica Renzo - anche perché le prime vittime sono i pazienti stessi. L'abusivismo, infatti, porta con sé il pericolo di danni importanti al cavo orale e a tutto l'organismo, oltre a favorire la diffusione di agenti patogeni anche gravi, quali il virus dell'epatite B e C e dell'Hiv."

Fonte: Ufficio Stampa Fnomceo

Ufficio Stampa Fnomceo

Articoli correlati

I militari del Nas di Napoli, hanno segnalato alle competenti autorità un odontoiatra di 72 anni per aver detenuto farmaci scaduti nel proprio studio, ed un 61enne per aver esercitato abusivamente...


Certamente la prevenzione e repressione del fenomeno dell’abusivismo odontoiatrico è una delle attività che il NAS compie quotidianamente sul territorio italiano, attività inserita in quella...


"Sappiano i delinquenti che pensano di poter agire impunemente, mettendo a repentaglio la salute dei pazienti, che il Ministro della Salute e i Nas faranno ogni cosa in loro...


La notizia della denuncia della dentista che faceva lavorare il marito nel suo studio fa male al cuore, trovo che invece sia una bella storia d’amore. Stando a quanto ha...


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


Dentisti e laboratori odontotecnici analizzano il giudizio dato dagli Indici di Affidabilità Fiscale. Ecco chi si può sentire in regola e chi no


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi