HOME - Cronaca
 
 
17 Giugno 2013

Low cost e qualità: il binomio vincente di Sweden

Sweden&Martina

di

Luigia Atorino


La 12esima edizione del Premium Day - International Congress on Implant Prosthodontics - Sweden&Martina, che si è appena conclusa a Padova, ha rappresentato un'occasione importante non solo per fare il punto sullo stato dell'arte della chirurgia implantare e delle protesi su impianti, ma soprattutto per mettere a fuoco le chiavi del successo implantoprotesico.

Al corso precongressuale che è stato affidato al Professor Niklaus P. Lang e al Dottor Ignazio Loi, hanno fatto seguito due intere giornate con un intenso programma scientifico rivolto agli odontoiatri e sessioni specifiche per odontotecnici, igienisti e assistenti dentali.

«Il precongresso ha richiamato oltre 500 persone, realizzando un risultato straordinario e superando ampiamente le aspettative dei congressi del nostro settore. Ho percepito tanta partecipazione e commozione che si è trasmessa dai relatori alla sala e viceversa. Alle giornate congressuali hanno preso parte numerosissimi e prestigiosi relatori che rappresentano l'odontoiatria di oggi, non solo italiana ma internazionale» ha commentato Sandro Martina, il fondatore dell'Azienda padovana che quest'anno ha festeggiato il suo 40° anniversario.

«Questo Congresso è sicuramente una tappa fondamentale, ma sono sempre più convinto che il successo sia un viaggio e non una meta. Siamo molto soddisfatti del presente che, tuttavia, è solo un trampolino per il futuro. La nostra Azienda continua a guardare avanti. Sono contento e lusingato di finanziare la ricerca e di lavorare supportato da uno staff che risponde perfettamente a queste esigenze» ha proseguito Martina. «L'impatto assolutamente positivo del Congresso è la dimostrazione del successo di Sweden&Martina, un'Azienda italiana che ha saputo sintetizzare il know how che abbiamo nel nostro Paese con l'utilizzo delle materie prime e con la credibilità scientifica che, in queste giornate congressuali, è stata dimostrata dalla qualità elevatissima dei relatori» ha sottolineato Enrico Gherlone a cui, insieme a Martina, è stata affidata l'apertura dei lavori. «L'opera che ha generato il Dottor Martina continua e si sta manifestando in maniera sempre più evidente. Procedure e, soprattutto, controlli di qualità di elevato livello, che da sempre l'Azienda adotta, dimostrano che la professionalità e la scientificità italiana non sono inferiori a quelle di altre realtà nel mondo» ha continuato Gherlone.

Alla domanda su che ruolo abbiano i produttori italiani nell'implantologia moderna, Ugo Covani, professore ordinario di malattie odontostomatologiche dell'Università degli studi di Pisa, ha riconosciuto la svolta che si è verificata a livello internazionale. «Inizialmente, c'era un assetto che emarginava la produzione italiana, considerandola di seconda scelta. Alcuni, me compreso, hanno accettato la sfida e si sono battuti con convinzione per farla emergere e consentirle un confronto paritetico con altre realtà di implantologia. Ora assistiamo al compimento di un percorso: l'impianto italiano è tra l'aristocrazia degli impianti». È stata inoltre, ribadita la necessità di promuovere un'implantologia "low cost". «L'obiettivo deve essere la semplificazione delle procedure implantoprotesiche e, quindi, il contenimento della spesa ma senza sacrificarne la qualità. L'azienda Sweden&Martina si sta sicuramente muovendo in quest'ottica, riuscendo a proporre un'eccellenza a costi assolutamente sostenibili» ha concluso Covani.

Articoli correlati

La Fondazione ENPAM lancia anche per il 2017 l'iniziativa Piazza della Salute, che coinvolgerà la popolazione in una serie di eventi gratuiti di prevenzione e di promozione dei corretti stili...


Si è da pochi giorni conclusa la ventunesima edizione delle Giornate milanesi di implantologia e Implantotecnica, abbiamo chiesto al dottor Aurelio Cazzaniga di parlarci di questo importante evento...


In 13 anni già donati oltre 1,6 milioni di dollari destinati a promuovere la diagnosi precoce, migliorare l’acceso alle cure delle donne


aziende     24 Maggio 2019

Al via gli Study Club AIE

L’Accademia Italiana di Endodonzia presenta per l’anno 2019 una nuova iniziativa culturale: si tratta di una serie di serate, che avranno luogo in diverse città italiane, dedicate ad...


La SIOF-Società Italiana di Odontoiatria Forense si propone di diffondere la cultura medico-legale tra gli odontoiatri: in un momento storico di grande evoluzione clinica e...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


Il dott. Rubino ripercorre e commenta il periodo dell'emergenza sanitaria e rivolgendosi ai cittadini dice: è fisiologico voler voltare pagina per poter ricominciare, ma è disumano dimenticare o...


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni