HOME - Cronaca
 
 
03 Marzo 2008

Probiotici e parodontiti

di Debora Bellinzani


Una recente ricerca condotta in Giappone è arrivata alla conclusione che le persone affette da malattia parodontale potrebbero ottenere benefici per la loro salute orale mangiando e bevendo i prodotti derivati dal latte. Non tutti i prodotti, però: solo lo yogurt e le bevande contenenti fermenti lattici probiotici hanno infatti mostrato una correlazione diretta con la riduzione delle tasche parodontali e il miglioramento dello stato di salute delle gengive.
“Il latte, per esempio, così come il formaggio, non sembra avere effetti sulla salute gengivale nelle persone con malattia parodontale” spiega Yoshihiro Shimazaki, ricercatore presso il Dipartimento di odontoiatria preventiva della Kyushu University di Fukuoka, in Giappone; “il motivo, secondo l’ipotesi che abbiamo formulato, potrebbe consistere nel fatto che lo yogurt e le bevande con fermenti lattici probiotici hanno un maggiore contenuto di lattobacilli che producono acido lattico attraverso la fermentazione di carboidrati; questo processo crea un ambiente con un pH inferiore che probabilmente inibisce la proliferazione dei batteri anaerobi responsabili del peggioramento della salute gengivale.
Questo tipo di bacilli, e in particolare il Lactobacillus gasseri, sono presenti infatti nei soggetti con malattia parodontale in misura minore rispetto agli individui sani, e l’assunzione di yogurt e probiotici riesce a bilanciare in parte questa carenza”.
Lo studio, pubblicato dalla rivista "Journal of Periodontology", ha preso in considerazione lo stato di salute e le abitudini alimentari di 942 soggetti affetti da malattia parodontale. “Il modello statistico che abbiamo ricavato dai dati raccolti ha mostrato una correlazione diretta tra gli elementi in studio: esso ha infatti indicato che ogni aumento di 10 grammi nell’assunzione di yogurt e probiotici è associato a una diminuzione media di 0,010 millimetri delle tasche parodontali e a una riduzione di 0,014 millimetri della perdita di sostegno parodontale; inoltre, in generale, le persone che assumono più di 55 grammi di yogurt o probiotici al giorno hanno mostrato una minore prevalenza di tasche parodontali e di recessione gengivale” prosegue il ricercatore; “queste correlazioni si sono rivelate non vere solo nel caso dei fumatori, nei quali probabilmente l’uso di tabacco annulla l’azione potenzialmente benefica di yogurt e probiotici.”
Lo studio è nato come approfondimento di una ricerca precedente pubblicata dal "Journal of Periodontology" nel 2006 (Al-Zahrani MS. J Periodontol 2006;77:289-94). “Al-Zahrani aveva provato che le persone che mangiano e bevono quantità maggiori di latticini fanno riscontrare una minore prevalenza di malattia parodontale, ma non aveva potuto definire a quali specifici alimenti all’interno della categoria può essere attribuito questo effetto benefico” conclude il ricercatore; “la nostra ricerca ha approfondito i risultati preesistenti, scoprendo che il beneficio specifico per la salute gengivale non deriva dall’assunzione di calcio, contenuto nel latte e tutti i latticini, ma dai lattobacilli contenuti specialmente nello yogurt e nei probiotici, e che l’assunzione giornaliera di questi alimenti può realmente avere un effetto benefico sulla salute orale delle persone affette da malattia parodontale.”

GdO 2008; 3

Articoli correlati

L’estetica sta diventando ogni giorno sempre più importante per i pazienti. In effetti, uno dei motivi principali per un consulto dentale è l’alterazione dell’aspetto del...

di Lorenzo Breschi


Approfondimento in occasione del terzo Simposio Internazionale sul trattamento dei tessuti molli parodontali e perimplantari a Firenze


I pazienti non sono regolari nelle visite parodontali e le cause potrebbero essere per difetti di comunicazione


I denti che vengono trattati con chirurgia parodontale ricostruttiva hanno una buona prognosi a lungo termine, anche nel caso di lesioni parodontali profonde intraossee....

di Lara Figini


La misurazione dell’osso alveolare residuo prima del trattamento parodontale è uno step fondamentale per avere informazioni sui tessuti duri, per stabilire la necessità e la...

di Lara Figini


Altri Articoli

L’Associaizone dei dentisti USA adotta il modello italiano ma indica quali sono le prestazioni odontoiatriche da considerare come “emergenza”

di Davis Cussotto


Modalità e regole per richiederlo sono differenti per dentisti, igienisti ed odontotecnici. Per odontoiatri più restrittive e concessi ai primi che presentano le domande


Fiorile: ‘’è un momento difficile per tutti, ma dobbiamo considerare le pendenze economiche aperte nei confronti dei nostri fornitori’’ 


Domani la CAO decide sull'istituzione di un Gruppo di lavoro per definire delle linee guida comportamentali da adottare alla riapertura degli studi, per proteggere operatori e pazienti


L’appello del presidente SUSO che ipotizza, anche, ripercussioni sulla responsabilità dell’odontoiatra quando gli studi torneranno a operare senza limitazioni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP