HOME - Cronaca
 
 
07 Marzo 2008

Paura del dentista: meglio essere vigili o distratti?


Quando ci si siede sulla poltrona del dentista è meglio spalancare gli occhi e fare attenzione a tutto quello che succede o cercare di pensare ad altro?
Conviene osservare gli strumenti che l’odontoiatra utilizza e ascoltare i rumori che producono per capire cosa sta succedendo, oppure distrarsi fantasticando sulla prossima vacanza?
Un gruppo di ricercatori tedeschi ha risposto a queste domande sostenendo che è più facile contenere la paura rimanendo vigili e coscienti di quanto sta accadendo; pur avendo utilizzato un contesto virtuale, l’esperimento prova in sostanza che per contenere l’ansia è necessario affrontarla.
“Gli studi realizzati finora riguardo all’attenzione e alla distrazione hanno spesso portato a risultati contraddittori e alla formulazione di teorie differenti”, afferma Barbara Schmid-Leuz, ricercatrice presso il Dipartimento di psicologia clinica dell’Università di Wuppertal, in Germania.
“Una teoria sostiene che l’ansia è meglio contenuta attraverso l’attenzione, e si basa sul fatto che l’esposizione alla situazione ansiogena attiva un network neuronale che ‘contiene’ tutti gli aspetti della reazione di paura, ossia psicologici, emozionali e di comportamento; questa reazione di timore è immagazzinata nella memoria in modo strutturato, tanto che
solo successive esposizioni al medesimo stimolo, vissute con consapevolezza, hanno con il tempo la forza di modificarla. I sostenitori di questa teoria ritengono dunque che senza l’attenzione e la piena coscienza della situazione non è possibile ottenere il controllo dell’ansia.”
La teoria opposta, invece, sostiene che il successo individuale e la soddisfazione personale possano sconfiggere la paura. “Essere stati in grado di sopportare una situazione ansiogena e avere, per esempio, tollerato un trattamento odontoiatrico genera soddisfazione di per sé; il fatto che questo risultato sia stato ottenuto grazie alla distrazione non ha importanza per il soggetto.”
Per testare sul campo la veridicità di queste due teorie lo studio, pubblicato dalla rivista "Behaviour Research and Therapy", ha coinvolto 63 persone che a causa della paura non si recavano da un odontoiatra da un minimo di 2 a un massimo di 25 anni. “Abbiamo scelto di lavorare con pazienti che avevano reali difficoltà a sottoporsi a un trattamento odontoiatrico e, pur avendo presentato loro una situazione solo virtuale in cui dovevano valutare il timore degli strumenti odontoiatrici e dei rumori che essi producono in situazione di attenzione o di distrazione, siamo riusciti ugualmente a ‘misurare’ il loro stato di ansia”, spiega la ricercatrice. “Il risultato è stato decisamente a favore dell’attenzione. Il desiderio di controllo dunque, lontano dall’essere semplicemente un tratto della personalità di alcuni individui, sembra piuttosto un modo efficace per far fronte all’ansia e contenerla.”

GdO 2008; 3

Articoli correlati

Obiettivi. L’obiettivo di questa revisione è quello di dare una visione generale degli effetti clinici dell’espansione chirurgicamente assistita, sottolineando quelle che sono le incertezze...


Riusciamo a immaginare come sarà lo studio odontoiatrico del futuro? Un’ipotesi arriva dagli Stati Uniti: è probabile che in un tempo non troppo lontano il paziente seduto sulla poltrona...


IntroduzioneLa microsomia emifacciale (ME), malformazione cranio-facciale seconda per frequenza solo alla labiopalatoschisi con un’incidenza variabile da 1:4000 a 1:5600 nati vivi (1), è...


Le metodiche di distrazione osteogenetica applicata all’ortodonzia non hanno conosciuto fino ad ora una grande diffusione nel nostro Paese, principalmente per l’ingombro delle apparecchiature...


Oltre il 60% degli europei mette a rischio la propria salute orale assumendo ogni giorno quasi il doppio della dose di zucchero consigliata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS);...


Altri Articoli

Ancora troppo poche le certezze per indicare strumenti e procedure scientificamente validate che possano garantire la sicurezza degli operatori 


Servirà un nuovo adempimento burocratico per consentire ad ENPAM di inviare l’indennizzo statale dei 600 euro. Per quello dei 1000 euro ancora tutto fermo, ma quando arriverà sarà tassato


Corso live con il prof. Mattero Chiapasco martedì 14 aprile. L’obiettivo è di fornire tutte le informazioni necessarie per prevenire e gestire in modo efficace le complicanze


Una ricerca Key-Stone, in collaborazione con IDI Evolution, cerca di sondare come i professionisti ipotizzano ed intendono affrontare la situazione. Il 14% pensa che sarebbe più opportuno chiudere...


Lo afferma nella conferenza stampa della Protezione Civile delle 18. Intanto scoppia la polemica tra ANDI ed SIASO sul parere dell’INAIL sulle mascherine


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni