HOME - Cronaca
 
 
10 Marzo 2008

HIV vent'anni dopo, che cosa è cambiato?

di Adamo Calatroni


Di tempo ormai ne è passato tanto. Erano i primi anni Ottanta quando l’Aids fece la sua comparsa; con una progressione inarrestabile si diffuse in tutto il pianeta colpendo milioni di persone e condizionando la vita e i comportamenti delle altre. Venne da molti chiamata la peste del secolo ma ora che il secolo è cambiato non ha cessato di colpire.
Eppure moltissime cose sono cambiate: nella conoscenza del virus che ne è la causa, nei medicinali per combatterlo, nella distribuzione geografica, nella tipologia dei soggetti colpiti.
Tanto che, nel terzo decennio dell’Aids, è certamente utile fare il punto della situazione, anche per capire come i dentisti debbano far fronte a questa patologia e, appunto, ai cambiamenti che si sono prodotti nel corso degli anni.
I contributi di molti studiosi sono stati raccolti dalla rivista "Jadc", in modo da rendere un’idea complessiva degli impatti dell’Hiv in ambito odontoiatrico; il giornale dell’Associazione dentistica canadese, prende spunto ovviamente dall’analisi epidemiologica nordamericana, ma l’Aids è una malattia globale e gran parte delle considerazioni effettuate valgono in tutto il mondo.
Il vaccino tanto sperato non c’è ancora, ma i farmaci si sono moltiplicati tanto che ora si assiste alla cronicizzazione della malattia, di cui si muore molto meno ma con cui bisogna imparare a convivere.
Rimane drammatica la realtà dell’Africa e di quelle zone del mondo dove l’accesso alle medicine non è ancora possibile per tutti, ma altrove la mortalità per Aids è crollata: in Italia si è passati dagli oltre 4.500 decessi del 1995 ai circa 200 del 2007
Proprio per l’aumentata sopravvivenza dei sieropositivi e per la minore attenzione alla prevenzione, le nuove infezioni sono sempre molto numerose e colpiscono fasce di popolazione diverse da quelle falcidiate inizialmente: molti sono i giovani, moltissime le donne e i gruppi più deboli. I farmaci presentano molti effetti collaterali, aumenta l’esposizione ad alcune patologie e altre mostrano un decorso meno favorevole per le persone sieropositive. Le manifestazioni cliniche della malattia sono diverse rispetto a quando è cominciata l’epidemia: i farmaci utilizzati possono mascherare alcuni dei sintomi noti e, a volte, ne possono introdurre altri. È importante che il dentista impari a riconoscerli, sia perché chi è sieropositivo richiede misure e trattamenti particolari sia perché, come già noto, durante la visita odontoiatrca è possibile riscontrare indizi di sieropositività in pazienti che potrebbero non essere a conoscenza del proprio stato.
Il dottor Joel B. Epstein, professore alla facoltà di Odontoiatria all’Università dell’Illinois a Chicago, ha delineato alcune questioni essenziali legate all’Hiv che interessano il contesto odontoiatrico, ma occorre in primo luogo a sgombrare il campo da alcune paure che possono tuttora insidiare i dentisti che si trovano a intervenire su pazienti sieropositivi: “la trasmissione del virus nel corso di un trattamento è poco probabile. Questo virus, per quanto pericoloso, è molto meno aggressivo di altri: la puntura accidentale con un ago infetto trasmette l’Hiv solo nello 0,3 per cento dei casi, a differenza per esempio di percentuali vicine al 30 per cento per l’epatite B. I guanti costituiscono una buona protezione: anche quando vengono perforati possono ridurre fino al 50 per cento il volume di sangue trasmesso. In ogni caso è opportuno un immediato trattamento antiretrovirale che, se effettuato entro le quattro ore dall’incidente può diminuire fino all’80 per cento le possibilità di contagio.” Raccomandazioni più dettagliate in proposito possono essere reperite all’appendice A dell’articolo, al sito www.cdaadc.ca/jcda/vol-73/issue-10/945.html.
Nel caso in cui il paziente sia consapevole della propria sieropositività e lo dichiari all’odontoiatra, è opportuno un confronto con il medico curante, per poter conoscere l’esistenza di patologie associate, con particolare attenzione a epatiti, allergie e problemi cardiaci. 
È necessario un aggiornamento continuo e, ancora una volta, va sottolineata l’importanza della collaborazione tra odontoiatria e gli altri settori della medicina.

GdO 2008; 3

Tag

Articoli correlati

Gentile direttoreTenendo fede a quanto dichiarato in svariate situazioni, sono tornato, dopo la competizione elettorale nazionale del maggio scorso, ad occuparmi a tempo pieno alle mie attività...


"Tutti gli operatori sanitari quando vengono a conoscenza nei confronti del paziente che stanno curando di una sua positività al virus dell'Hiv sono tenuti a prestare la necessaria assistenza....


Viviamo in una società che accetta che il destino di 40 disperati lasciati in balia del mare per 20 giorni sia un caso politico e non umanitario, che in Italia migliaia di donne vengano molestate,...


“Valuteremo il caso insieme al presidente dell'Ordine Antonio Magi ed al dentista coinvolto, essendo lo stesso iscritto ad entrambi gli albi. Il collega sarà convocato nei prossimi giorni”. A...


“Non è accettabile che una persona sieropositiva sia cacciata da uno studio odontoiatrico perché non in grado di "gestire un paziente con Hiv". La denuncia di Fanpage.it che ringrazio,...


Altri Articoli

L’Associaizone dei dentisti USA adotta il modello italiano ma indica quali sono le prestazioni odontoiatriche da considerare come “emergenza”

di Davis Cussotto


Modalità e regole per richiederlo sono differenti per dentisti, igienisti ed odontotecnici. Per odontoiatri più restrittive e concessi ai primi che presentano le domande


Fiorile: ‘’è un momento difficile per tutti, ma dobbiamo considerare le pendenze economiche aperte nei confronti dei nostri fornitori’’ 


Domani la CAO decide sull'istituzione di un Gruppo di lavoro per definire delle linee guida comportamentali da adottare alla riapertura degli studi, per proteggere operatori e pazienti


L’appello del presidente SUSO che ipotizza, anche, ripercussioni sulla responsabilità dell’odontoiatra quando gli studi torneranno a operare senza limitazioni


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP