HOME - Cronaca
 
 
04 Novembre 2013

Gli Stati Generali dell'Odontoiatria programmeranno la professione del futuro. Accordo tra le principali sigle del settore.

Primo proposito: modificare l'esame di stato

Gli odontoiatri italiani si sono trovati, compatti, sulla decisione di condividere una linea comune da proporre alle Istituzioni -italiane ed europee- individuando negli Stati Generali dell'Odontoiatria il gruppo di lavoro qualificato per indicarla. 

 "Gli Stati generali dell'Odontoiatria non sarà un evento sporadico, ma ci sarà continuità degli incontri e condivisione delle strategia comuni che saranno messe in campo e perseguite per far compiere all'Odontoiatria italiana passi in avanti perché possa confrontarsi a testa alta a livello europeo".
La decisione è stata presa durante la riunione del 31 ottobre scorso alla quale hanno partecipato
Pierluigi Delogu, presidente AIO; Gianfranco Prada, presidente ANDI; Antonella Polimeni, presidente del Collegio Docenti di Odontoiatria; Francesco Scarparo, presidente CIC; Marco Ferrari, presidente della Conferenza dei Presidenti dei corsi si laurea in Odontoiatria e Protesi dentaria; Maria Grazia Cannarozzo, presidente del Cenacolo Odontostomatologico Italiano.

Gli Stati Generali dell'Odontoiatria, fino ad oggi, erano un momento d'incontro utilizzato dalla CAO nazionale per approfondire varie criticità sulla professione, per esempio l'abusivismo.

Prima decisione emersa dalla riunione, "quella di istituire un esame di Stato, o meglio di Laurea abilitante che comprenda un anno di pratica clinica, un esame nel quale siano rappresentati gli Ordini", si legge in una nota della CAO.
Su quali saranno le novità rispetto all'attuale ordinamento che già prevede un esame di Stato per abilitare i laureati in odontoiatria all'esercizio della professione al quale è presente un rappresentate dell'Ordine ed un anno di pratica all'interno dell'Università, il presidente CAO Giuseppe Renzo annuncia la realizzazione di un documento ufficiale.

"Sulla riunione di oggi -si legge nella nota della CAO- elaboreremo in tempi brevi un documento che sottoporremo all'esame di tutti i soggetti oggi presenti, perché da ora in avanti ci dovremo muovere per avere regole condivise che poi andranno applicate perché l'Odontoiatria deve definitivamente uscire dalla palude. Sul punto dell'esame di laurea abilitante e sugli altri argomenti e punti critici chiederemo incontri con i Ministeri della Salute e dell'Università".

In merito alla situazione attuale dell'odontoiatria, continua il presidente CAO, "permangono forti motivi di preoccupazione nel mondo odontoiatrico, in un Paese come il nostro dove, ad esempio, l'accesso dei giovani alla professione avviene in ritardo rispetto ad altri Paesi europei, con ripercussioni sul sistema pensionistico. Ma non c'è solo questo - ha precisato Renzo - perché penso che ci dovremo muovere su più fronti ripensando all'assistenza odontoiatrica in Italia che dovrà essere garantita anche ai meno abbienti, e poi dobbiamo prepararci alla data del 1 gennaio 2014, quando sarà operativa la libera circolazione dei professionisti nell'Eurozona (la nuova versione della Direttiva Europea del 2005 NdR)".

Articoli correlati

Come intuibile, i dentisti rispettosi dell'obbligo formativo non hanno gradito la decisione della Commissione nazionale ECM di prorogare di un anno la possibilità di raccogliere il numero di...


A scatenare "l'allarme" è la decisione presa nella seduta del 19 ottobre scorso della Commissione Affari Sociale della Camera di abbinare al Ddl Lorenzin (quello che prevede le norme contro...


Può un iscritto all'Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, la cui sanzione è stata confermata dalla CCEPS, chiedere all'Ordine che ha comminato la sanzione la sospensione...


Altri Articoli

L’obiettivo è contenere il rischio di infezione. Il documento è rivolto a tutti coloro che sono coinvolti nell’erogazione, in ambito pubblico e privato, di prestazioni odontostomatologiche 


Si completata l'Assemblea Nazionale ENPAM, a fine giugno l’elezione del nuovo CDA


Banca d’Italia ed Agenzia delle Entrate hanno definito le regole per poter usufruire del credito d’imposta sulle commissioni pagate ai gestori di POS


Le polemiche tra professionisti e Governo con i primi che accusano il secondo di privilegiare le imprese in termini di aiuti economici del post coronavirus, se assolutamente legittime mi sembrano...

di Norberto Maccagno


La norma interessa igienisti dentali e odontotecnici, ecco come avvengono gli accrediti automatici e le modalità per richiedere il bonus da 1.000 euro a maggio


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni