HOME - Cronaca
 
 
07 Novembre 2013

Un dentista per amico comincia ad espandersi per l'Italia, ora arriva in Veneto

Grazie a ARKE' e Smile MIssion per dare assistenza ai bisognosi

Dare assistenza odontoiatrica alle persone bisognose è lo scopo di "Un dentista per amico", progetto nato nel 2000 in Liguria grazie all'associazione ARKE', che grazie alla bontà dell'iniziativa, vede coinvolti attualmente circa 600 dentisti che stanno curando 2500 minori per un giro di prestazioni gratuite di circa 2.500.000,00 euro all'anno.

Un progetto pilota "unico" in Italia che ora si propone di diffondere i suoi benefici anche in altre regioni. "Un dentista per amico" giunge in Veneto: è ora attivo anche a Verona e Provincia grazie alla collaborazione con Smile Mission Italia, l'associazione che dal 2005 si occupa di implementare progetti di assistenza sanitaria per facilitare l'accesso alle cure delle categorie più deboli.

A Verona il progetto è sostenuto anche da Fondazione Cariverona ed ha ottenuto riconoscimenti a livello Regionale mediante la concessione del patrocinio dalla Regione Veneto e dall'associazione A.N.D.I. VENETO, mentre a livello provinciale grazie ai patrocini concessi dalla Provincia di Verona, dal Comune di Verona, dal Comune di San Giovanni Lupatoto, dal Comune di Caprino V.se e dall'associazione A.I.A.S.O.

Gli obiettivi del progetto "Un dentista per amico" sono:

• fornire cure odontoiatriche gratuite di tipo conservativo ai minori che versano in condizioni di grave disagio sociale ed economico presenti nelle Strutture Protette o all'interno di famiglie fragili segnalati a Smile Mission Onlus tramite i Servizi Sociali dei Comuni
• sensibilizzare una cultura della prevenzione e della corretta igiene orale
• ridurre la spesa pubblica del settore

Il modus operandi di Smile Mission per diffondere il progetto sociale a Verona e nell'intera regione Veneto, spiegano dall'associaizone, parte da un accurato e mirato studio territoriale per implementare e creare la rete:

• Minori che possono fruire del progetto attraverso il contatto con le strutture territoriali competenti (Comuni, ULSS) e formazione ed informazione degli educatori delle strutture o dei familiari dei pazienti e degli assistenti sociali
• Ricerca e fidelizzazione degli Odontoiatri che offrano le proprie prestazioni a titolo gratuito presso i propri studi dentistici
• Istituzioni e Associazioni del terzo settore che divulghino, informino e pubblicizzino il progetto
Successivamente sarà compito dell'Associazione Smile Mission Onlus mettere in comunicazione i pazienti segnalati dai Servizi Sociali con il Dentista a loro designato, seguire tutto l'iter della cura dei suoi assistiti, regolamentando e monitorando al meglio il rapporto.

Per ulteriori informazioni consultare sito www.smilemission.it

Articoli correlati

Tra le notizie “fondamentali” della settimana c’è la polemica via social di Michelle Hunziker verso un dentista che aveva sostenuto che il suo sorriso perfetto, non fosse naturale. Ad una...


Gent.mo direttoreIn questi mesi il vostro giornale ha posto all’attenzione le criticità del sistema fondi sanitari in odontoiatria, con particolare attenzione alla vicenda Previmedical. Anche...


Il tradizionaleTavolo Tecnico organizzato dal Collegio Italiano dei Primari Ospedalieri di Odontoiatria, Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale (CIPOOOCMF) aderente all’Associazione...


Per molti un modello da esportare. Il prof. Di Lenarda ci spiega come funziona


Più attenzione da verso le problematiche del settore e la tutela dei cittadini


Altri Articoli

Un corso FAD EDRA (25 crediti ECM) fa il punto sulla diagnosi e cura delle patologie periapicali di origine endodontica. Il Corso è curato dal prof. Fabio Gorni


Seeberger (FDI): decisione storica, ora la si deve mettere in pratica in ogni singola Nazione per ridurre le disuguaglianze in tema di salute


Il Segretario Magenga risponde alla lettera del presidente Di Fabio sui requisiti necessari in tema di istruzione per  accedere al corso per ASO 


Una Delibera del Comitato Centrale sottolinea come non sia un documento ufficiale FNOMCeO ma un documento “tecnico di sintesi” elaborato autonomamente dalla CAO


La mappa delle oltre 5 mila società censite da ENPAM, previsto un gettito di oltre 7 milioni di euro. Controlli e sanzioni: previsti “incroci” con i dati delle Entrate 


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi