HOME - Cronaca
 
 
29 Novembre 2013

I consigli sull'utilizzo di Facebook dal papà (dentista) del fondatore


Non tutti sanno che il papà di Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook, è un dentista; quindi se il figlio è considerato il padre del più famoso dei sociale network lui dovrebbe essere "il nonno".

Il dott. Edwuard Zuckerberg da sempre ha abbracciato le tecnologie sul nascere, almeno così ha detto al congresso dell'American Dental Association tenutosi qualche giorno fa a New Orleans il Louvisiana. Nel lontano 1981, ha raccontato il dott. Zuckerberg, ha pagato un fornitore con uno dei primi servizi di banking on line appena nato e non si è affatto scomposto se per eseguire l'operazione ha dovuto trascorre un'ora davanti al monitor catodico, sapeva che stava vivendo un cambiamento epocale. 

Il Zuckerberg dentista ha illustrato i dati di un survey del Pew Research Center Internet & American Life Project del 2012 evidenziando che il 67%  degli Americani adulti usa Facebook, il 16% Twitter, il 15% Pinderest , il 13%  Instagram.  Gli utenti di Facebook spendono in media 30 minuti al giorno sul social e hanno in media 300   "amici".

Non è possibile restare indietro, ha detto Zuckerberg ai colleghi nella sua introduzione.
La preoccupazione principale che alcuni professionisti hanno nell'essere presente sui social media con una pagina dedicata la proprio studio è come gestire i commenti negativi. 
Non dobbiamo dimenticare che è possibile cancellare il post negativo, ha ricordato specificando che la lamentela espressa in pubblico può essere ben gestita e diventare una opportunità. 

"Qualche mese or sono un paziente si è lamentato su Facebook per una eccessiva attesa -ha spiegato- abbiamo risposto scusandoci e ricordando che stavamo reimpiantando un dente a bimbo di 10 anni  per una avulsione traumatica, intervento che è "time sensitive" e non può essere derogato". 

La risposta, ha informato il dott. Zuckerberg, ha scatenato una cascata di apprezzamenti da parte di molti e il commentatore iniziale ha risposto positivamente dopo le spiegazioni ricevute.
Zuckerberg, padre, ha fornito alcuni consigli per una efficacie comunicazione sui social media indicando quali fattori ottengono più interazioni:

1) Usa molto la fotografia, ottiene più interazioni  del testo
2) Messaggi brevi, per testi più lunghi usa il blog da postare successivamente sui  social media
3) Il giovedì il venerdì e la domenica  sono le giornate con più interazioni
4) Evita le domande, possono generare qualche commento ma  pochi "like" interazioni.
5) Non vivere i social media come un luogo dove qualcuno può dare commenti negativi sul tuo operato, pensa invece che è un strumento semplice economico e molto efficacie  per comunicare con i tuoi pazienti.

A questo link la sua pagina Facebook.


A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista

Articoli correlati

Il sito web dello studio dentistico, affinchè diventi uno strumento di comunicazione efficace che attragga potenziali pazienti, occorre nutrirlo con contenuti nuovi e originali (blog) che...


Il web brulica di persone alla ricerca di informazioni sanitarie per risolvere un problema personale o di un loro congiunto. Per il dentista, oggi, è indispensabile essere presente là...


Che la modalità e le tecniche di comunicazione siano profondamente mutate in questo ultimo decennio è cosa nota. Il mondo del web, in particolare, ha stravolto letteralmente i tempi e...


In soli 4 giorni la pagina Facebook dell'Agenzia delle Entrate ha già raccolto oltre 7mila mi piace raggiunto 37mila i cittadini raggiunti e ricevuto circa 1.000 i messaggi in cui si chiedono...


Essere presente sui principali social network con un account dedicato allo studio può essere un ottimo modo per cementare il rapporto con i propri pazienti e farsi conoscere da potenziali...


Altri Articoli

Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni