HOME - Cronaca
 
 
29 Aprile 2014

Sindrome da "like" tocca anche i dentisti. Uno studio ha monitorato le conseguenze sulle persone


Ammettetelo, anche voi continuate a controllare la vostra pagina Facebook o quella dello studio monitorando il "like" che paziento o amici vi lasciano. E se ne arrivano pochi ci rimanete male.

I media hanno dato molto rilievo in questi giorni alla cosiddetta "sindrome da like", una vera e propria dipendenza da social web.

Alla base di questo uno studio condotto dall'Università del North Carolina,  che ha rilevato come ogni volta che riceviamo un  "mi piace su facebook" il nostro organismo rilascia una piccola scarica di dopamina, il neurotrasmettitore che viene coinvolto nei fenomeni di dipendenza.

I dati ufficiali di Facebook nel nostro paese contano 23 milioni di iscritti posizionandosi tra i paesi con maggiore penetrazione del Social Media più diffuso al mondo. Il portale Skuola.net in collaborazione con la Polizia Postale, ha rilevato che un adolescente su 3 è sempre connesso.

Interactive Market Research ha recentemente condotto una studio cawi (computer-assisted web interviewing) che rivela come il 38% degli intervistati ammette di esagerare nell'utilizzo dei social, il 6% ammette di esserne dipendente, mentre una buona parte degli intervistati crede che i Social abbiano un potere ipnotico, tanto da esserne legati anche senza che vi sia un effettivo e razionale interesse. La maggior parte degli intervistati dichiara  di provare piacere quando l'immagine postata in bacheca genera "like".

I cambiamenti che induce il social web nei nostri comportamenti sono innegabili, l'American Association of Psychological Science  ha stimato che il 35% delle coppie che si sono sposate in Usa tra il 2005 e 2012  si sono conosciute on line.

Tutti fenomeni che come professionisti della salute dobbiamo tenere in considerazione per la comunicazione con la nostra pazientela.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Tag

Articoli correlati

Il sito web dello studio dentistico, affinchè diventi uno strumento di comunicazione efficace che attragga potenziali pazienti, occorre nutrirlo con contenuti nuovi e originali (blog) che...


Il web brulica di persone alla ricerca di informazioni sanitarie per risolvere un problema personale o di un loro congiunto. Per il dentista, oggi, è indispensabile essere presente là...


Che la modalità e le tecniche di comunicazione siano profondamente mutate in questo ultimo decennio è cosa nota. Il mondo del web, in particolare, ha stravolto letteralmente i tempi e...


In soli 4 giorni la pagina Facebook dell'Agenzia delle Entrate ha già raccolto oltre 7mila mi piace raggiunto 37mila i cittadini raggiunti e ricevuto circa 1.000 i messaggi in cui si chiedono...


Essere presente sui principali social network con un account dedicato allo studio può essere un ottimo modo per cementare il rapporto con i propri pazienti e farsi conoscere da potenziali...


Altri Articoli

Ufficialmente sul sito del Ministero le “Indicazioni operative per l'attività odontoiatrica durante la fase 2 della pandemia Covid-19”


Lo prevede il Decreto Scuola approvato al Sentato. Sarà la Commissione ECM a chiarire le modalità di accesso per i liberi professionisti 


Il Sole 24 Ore quantifica il divario degli aiuti messi in campo dal governo tra professionisti ed imprese. Sopra i 50 mila euro, a parità di reddito e danno i professionisti sono dimenticati


Quali gli strumenti da adottare, quali le indicazioni. Prof. Azzolini: attraverso gli occhi il virus può infettare gli operatori


Il Decreto rilancio posticipa la scadenza prevista dal Cura Italia e consente ancora per qualche giorno di richiedere il bonus dei 600 euro per il mese di marzo


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni