HOME - Cronaca
 
 
03 Giugno 2014

Giornata mondiale contro il fumo le implicazioni in campo odontoiatrico del tabacco, scarica il Dossier. "No smoking be happy - Per il tuo sorriso" la campagna di sensibilizzazione


È ormai noto come il fumo da sigaretta sia tra le principali cause di molti tipi di malattie, dal tumore all'infarto, molto meno note, nella popolazione, sono invece le conseguenze che ha sulla salute del cavo orale come danni ai tessuti orali e priorali, a denti e gengive ma anche al viso con ricadute, spesso pesanti, sulla sfera personale e sociale del fumatore.

In un recente Dossier pubblicato su Dental Cadmos nell'ottobre 2013 (che rendiamo fruibile per tutti i nostri lettori) emerge chiaramente come il fumo sia il secondo fattore di rischio per l'insorgenza di parondontite.
Inoltre il fumo è il più importante fattore di rischio per il carcinoma a cellule squamose della mucosa orale e per le lesioni potenzialmente maligne del cavo orale. L'abuso di alcol aumenta in modo sinergico il rischio di insorgenza del carcinoma orale fumo-correlato. Il rischio aumenta di circa 4,6 volte nei modesti bevitori e di nove volte nei forti bevitori.

La disassuefazione dal tabacco rappresenta la strategia più efficace per ridurre la morbilità e la mortalità associate a questa abitudine voluttuaria. E' noto inoltre che i tentativi di cessazione del consumo di tabacco, se condotti sotto la guida di un sanitario, sono caratterizzati da percentuali di successo più elevate rispetto ai tentativi auto-gestiti, in particolare i tentativi guidati dai componenti del team odontoiatrico sono caratterizzati da percentuali di successo elevate (10-15%).
Dentista ed igienista dentale hanno un ruolo fondamentale nel sensibilizzare il paziente verso la necessità di adottare stili di vita sani.

Per questo, in occasione della Giornata mondiale senza tabacco indetta dall'OMS, che si è celebrata ogni anno il 31 maggio, Fondazione ANDI onlus rilancia No smoking be happy - Per il tuo sorriso, la campagna di sensibilizzazione e prevenzione rivolta ai dentisti e agli operatori del settore dentale nei confronti delle patologie non oncologiche correlate al tabagismo e di pertinenza dento-facciale e odontostomatologica.
La campagna è realizzata in collaborazione con Fondazione Veronesi e Fondazione ISI.

Articoli correlati

Lunedì 30 settembre i dentisti della Fondazione ANDI Onlus saranno ospiti nelle TGR di tutta Italia, grazie alla collaborazione con la RAI 


Da dodici anni maggio è il mese della prevenzione del tumore del cavo orale grazie all’Oral Cancer Day che domani 11 maggio, porterà in 60 piazze italiane i dentisti ANDI per sensibilizzare i...


Fino all’8 giugno visite di controllo gratuite e screening presso gli studi dentistici ANDI


Fondazione ANDI e Società Italiana di Patologia e Medicina Orale hanno lanciato una App che offre la possibilità di conoscere con un Click i Centri di Sanità Pubblica e...


Apnee ostruttive e tumore del cavo orale. Due patologie che interessano la bocca e l'apparato respiratorio che mettono gravemente a rischio la salute delle persone e di cui, ancora, si parla troppo...


Altri Articoli

Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


Intanto il ritardo delle consegne delle nuove dosi sta rallentando la somministrazione anche nelle Regioni che avevano inserito gli odontoiatri tra i prioritari


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale