HOME - Cronaca
 
 
03 Luglio 2014

In Ue crescono le denunce per malasanità. Aogoi: serve una direttiva


Una Direttiva europea che uniformi responsabilità professionale e coperture assicurative a tutela dei medici e dei pazienti. A chiederlo l'Aogoi (Associazione dei ginecologi italiani) in occasione del Convegno europeo svoltosi ieri a Roma sulla responsabilità professionale. I numeri del contenzioso, del resto, sono inequivocabili. Il fenomeno del contenzioso medico legale e delle denunce è cresciuto tra il 200% e il 500% in Germania, Italia e Spagna. Ma anche spostandosi a Nord, pur con numeri meno clamorosi, i dati parlano di una crescita del 50% in Gran Bretagna e nei paesi Scandinavi. Di pari passo cresce il costo della copertura dei sinistri, stimato in misura superiore al 200% dallo European Hospital and Healthcare Federation (Hope) Standing Commitee.

"Per cominciare una legge è indispensabile in Italia e su questo fronte le autorità presenti oggi, dal ministro ai sottosegretari, hanno preso l'impegno che ci sarà in brevissimo tempo", sottolinea il presidente Aogoi Vito Troiano. L'evento organizzato da Aogoi ha messo per la prima volta attorno a un tavolo rappresentanti di diversi paesi europei, Belgio, Francia, Germania, Malta, Spagna, Regno Unito.

"Insieme abbiamo creato il primo network europeo sul tema e abbiamo realizzato un documento condiviso affinché ci sia un monitoraggio della situazione sul fronte delle denunce e dei contenziosi" riprende Troiano.

"L'obiettivo è quello di estendere ad altre nazioni che vorranno aderire successivamente. Del resto - conclude- di fronte a tale drammatica evoluzione, l'Unione europea è rimasta fin qui pressoché inerte sia sul piano legislativo sia su quello delle proposte di sistemi operativi, volti alla conoscenza e alla soluzione dei problemi posti. Mancano, sia a livello assicurativo che delle singole nazioni, report dedicati e capaci di monitorare il fenomeno".

Marco Malagutti

Altri Articoli

Immagine di repertorio

Riguarderebbe solamente la scadenza legata alla possibilità di assumere ASO non qualificate. Intanto il Ministro avrebbe dato il via libera per avviare l’iter per la modifica del DPCM


La presidente Elena Boscagin è la prima donna ad essere eletta nella CAO nazionale. Ci ha raccontato impressioni ed aspettative dopo la prima riunione 


Il rischio, scrive il presidente CAO di Cuneo, è che con la scusa della pandemia si possano allargare competenze professionali rischiando che atto medico ed atto sanitario vengano messi sullo...


Da sempre odontotecnici e odontoiatri di tutto il mondo si sono dibattuti per cercare il sistema per codificare e riprodurre la corretta dentatura umana secondo schemi ripetibili con un unico...


Su Wikipedia, alla voce “Artigiano Digitale”, si legge: “Un artigiano digitale (detto colloquialmente maker) è una persona che svolge attività di bricolage e, in generale, di fai-da-te...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come spiegare gli interventi odontoiatrici al paziente