HOME - Cronaca
 
 
04 Luglio 2014

Prodotti Oral Care , crescono le vendite in farmacia. Un segmento che offre buone possibilità secondo l'esperto


L'Oral Care è un segmento che può offrire interessanti opportunità per la farmacia soprattutto nella risposta di qualità ai bisogni del paziente e nel cross selling tra prodotti con finalità specifiche. È questo il quadro del segmento dell'igiene orale secondo quanto spiega Lorenzo Brambilla, Consumer Health Director di Ims Health a Farmacista33.
Un area interessante, ammette Brambilla nell'intervista curata da Francesca Giani, "che mostra una crescita superiore al 3% con un contributo predominante da parte delle farmacie.

Già riportando i dati di Cosmetica Italia notavamo come nonostante la crisi gli italiani non abbiano rinunciato all'igiene orale domiciliare e come gli acquisti erano incrementati soprattutto in farmacia.

Probabilmente per una ricerca di prodotti specifici anche perchè, ricorda Brambilla, "in generale, la farmacia espone prezzi al pubblico quasi doppi rispetto ai corner della grande distribuzione per le referenze comuni ai due canali".

I prodotti più venduti in farmacia sono i dentifrici e altri prodotti per l'igiene orale, mentre deodoranti per l'alito e colluttori mostrano un andamento negativo soffrendo maggiormente della concorrenza di altri canali.

"Nelle farmacie -continua- il fatturato, che ha fatto registrare un venduto pari a oltre 106 milioni di euro, ha avuto un incremento dell'1,2% rispetto all'anno precedente. Le prime 25 aziende hanno concentrato il 93% delle vendite, con una crescita dello 0,8% mentre la coda di vendite del restante 7% ha segnato un aumento del +6,3%, sintomo di grande dinamicità delle piccolissime".

In merito ai prodotti più richiesti il Consumer Health Director di Ims Health evidenza come a livello di singoli prodotti il mercato è suddiviso tra colluttori, dentifrici, deodoranti per l'alito e altri prodotti per l'igiene orale. I colluttori costituiscono quasi la metà delle vendite (48%), con un prezzo medio a confezione di 6,24 euro, e che oscilla tra i 6,65 euro in farmacia e i 4,35 euro nella grande distribuzione (Gdo). Seguono i dentifrici, che con un costo medio per confezione di 3,43 euro (4,18 euro nella farmacia e 2,25 euro nella Gdo) realizzano il 41% delle vendite. Il restante 11% del mercato è coperto dagli altri prodotti per l'igiene orale (8% delle vendite) e dai deodoranti per l'alito (3%). Il costo medio per confezione dei deodoranti per l'alito si attesta intorno ai 3,38 euro, con un picco di 5,32 euro nelle farmacie e 1,35 euro nella Gdo. Gli altri prodotti per l'igiene orale, infine, hanno un prezzo medio per confezione pari a 5,31 euro, che media tra i 5,95 euro della farmacia e i 2,36 euro della Gdo".

Nel complesso, conclude Brambilla, l'Oral Care "risulta un segmento che offre opportunità laddove il paziente/cliente ricerca un prodotto con caratteristiche particolari e si rivolge alla farmacia con una specifica domanda di qualità. I risultati di mercato suggeriscono che in questo ambito vi siano opportunità di cross selling non completamente sfruttate, per esempio tra dentifrici e colluttori con finalità specifiche".

Articoli correlati

"Clinica e ricerca in odontoiatria restaurativa - l'innovazione": è il titolo del Convegno organizzato dal gruppo di odontoiatria restaurativa che opera presso il Servizio di...


Il prossimo 29 novembre all'Istituto Galeazzi di Milano si terrà il convegno dal titolo "Clinica e ricerca in odontoiatria restaurativa: la sintesi".Con il prof. Eugenio Brambilla...


Dentosan® è la linea completa di prodotti per un corretto ed efficace programma di igiene orale, studiati appositamente per il benessere di tutta la bocca. L'igiene orale domiciliare ha un...


Altri Articoli

Secondo i dati del 2018, nessun caso certo di contagio è avvenuto nello studio odontoiatrico. Lo 0,8% dei casi notificati si erano, anche, sottoposti a cure odontoiatriche nei 10 giorni precedenti 


In un articolo sul Corriere della Sera il presidente ANDI sottolinea le forti difficoltà del settore confermate dal fatto che “le catene internazionali stiano scappando dall’Italia”


Baruch: fondamentale informare e formare i pazienti, la loro collaborazione sarà determinante in questa fase


Una nota della CAO Nazionale ribadisce che l’odontoiatra può certificare l’assenza per malattia di un lavoratore per un periodo inferiore a dieci giorni


Dopo la richiesta di chiarimenti da parte delle farmacie, sulla percentuale minima di etanolo per i prodotti disinfettanti a base alcolica, arriva la risposta dell'Istituto superiore di sanità che...


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

COVID-19 ed odontoiatria, il punto del prof. Roberto Burioni