HOME - Cronaca
 
 
11 Settembre 2014

Aiutare i cittadini in difficoltà è un dovere deontologico. Renzo (CAO): beneficenza e solidarietà rifuggono dalla pubblicità


De sempre i dentisti, nel promuovere la salute orale, sono impegnati in attività sociali per aiutare le persone che non possono accedere alla cure.
Attività, come tutte quelle legate al volontariato, che vengono esercitate e promosse dal singolo secondo la sua natura e la propria sensibilità. Alcuni lo fanno nell'ombra e senza clamori, altri ritengono giusto cercare di fare conoscere alle persone in difficoltà le iniziative attivate dal proprio studio attraverso i media.

E proprio questo voler informare non è sempre ben visto dai colleghi.

Sul tema interviene in presidente CAO Giuseppe Renzo commentando l'iniziativa di un dentista di Grosseto che recentemente ha promosso, mezzo stampa, visite gratuite verso i ragazzi fino a 14 anni. Ma negli stessi giorni la stampa locale ha promosso iniziative simili di altri studi odontoiatrici in Italia.

"La necessità di farsi carico di situazioni di disagio economico e sociale -scrive il presidente CAO sul sito della FNOMCeO- è del resto dovere deontologico che è stato anche riconfermato in occasione dell'ultima stesura del Codice di Deontologia medica".
Necessità di attivare iniziative sociali ribadite anche dalla stessa CAO nel documento presentato nel 2012 alla Presidenza della Repubblica in cui veniva sottolineato come il volontariato deve "costituisce un punto di riferimento ed un impulso per tutti gli odontoiatri a dedicare una parte della loro attività professionale all'assistenza disinteressata alle categorie disagiate".

"È evidente -ricorda Renzo- che l'attuale, ben nota, crisi economica che sta investendo la nostra società rende sempre più indispensabili risposte di solidarietà dirette a far fronte in primo luogo alla tutela della salute delle persone".
E gli italiani "nel silenzio e senza dare risalto alle loro iniziative", ricorda il presidente CAO si preoccupano di aiutare i più deboli e coloro che non hanno possibilità di accedere alle cure odontoiatriche.

Presidente CAO che vuole puntualizzare, però, "la vera beneficenza e il meritorio volontariato, per loro natura rifuggono dalla pubblicità e hanno tanto più valore quanto più si svolgono nella riservatezza della coscienza dei loro promotori".

A questo link l'intervento integrale del presidente Renzo

Articoli correlati

L’Ordine di Bergamo attiva il primo Dossier di Gruppo per odontoiatri, il presidente CAO Stefano Almini ci spiega come funziona ed i vantaggi abbinati alla adesione


In una nota viene ribadita la natura di proposta del documento approvato dalla CAO nazionale in tema di pubblicità sanitaria, annunciandone uno condiviso anche con i medici


Austa (CAO Asti): serve chiarezza su quelli che possono garantire l’esenzione dall’obbligo di attestato ASO


La fotografia degli specialisti iscritti all’Albo laureati in odontoiatria e di quelli laureati in medicina


Centrale il ruolo delle CAO nell’attività di verifica su autorizzazioni e pubblicità e maggiore dialogo tra tutti i soggetti coinvolti


Altri Articoli

Italiani confermano di preferire per gli acquisti la grande distribuzione mentre calano le vendite in farmacia. Crescono gli acquisti online


Gli iscritti in ritardo con i pagamenti potranno godere di una serie di agevolazioni, ridotte le sanzioni per chi si mette in regola prima dell’accertamento


Sconti per i soci ma anche l’impegno a non operare in forma diretta verso i pazienti


Udienza alla FNOCMeO, Papa Francesco ai medici: non assecondate la volontà di morte del malato


Dentisti e laboratori odontotecnici analizzano il giudizio dato dagli Indici di Affidabilità Fiscale. Ecco chi si può sentire in regola e chi no


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi