HOME - Cronaca
 
 
11 Settembre 2014

Aiutare i cittadini in difficoltà è un dovere deontologico. Renzo (CAO): beneficenza e solidarietà rifuggono dalla pubblicità


De sempre i dentisti, nel promuovere la salute orale, sono impegnati in attività sociali per aiutare le persone che non possono accedere alla cure.
Attività, come tutte quelle legate al volontariato, che vengono esercitate e promosse dal singolo secondo la sua natura e la propria sensibilità. Alcuni lo fanno nell'ombra e senza clamori, altri ritengono giusto cercare di fare conoscere alle persone in difficoltà le iniziative attivate dal proprio studio attraverso i media.

E proprio questo voler informare non è sempre ben visto dai colleghi.

Sul tema interviene in presidente CAO Giuseppe Renzo commentando l'iniziativa di un dentista di Grosseto che recentemente ha promosso, mezzo stampa, visite gratuite verso i ragazzi fino a 14 anni. Ma negli stessi giorni la stampa locale ha promosso iniziative simili di altri studi odontoiatrici in Italia.

"La necessità di farsi carico di situazioni di disagio economico e sociale -scrive il presidente CAO sul sito della FNOMCeO- è del resto dovere deontologico che è stato anche riconfermato in occasione dell'ultima stesura del Codice di Deontologia medica".
Necessità di attivare iniziative sociali ribadite anche dalla stessa CAO nel documento presentato nel 2012 alla Presidenza della Repubblica in cui veniva sottolineato come il volontariato deve "costituisce un punto di riferimento ed un impulso per tutti gli odontoiatri a dedicare una parte della loro attività professionale all'assistenza disinteressata alle categorie disagiate".

"È evidente -ricorda Renzo- che l'attuale, ben nota, crisi economica che sta investendo la nostra società rende sempre più indispensabili risposte di solidarietà dirette a far fronte in primo luogo alla tutela della salute delle persone".
E gli italiani "nel silenzio e senza dare risalto alle loro iniziative", ricorda il presidente CAO si preoccupano di aiutare i più deboli e coloro che non hanno possibilità di accedere alle cure odontoiatriche.

Presidente CAO che vuole puntualizzare, però, "la vera beneficenza e il meritorio volontariato, per loro natura rifuggono dalla pubblicità e hanno tanto più valore quanto più si svolgono nella riservatezza della coscienza dei loro promotori".

A questo link l'intervento integrale del presidente Renzo

Articoli correlati

Il presidente Filippo Anelli: vaccinare subito contro il Covid-19 tutti i medici libero professionisti e soprattutto anche gli odontoiatri


Il neo assessore Moratti conferma il ruolo degli Ordini provinciali nella raccolta dei nominativi degli aderenti 


Pollifrone (CAO Roma): ora oltre medici, odontoiatri e igienisti dentali liberi professionisti si deve garantire la vaccinazione anche a tutto il personale di studio


D’Agostino (CAO): accolta la richiesta dell’ordine. Saranno le ASL a contattare direttamente i professionisti per prenotare la vaccinazione


Odontoiatri potranno proporsi anche come somministratori delle dosi di vaccino alla popolazione. Firmato il protocollo tra Ordine e Regione


Altri Articoli

Mentre il Parlamento europeo si interroga su di un possibile “passaporto sanitario” necessario per poter viaggiare tra gli Stati, in sanità si sta cominciando a discutere...

di Norberto Maccagno


Con un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate viene posticipata la scadenza dell’invio dei dati per fatture emesse, e rimborsate, nel 2020


Marin (ANTLO): ognuno a caldeggiare le proprie necessità, perché non si è fatto fronte comune? Davanti alla salute, misero rivendicare distinguo sindacali


Classificazione, rapporto con i pazienti e come le nuove tecnologie possono aiutare la cura, sono tra gli argomenti affrontati nel video incontro con la dott.ssa Morena Petrini


AIO chiama i tavoli ministeriali: ‘’fare presto con la legge’’. Odontoiatri a rischio convenzionamento con ASL


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

La nuova visione della parodontologia: sempre più correlata alla salute generale