HOME - Cronaca
 
 
29 Maggio 2009

I laureati e il mondo del lavoro. Medicina e professioni sanitarie le lauree "sicure"

di Norberto Maccagno


In tempi di competitività dei mercati una delle strategie vincenti è sicuramente, a detta di molti economisti, l’investimento in istruzione, innovazione e ricerca. Parole che nella crisi che stiamo attraversando potrebbero costituire la chiave di volta per migliorare a medio e lungo termine le prospettive del Paese oltre che quelle personali.
Ma qual è la reale situazione occupazionale dei giovani laureati in Italia?
Dal rapporto recentemente presentato dal Consorzio interuniversitario almalaurea emerge una fotografia chiara della situazione. La ricerca ha coinvolto 300.000 laureati di 47 università italiane di cui 140.000 laureati nel 2007 intervistati a un anno dalla laurea. La maggioranza (105.439) con laurea breve (3 anni), 30.355 con laurea specialistica (3 + 2 anni) e 7.715 laureati specialistici a ciclo unico (come medici, veterinari).
Il rapporto analizza anche quelli che sono gli investimenti in termini di spesa pubblica destinati all’università e i dati che emergono sono sconfortanti: tra i Paesi europei l’Italia è quella che destina minori risorse all’istruzione universitaria (0,78% del Pil rispetto all’1,32% degli Usa, del 1,21% della Francia, 1,16 della Germania e ben il 2% dei Paesi scandinavi). Le cose non vanno meglio se si considerano gli investimenti in ricerca e sviluppo: l’Italia rimane fanalino di coda tra i Paesi industrializzati con l’1,10% del Pil. Tutto ciò si traduce in un numero di laureati pari a 17 su cento rispetto ai 22 della Germania, dei 39 della Spagna, dei 41 della Francia che limitano l’offerta di risorse umane qualificate sui mercati internazionali.
Quindi, premesso che l’Italia investe poco e che il numero dei laureati è comunque inferiore al necessario, il rapporto analizza la situazione occupazionale dei laureati a un anno dalla laurea confrontando la situazione tra il 2001 (prima della riforma) e il 2008. Tra i dati pubblicati emerge che, rispetto all’anno precedente, il tasso di occupazione subisce un calo dello 0,5%, mentre aumenta del 3% il tasso di disoccupazione e si riduce del 6% la quota di laureati occupati. Nonostante ciò si conferma che l’alto livello di istruzione risulta premiante nell’arco della vita lavorativa (25 -64 anni) perché i laureati risultano avere un tasso di occupazione pari al 78% rispetto al 67% di chi ha conseguito un diploma di scuola superiore con ripercussioni anche sul reddito che nel 65% dei casi è più elevato rispetto a quello dei diplomati.
I livelli di occupazione variano secondo il percorso di studi: nel 2007 i più occupati sono risultati essere i medici e i professionisti sanitari con l’84,4% (non è stata fatta una suddivisioni delle possibilità dei vari professionisti della salute), seguiti dai chimici farmaceutici con il 33,1%. Il guadagno netto è pari a 1.304 euro per medici e professioni sanitarie e 930 per i chimici-famaceutici. I laureati specialistici nel 2007, a un anno dal conseguimento della laurea, lavorano nel 97,7% se sono medici e professionisti della salute, dei quali il 91,8% ha un contratto a tempo indeterminato, mentre il 3,1% come lavoratori autonomi e il resto con rapporti di collaborazione a tempo determinato. Il guadagno mensile per un medico specialista è pari a 1.530 euro.
La maggior parte dei laureati, dopo cinque anni dalla laurea, è entrato nel mondo del lavoro: il tasso di occupazione per i laureati del 2003 è pari all’84% e la stabilità del lavoro coinvolge il 70% degli occupati.
Per quanto riguarda le retribuzioni, la situazione registra un peggioramento negli ultimi quattro anni con una riduzione circa del 6% e un guadagno netto mensile pari a 1.343 euro, con il medico che raggiunge i 2.026 euro, seguito dall’ingegnere con 1.678.

GdO 2009; 7

Articoli correlati

Mercoledì 25 maggio si terrà presso l’Università Vita-Salute San Raffaele la consueta giornata di presentazione dell’offerta didattica delle Facoltà di Medicina e Chirurgia e della Facoltà...


La notizia è che dopo alcuni anni torna il dibattito sul numero dei posti per l’accesso al corso di laurea in odontoiatria e sugli italiani che si laureano all’estero. Da...

di Norberto Maccagno


La CAO di Roma ogni anno premia gli iscritti che raggiungono questo traguardo


Un viaggio all'interno di un corso di studi ancora troppo spesso sottovalutato, ma con grandi prospettive


Altri Articoli

DiDomenica     02 Agosto 2020

Quando vi serve, noi ci siamo

Attraverso il DiDomenica prima della chiusura estiva e quello di fine anno, solitamente cerchiamo di fare dei bilanci sul periodo che si conclude. Ovviamente questa volta non mi...

di Norberto Maccagno


Dal COI corso FAD da 50 crediti per Odontoiatri, Igienisti, Medici di medicina generale, Pediatri, Geriatri, Psicologi, Neurologi, Otorinolaringoiatri, Infermieri


L’Agenzia delle Entrate indica come comportarsi se il paziente utilizza App che sostituiscono nel pagamento il Pos o la carta di credito


La proroga dell’emergenza penalizza il mondo della formazione, le preoccupazioni di Federcongressi e ECM Quality Network


Savini: “evitano il peggio. Grazie al lavoro di AIO ed ANDI state cassate norme che altrimenti avrebbero imposto adempimenti gravosi agli Odontoiatri”


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Annuncio in Evidenza


28 Luglio 2020
Vendo attrezzatura completa per studio odontoiatrico

Vendo attrezzatura completa per ambulatorio odontoiatrico a Santarcangelo di Romagna (Rimini): riunito OMS in ottimo stato, separatore amalgama, compressore e pompa aspirazione, 2 mobili componibili, 2 servomobili, radiologico NOVAXA con testata DE GOTZEN, autoclave TECNO-GAZ classe B con stampante, sigillatrice MELAG, lampada fotopolimerizzante, 4 plafoniere con neon, strumenti per chirurgia orale, conservativa ecc in ottime condizioni. Tutto a norma CE. E 3000,00 COMPRESO SMONTAGGIO E IMBALLAGGIO. Foto inviabili. Per informazioni telefonare a Ricardo 347/4120042 (email: ricardo.ricci@email.it).

 
 

Speciale in Evidenza


 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Paziente o cliente, il punto di vista del dentista e del u201cconsumatoreu201d