HOME - Cronaca
 
 
07 Ottobre 2014

Anche in USA l'economia dentale in discesa nel 2013. Per la ripresa si dovrà attendere il 2023


Il settore dentale dal punto di vista economico sta vivendo una forte recessione e nonostante i segnali di ripresa dell'economia USA recupera molto più lentamente di altri settori.
E' quanto emerge da una nota dell'American Dental Association diffusa in questi giorni.  L'occasione ci spiega Craig Palmer addetto stampa ADA è l'ultimo rapporto del Centers for Medicare & Medicaid Services (CMS).

Il CMS è l'agenzia federale del Ministero della Salute USA che gestisce Medicare (assicurazione pubblica per gli over 65 e disabili) e lavora in  partnership con:  Medicaid ( Agenzia per l'assistenza sanitaria per persone a basso reddito), Children's Health Insurance Program (CHIP) programma governativo a tutela dei minori in famiglie a basso reddito e  le Assicurazioni private Americane  del ramo Malattia.

Ogni anno il CSM  sulla base di  calcoli attuariali che tengono conto di  fattori come la crescita economica, le tendenze demografiche, valuta la propensione dei cittadini Americani a spendere dollari in assistenza sanitaria.

Il report del CSM informa che nel 2013 la crescita della spesa sanitaria e rimasta a livelli moto bassi   ed inferiori a quelli all'anno precedente.

Nel decennio successivo,  fino al 2023 sono però previsti segnali di ripresa con un aumento della spesa odontoiatrica dagli attuali 113 miliardi di dollari all'anno a 198, 8 miliardi di dollari nel 2023 con un tasso di crescita medio del 5,1%.

Alla richiesta di ADA di spiegare il maggiore impatto della recessione sull'economia dentale, lo staff del CSM dichiara che il settore dentale è molto sensibile alle fluttuazioni dell'economia e che l'attuazione dell' Obama Care (la celeberrima riforma sanitaria voluta da Obama ) che a regime dovrebbe dare a tutti i cittadini americani una assicurazione malattia, viaggia a rilento e con molti ostacoli. La contribuzione da parte dei datori di lavoro per la copertura delle cure dentali  prevista  non è stata avviata. Ampie fasce di popolazione non hanno copertura assicurativa nè capacità di spesa.

A cura di: Davis Cussotto, odontoiatra libero professionista Twitter @DavisCussotto

Articoli correlati

Per la scelta si punta sullo studio tradizionale ma crescono studi in franchising e convenzionati


Foto forntia dal sito del Governo

La vittoria del No al referendum costituzionale e le dimissioni del premier Matteo Renzi (nella foto il momento dell'annuncio dele dimissioni), con conseguente crisi di Governo, potrebbero portare...


L'ultima è la pensione anticipata dalle banche a chi va via in anticipo, esodati inclusi, per una somma che il pensionato restituirà con gli interessi una volta che a pagare l'assegno...


La maggior parte degli studi dentistici USA ha vissuto negli ultimi 5 anni un calo di redditività. A rivelarcelo è Roger Levin dentista e consulente aziendale che ha dedicato a questo...


Altri Articoli

Lo chiedono i presidenti CAO della Calabria prima della riapertura degli studi. Si deve prevedere canali privilegiati ed incentivi per l’approvvigionamento di DPI


A marzo il portale di Edra sfiora il milione di pagine viste. Successo anche della Fad e dei webinar. Dental Cadmos di aprile è ora scaricabile on-line


L’app DoctOral permetterà ai medici e odontoiatri di avere un percorso guidato nel riconoscimento delle lesioni del cavo orale e nel trattamento odontoiatrico


Il dott. Caprara avanza alcune ipotesi e suggerimenti su come gestire l’attuale momento, i costi e la ripartenza, a seconda di quanto avverrà


ENPAM: dopo le prime verifiche, nei prossimi giorni già i primi pagamenti; ma attenzione alle false autocertificazioni. Consigli anche per l’indennizzo ENPAM dei 1000 euro


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Corsi ECM

 
 
 
 
 
 

I più letti

 
 

Corsi, Convegni, Eventi

 
 
 
 
 
 
 
 

Guarda i nostri video

Guarda i nostri video

Come deve essere organizzato lo studio al tempo di emergenza da coronavirus, i consigli del presidente SIdP